laRegione
27.07.22 - 05:30

Sergi e l’Mps tendono la mano a socialisti e Verdi

Mentre Bellinzona avanza con vigorose pedalate verso il Tour de France, in Svizzera ad avanzare, purtroppo, è la piaga dell’alcol fra i giovani

sergi-e-l-mps-tendono-la-mano-a-socialisti-e-verdi

Sinistra compatta in vista delle prossime elezioni cantonali. La proposta viene dal Movimento per il socialismo, che per bocca del suo coordinatore, Giuseppe Sergi, dalle nostre colonne, anticipando un documento di cinque pagine, tende la mano a Ps e Verdi e parla di "cambio di paradigma" dettato dal fatto che "siamo di fronte a un profondo cambiamento dei rapporti di forza a livello locale, nazionale e internazionale: in Italia si rischia di avere un primo ministro fascista, in Francia sono appena stati eletti novanta deputati del Front national… la sinistra deve trovare il modo di reinventarsi ed essere all’altezza delle sfide che ha davanti".

In Tunisia, con la nuova Costituzione si ritorna al passato e al presidente plenipotenziario, cancellando i sogni di gloria della Rivoluzione del 2011. Roberto Scarcella ci racconta la svolta autoritaria del Paese africano con La Restaurazione dei Gelsomini

Una piaga che affonda radici sempre più giovani. È quella dell’alcolismo, sulla quale si sofferma l’obiettivo dell’approfondimento odierno. Per raccontare di chi, troppo spesso, seppure minorenne, riesce a procurarsi alcol senza incontrare grossi ostacoli. Un fenomeno di cui abbiamo parlato con Markus Meury, direttore di Dipendenze Svizzera.

Il Tour de France in Ticino? L’idea, avanzata ieri da Antonio Ferretti, stuzzica assai il responsabile del turismo per Bellinzona e Valli Juri Clericetti. Che rilancia pure: "A titolo personale, come direttore dell’Organizzazione turistica regionale Bellinzona e Alto Ticino, se potessi indicare una preferenza, opterei per un Grand Départ del Tour de France. Anzi, sia per l’impegno finanziario richiesto, sia per la visibilità che otterrebbe, tale formula calzerebbe a pennello per la nostra realtà, con ricadute positive sull’intero Ticino".

È online la piattaforma culturadellacostruzionesvizzera.ch: per la riflessione sugli spazi che progettiamo, edifichiamo e plasmiamo, per i quali si dovrebbe tenere conto di criteri multidisciplinari perché costruire è cultura e, se fatto bene, influisce sulla qualità di vita dei cittadini.

Leggi anche:

L‘Mps: ’Lista unica della sinistra per governo e parlamento’

La Restaurazione dei Gelsomini

A 11 anni acquista online il gin e glielo recapitano a casa

Il Tour de France a Bellinzona? ‘Positivo per tutto il Ticino’

Costruire è un atto culturale e deve far bene alle persone

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved