laRegione
euro-sfumato-coach-deluso-a-meta-uniti-ma-e-mancata-esperienza
Keystone
Il bilancio di Gianluca Barilari
Altri sport
23.02.21 - 17:510
Aggiornamento : 18:07

Euro sfumato, coach deluso a metà: 'Uniti, ma è mancata esperienza'

Intervista a Gianluca Barilari, che traccia un bilancio sulla non qualificazione della Svizzera a Eurobasket 2022. Il suo futuro 'si deciderà fra qualche settimana'.

Gianluca Barilari è un coach felice o deluso del torneo di qualificazione a Eurobasket 2022?

Deluso, ma al contempo soddisfatto. Deluso per la partita persa in casa contro la Finlandia e per come abbiamo affrontato i finnici venerdì: ci è mancato il giusto approccio a un match fondamentale, nel quale il peso delle responsabilità ha pesato su alcuni giocatori poco esperti di queste situazioni. Soddisfatto, invece, per avere visto la squadra dare tutto sino all’ultimo, anche nell'incontro contro la Serbia che era ininfluente. Il nostro è un gruppo di ragazzi eccezionali e uniti come pochi: non finirò mai di ringraziarli.

Quali sono i motivi principali alla base di una vittoria e cinque sconfitte?

Ci sono mancate due cose. La prima è un play o una guardia di spessore internazionale, perché un altro come Kazadi non l’abbiamo. Lui ha fatto l’impossibile, sebbene nel suo club giochi da ala; ma si è messo a disposizione con grande serietà, perché ne avevamo bisogno. E la seconda: almeno un lungo che abbia la stazza adeguata per reggere i colossi che ti trovi contro.

In alcune gare si sono visti recuperi importanti; in altre, sprechi nel finale. Come lo spieghi?

Certamente con un’esperienza in campo europeo di pochi giocatori; inoltre con una miriade di tiri liberi sbagliati, che ci sono costati moltissimo; infine con una mancanza di continuità di rendimento nell’ambito della stessa gara. Il risultato è stato che vantaggi alti, anche di 18 punti, sono svaniti in pochi minuti perché si è perso il concetto di lavoro di squadra.”

Quindi la carenza di giocatori abituati alle scene europee ha avuto un peso?

Senza voler distribuire colpe - perché nessuno lo meriterebbe, considerato l’impegno che tutti hanno messo dal primo all’ultimo minuto di questa esperienza europea -, è innegabile che non abbiamo giocatori dello stesso valore, come in qualsiasi squadra. La differenza la fanno le panchine più attrezzate, quindi quelle delle nazioni che hanno un serbatoio molto più ampio al quale attingere. Io posso solo dire grazie a tutti. 

Perché si è ingaggiato un altro assistent coach, Fabio Corbani, per le ultime due gare? 

Io lavoravo con lui già da diversi anni e mi sarebbe piaciuto averlo prima di qualche settimana fa. Il suo valore aggiunto è quello di un coach che ha allenato a Siena, Cantù e Treviso, mica il Rasa; che quindi ha esperienze importanti da trasmettere, utili a tutti per crescere.

I tiri liberi (86/231, il 65% di realizzazioni) sono stati una palla al piede in molte sfide: come mai?

Anche in questo caso possiamo parlare di controllo sotto pressione. Non sono tutti scarsi come le cifre potrebbero indicare, ma in taluni frangenti la palla pesa quanto una medicinale. Se non si hanno la giusta freddezza e il controllo delle emozioni, il rischio dell’errore aumenta esponenzialmente. Noi questo lo abbiamo pagato a caro prezzo, con un 11/33 contro la Georgia e 14/31 contro la Finlandia, partite perse di un niente.

Kazadi è risultato il miglior rimbalzista con 39 (23 difensivi e 16 offensivi), seguito da Jurkevitz con 29 e Cotture con 28. Che tipo di segnale è questo?

A livello di rimbalzi siamo quasi sempre stati superiori alle avversarie e questo è un segno di compattezza sotto le plance, per evitare secondi tiri. Però abbiamo prodotto pochi contropiedi, perché le aperture non sempre hanno funzionato. Chiaramente, come detto prima, avere un giocatore da due metri e 10 e 120 chili, cambierebbe anche questo aspetto; ma non l’abbiamo.

Il tiro da tre punti è un'arma letale per tutte le squadre?

È la moda, dopo il pick and roll che è comunque ancora in auge e che noi abbiamo sfruttato anche bene. Il tiro da tre è quello che permette vantaggi e recuperi, sempre che funzioni. Tutte le squadre ne fanno un grande uso e noi siamo fortunati ad avere giocatori come Kovac e i due Mladjan, che sanno essere micidiali. Poi tocca all’avversaria prendere le contromisure. Ovviamente se si fa 1/17 in un tempo, come nella nostra prima sfida contro la Finlandia, i punti persi sono o possono essere letali. Per noi, senza grossi pivot per giocare dentro l’area, è un’arma fondamentale e lo si è visto anche in gara 6.

Le avversarie sono lontane o vicine, al di là di formazioni più o meno al top?

Direi più vicine, se confrontate con il ranking, perché ce la siamo giocata contro tutte. Poi si è visto come l’assenza di Baldassarre e l’innesto di Kopponen dalla loro parte, abbiano permesso alla Finlandia di batterci con meno fatica. La Serbia e la Georgia che vedremo agli Europei, avranno ancora una qualità superiore alle squadre che abbiamo affrontato noi. Però abbiamo dimostrato di potercela giocare, perché per finire conta chi sta in campo, non il potenziale crack che non c’è. E questo è motivo d’orgoglio per tutti.

Il modo di arbitrare in Europa è molto diverso rispetto al nostro, blando e ondivago.

Usano un metro che permette la fisicità, ma non le spinte e le trattenute, i blocchi in movimento e altro. Bisogna sapersi adattare in fretta, altrimenti si va in bonus in un attimo, come abbiamo visto. Anche questo fa parte dell’esperienza che si acquisisce.

Lo staff tecnico ha funzionato?

Ottimamente. Con Stimac siamo sempre stati leali, oltre che e aperti a critiche e a trovare le soluzioni migliori; poi alla fine decidevo io. Ma stima reciproca e rispetto sono stati al top. Con l’arrivo di Corbari, poi, abbiamo avuto un confronto in più ed è stato positivo.

Qual è il tuo futuro? E quello di questa nazionale?

Per quanto riguarda il mio futuro, faremo un’analisi fra qualche settimana: si valuterà il tutto e si prenderanno decisioni. Per la nazionale si vedrà come allargare il parco giocatori e quali mezzi si avranno per continuare a costruire.

Restiamo in attesa per capire se questa nazionale avrà gli stessi condottieri o se si apriranno nuovi scenari. Di sicuro l’operato di Barilari e del suo staff va lodato, per aver saputo riportare interesse, entusiasmo e affetto verso la nazionale: i sogni di qualificazione a Eurobasket 2022 sono svaniti al tramonto, ma tutti sono pronti a farli rivivere in futuro.

 

 

 

 

 

 

SPORT: Risultati e classifiche

SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
6 ore
Il Lugano stringe i denti, vince e blinda la salvezza
I bianconeri battono il Losanna con un gol di Maric e raggiungono quota 40, considerata da Jacobacci la quota sicurezza. Ora possono pensare ai quarti di Coppa
Il tramonto della Valascia
8 ore
‘Questo stadio mancherà a tutti’
Un giornalista e un ex giocatore (pure nei panni dell'avversario) sfogliano l'ultima pagina dell'album
Hockey
21 ore
Alexandra e Tim, due bastoni e... una fattoria
Portiere delle Ladies lei, attaccante dei bianconeri lui: due carriere distinte ma con parecchi punti in comune
Hockey
1 gior
Il Lugano conosce il suo rivale: nei quarti sfida il 'Rappi'
Trascinati dal loro portiere Melvin Nyffeler, a sorpresa i sangallesi eliminano il Bienne nei pre-playoff di National League. Il Davos, invece, è sull'1-1
Calcio
1 gior
Tra Chiasso e Kriens finisce 0-0. Un'occasione sprecata
I rossoblù costretti al pareggio da una squadra lucernese scesa in Ticino per barricarsi. ‘Ma la stagione è ancora lunghissima‘, dice il rientrante Maccoppi
NUOTO
1 gior
Tre record ai Nazionali di Uster. E il Ticino fa la sua parte
Noé Ponti brilla ancora ai campionati svizzeri, polverizzando l'8'06''64 di Stefan Sigrist sugli 800 stile libero, che resisteva da dodici anni
Tennis
1 gior
A Bellinzona continua il sogno di Simona Waltert
La ventenne grigionese vince la sfida con la coriacea Jana Fett e si qualifica alle semifinali del torneo Itf W 60
Calcio
1 gior
Europei di calcio, dodici città pronte ad aprire al pubblico
In sospeso, oltre a quelle di Bilbao e Dublino, restano le sorti di Monaco e Roma. 'Hanno tempo fino al 19 aprile per informarci sui loro piani', dice l'Uefa
CICLISMO
1 gior
Doppietta Deceuninck con Honoré e Cerny
Al Giro dei Paesi Baschi la corsa si deciderà domani con sette salite in 112 km. Al comando sempre lo statunitense McNulty
CALCIO
1 gior
Lugano, c'è quel 2-0 da vendicare
I bianconeri ricevono il Losanna che a fine febbraio aveva dominato la sfida della Tuilière. Maurizio Jacobacci: ‘I presupposti sono diversi’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile