laRegione
l-appello-gatto-svizzero-cerca-la-padrona-ligure
08.02.21 - 22:08

L'appello: gatto svizzero cerca la padrona ligure

Da Crans Montana a Genova, mobilitazione nei due Paesi per ritrovare la donna che lo accudì, per ora senza identità. Un numero di telefono per le segnalazioni

Un intrigo felino e internazionale che parte dalla Svizzera per approdare in Italia, a Genova in cerca del lieto fine. Baba, bellissimo gatto bianco e grigio a pelo lungo, cerca di ritrovare la sua mamma umana smarrita per una serie di sfortunate circostanze. La storia inizia nell'estate del 2019 quando Baba (così è stato ribattezzato) e la sua mamma umana si trovavano in vacanza in Svizzera, a Crans - Montana presso The Hitroom dell'hotel residence "Cristina", in rue du Pas de l'Ourse 61. Al termine della vacanza, al momento di ripartire, Baba sparisce. Inutili le ricerche da parte della sua mamma che con la morte nel cuore è costretta a ripartire.

Ma Baba dopo qualche tempo si rifà vivo dalle parti del residence. Gli abitanti della zona lo sfamano ma l'inverno sulle montagne svizzere è molto rigido. Nel febbraio 2020 Baba inizia a frequentare assiduamente il giardino di una signora e a ottobre dello stesso anno entra definitivamente in casa sua. Il veterinario conferma che Baba ha circa 12 anni, sordo da un orecchio, gli manca qualche dente forse a causa del periodo vissuto da randagio, è castrato ma purtroppo non è microchippato.

L'amica di Baba, che lo sta amorevolmente ospitando, non può adottarlo definitivamente ma desidera che il suo caro peloso ritrovi finalmente la sua proprietaria. I tentativi di risalire all'identità e quindi di rintracciare la padrona, conducono in Liguria, forse a Genova grazie alle testimonianze di alcuni villeggianti che ricordano una signora che parlava italiano e aveva una macchina targata Genova. Purtroppo, gli appartamenti della struttura di Crans Montana non hanno l'obbligo di tenere il registro degli ospiti.

La campagna è stata rilanciata dal giornale genovese Il Secolo XIX. Chiunque avesse informazioni utili a rintracciare questa signora può mettersi in contatto con Daniele Tinsman (mail: tinsman@bluewin.ch; tel.: +41795388573)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
animali crans montana gatto genova
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Curiosità
Curiosità
2 gior
Ponti dorati: 35 milioni per quello di Waterloo dipinto da Monet
Cifra da capogiro per l’opera realizzata nel 1904, partita con un piede d’asta di 20 milioni di sterline. Cinque i privati a contendersela
Curiosità
2 gior
La prima chitarra non si scorda mai: ritrovata 46 anni dopo
Un rocker canadese vola in Giappone per riabbracciare la sua Gretsch, che gli era stata sottratta a Toronto nel 1976
Curiosità
4 gior
Anche il Borscht diventa patrimonio dell’Unesco
Il piatto tipico della cucina ucraina verrà iscritto fra i beni culturali immateriali: chiuso con un anno d’anticipo l’iter avviato nel 2019
Curiosità
5 gior
Battuta all’asta una ciliegia (una sola!) per 282 franchi
Per il loro sapore dolce e la gradevolezza al palato, i frutti della qualità Juno Heart sono ritenuti un articolo da regalo di alta fascia
Curiosità
1 sett
La Torre del Moron perde i pezzi, Mario Botta: ‘Rattristato’
Inaugurata 18 anni fa, perde gli scalini esterni. L’architetto ticinese ricorda di averla disegnata, ma di non averne seguito la costruzione
Curiosità
1 sett
Robot razzista e sessista addestrato sul web
Fa discutere un esperimento condotto negli Stati Uniti, dove un robot ha imparato ad agire secondo stereotipi comuni
Curiosità
1 sett
Il Toblerone verrà prodotto anche in Slovacchia
Secondo la radio Srf, non potrà più essere etichettato come ‘cioccolato al latte svizzero’. Lo spostamento di parte della produzione avverrà a fine 2023.
Curiosità
2 sett
La carta batte il sasso, Maika 1° e Pogacar 2° alla morra cinese
Il due volte vincitore di Tour de France e lo scalatore polacco al Giro di Slovenia, già sicuri della vittoria, si sono giocati il primo posto.
Curiosità
2 sett
Zoo di Berna, parto di alci dopo undici anni
Si tratta di due gemelli che hanno trascorso le prime settimane insieme alla madre in un recinto al riparo dagli sguardi del pubblico.
Curiosità
2 sett
Lunga vita agli iconici panni stesi sui balconi di Napoli
Eliminata dalla bozza del regolamento comunale la parte dedicata al decoro urbano che ne prevedeva il divieto
© Regiopress, All rights reserved