laRegione
m5s-la-diversita-di-essere-uguali
Keystone
Alf, alieno anni 80 in versione giacca e cravatta
laR
 
25.06.22 - 05:30

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso

C’era una battuta che faceva sempre Beppe Grillo, cambiando di volta in volta il dileggiato, solitamente un politico dal poco carisma: "È arrivata un’auto e dentro non c’era nessuno, si è aperta la portiera ed è uscito Gentiloni".

A voler essere cattivi, oggi ci si potrebbe infilare Di Maio nel ruolo del passeggero inesistente che sbatte la portiera e scende. Il problema è che questa volta l’inconsistenza generale è tale che non c’è neanche la macchina da cui scendere. L’hanno smontata pezzo a pezzo quelli che la occupavano.

Difficile immaginare in politica un contenitore più vuoto del Movimento 5 Stelle, che almeno all’inizio – va detto – era pieno di buone intenzioni. Ma con le sole buone intenzioni non si va da nessuna parte, che tu sia alla guida di un’auto o di un partito, anche se partito non l’hanno voluto mai chiamare, così almeno in una cosa sono rimasti diversi dagli altri.


La senatrice grillina Paola Taverna imbavagliata in Parlamento (Keystone)

La presunta diversità dei grillini all’inizio non era presunta: i candidati venivano scelti sul web, magari in modo discutibile, ma era un discutibile comunque diverso dai partiti tradizionali. Facevano le cose in un altro modo, come in quei mondi che hanno una fisica tutta loro: fai cadere una palla e va in alto, anziché per terra. Respiri dalle orecchie. Cose così. Aveva un suo fascino.

La prima in Parlamento, nel marzo di nove anni fa, pareva lo sbarco degli alieni. Sembrava di vederli in fila: E.T., Yoda, Alf, Chewbecca, Mork, Spock, Superman… Dovevano cambiare tutto, sono stati cambiati. Senza troppa fatica, bisogna dirlo.

Falsi rimborsi spese, assenze ingiustificate, quote per il partito (pardon, Movimento) rimaste incastrate nel portafoglio, cambi di casacca: tutto il campionario del già visto fatto da chi non avevamo mai visto. Sono arrivati che "mai con il Pd, mai con la Lega, mai con nessuno", alla fine hanno fatto più ammucchiate di tutti, finendo – inevitabilmente – a litigare tra loro: un classico.

Abbiamo assistito a memorabili strafalcioni e castronerie in italiano, matematica, storia, geografia, scienze e perfino in condotta. Roba da pagella preoccupante al banco delle Elementari, figuriamoci in quelli di Camera e Senato. Gli alieni non studiavano, l’abbiamo capito subito. E nemmeno volavano, né spostavano oggetti o disegni di legge con la mente. Se formulavano frasi al contrario come il saggio Yoda è perché erano sardi o semplicemente ignoranti, se telefonavano a casa come E.T. era perché si era liberato un posto da portaborse per il cugino con il reddito di cittadinanza. Chi tifava nella speranza di vedere in azione i cloni di Superman o almeno Eta Beta si è ritrovato con delle brutte copie degli Alfano e dei De Michelis.


Beppe Grillo e Luigi Di Maio (Keystone)

Facevano promesse con la stessa nostra convinzione quando a Capodanno diciamo a noi stessi "da oggi in poi palestra, dieta e niente alcolici". La loro palestra, la loro dieta erano il limite dei due mandati, il no all’immunità parlamentare, referendum sull’euro.

Ora che Di Maio ha lasciato, portandosi dietro un numero di fedelissimi insospettabile (e lì siamo alla rabdomanzia, capire in quale dei due campi divisi è rimasta più acqua per sopravvivere e prendere posizione per tempo), e uno non vale più uno (l’ha detto lui), è tutto più chiaro. M5S era un trampolino sociale per chi nella società non aveva abbastanza agganci. Era legittimo salirci e tentare il salto nel vuoto: ma era anche il caso di assicurarsi di atterrare sul morbido.


Grillo e il referendum sull’euro (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
5stelle beppe grillo luigi di maio m5s
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Afghanistan, la vile ritorsione per una guerra persa
La denuncia della ricercatrice Fereshta Abbasi: ‘Gli afghani vivono un incubo, vittima della crudeltà dei talebani e dell’apatia internazionale’
il commento
1 gior
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
2 gior
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
3 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
6 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 sett
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
© Regiopress, All rights reserved