laRegione
la-differenza-tra-sindacati-forti-e-quelli-supini
Depositphotos
18.10.21 - 05:30
Aggiornamento : 10:31

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori

In caso di una vertenza con il datore di lavoro o di rinnovo del contratto collettivo, da chi vorreste farvi rappresentare? Da un sindacato ‘francescano’ e supino agli imprenditori o da un sindacato finanziariamente forte, politicamente coerente e con un patrimonio solido frutto di una gestione oculata pluridecennale delle quote dei propri associati? La domanda è retorica. Nessuno darebbe mandato a un avvocato – mettiamola così – povero in canna e noto per accordarsi al ribasso con la controparte. Eppure per molte anime belle di questo cantone dovrebbe essere proprio il contrario. Non è concepibile che un sindacato come Unia, dichiaratamente di sinistra e quindi di default anticapitalista, sia anche ricco. Una situazione che manda in confusione chi sa di essere in malafede. Si dimentica volutamente che i contratti collettivi di lavoro sono frutto di negoziati tra forze contrapposte. Se uno dei due in campo è debole, gli accordi sono solo a favore del più forte che non è il lavoratore. O forse è quello che in realtà si auspica: docili sindacalisti portati a manina da chi vede nei lavoratori fastidiosa zavorra da pagare il meno possibile.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lavoratori unia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
14 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved