laRegione
18.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 10:31

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori

la-differenza-tra-sindacati-forti-e-quelli-supini
Depositphotos

In caso di una vertenza con il datore di lavoro o di rinnovo del contratto collettivo, da chi vorreste farvi rappresentare? Da un sindacato ‘francescano’ e supino agli imprenditori o da un sindacato finanziariamente forte, politicamente coerente e con un patrimonio solido frutto di una gestione oculata pluridecennale delle quote dei propri associati? La domanda è retorica. Nessuno darebbe mandato a un avvocato – mettiamola così – povero in canna e noto per accordarsi al ribasso con la controparte. Eppure per molte anime belle di questo cantone dovrebbe essere proprio il contrario. Non è concepibile che un sindacato come Unia, dichiaratamente di sinistra e quindi di default anticapitalista, sia anche ricco. Una situazione che manda in confusione chi sa di essere in malafede. Si dimentica volutamente che i contratti collettivi di lavoro sono frutto di negoziati tra forze contrapposte. Se uno dei due in campo è debole, gli accordi sono solo a favore del più forte che non è il lavoratore. O forse è quello che in realtà si auspica: docili sindacalisti portati a manina da chi vede nei lavoratori fastidiosa zavorra da pagare il meno possibile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
6 min
La Camera dei Lord dentro di te
Il leader laburista britannico Starmer ha promesso che se vincerà le prossime elezioni abolirà la Camera Alta
IL COMMENTO
1 gior
A Palazzo federale trionfa la concordanza. E la maggioranza
L’armonia ha regnato nel rinnovo parziale del Consiglio federale. Ma nella ripartizione dei dipartimenti si è imposta (senza voto) la maggioranza Udc/Plr
IL COMMENTO
2 gior
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
3 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
4 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
6 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 sett
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 sett
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
© Regiopress, All rights reserved