laRegione
laR
 
10.02.22 - 05:30
Aggiornamento: 15:28

TiSin e salario minimo, tra sceneggiate e sceneggiature

Se ci fosse una guida cinematografica per la gestione e l’insabbiamento degli scandali cantonali, questo sarebbe un caso di studio

tisin-e-salario-minimo-tra-sceneggiate-e-sceneggiature
Ti-Press

Se ci fosse un manuale di sceneggiatura per la gestione degli scandali cantonali, la figuraccia di TiSin vi meriterebbe lo spazio e l’attenzione che si dedicano a un film di culto: tutte le sue scene e i suoi dialoghi, almeno fino a questo momento, sono talmente esemplari che resta solo da decidere se il finale debba virare al thriller o alla farsa.

La trama, per sommi capi: un finto sindacato leghista cerca di aggirare la nuova legge sul salario minimo – votata anche dalla stessa Lega – inventandosi un contratto collettivo altrettanto fasullo, scarabocchiato dalla mano dei padroncini e degli enfant prodige di via Monte Boglia. Sindacati (veri) e altri politici si accorgono della falla nella legge e cercano di correre tardivamente ai ripari con un’iniziativa che impedisca certi trucchetti. Il successo della raccolta firme è notevole, possibile sintomo di un malcontento diffuso, anche se non è detto che sortisca risultati concreti in tempi brevi. Dissolvenza.

Panoramica orizzontale, ‘in un paese lontano lontano…’, come nelle fiabe. Galoppini più o meno noti corrono in soccorso degli amici finiti sotto i riflettori. In una surreale operazione a metà fra la destrutturazione cognitiva e il più pedestre depistaggio, si alzano voci sempre più garrule per convincerci che è tutto normale, non è successo nulla di grave, il problema è altrove. La scena, all’inizio, ricorda quelle vecchie comiche in cui un monello sorpreso dal preside cerca di nascondere la sigaretta nella tasca dei pantaloni, con quel che ne consegue. Poi però l’intreccio si fa più articolato e il mozzicone si cerca di spegnerlo direttamente sulla nuova legge, giudicata estrema e pericolosa (le stesse note di regia usate per bloccare qualsiasi riforma: il salario minimo, la transizione energetica, perfino la bizzarra pretesa di non fomentare il tabagismo tra i minori, sempre tutto ‘estremo e pericoloso’). Così i protagonisti incappati nel fortunale – in questo caso, in primis, capogruppo e vicecapogruppo della Lega in Gran Consiglio – possono abbandonare il set imboccando la porta sul retro, fischiettando come se nulla fosse.

Piano sequenza. Mentre qualcuno spera di rendere più solida una piccola legge che non salverà il lavoro come pretendevano i promotori, ma è un segnale per chi non vede la differenza tra libertà d’impresa e di sfruttamento, i solerti difensori dello status quo si sfilano la grisaglia e si sbracciano a lanciar fumogeni. Il salario minimo è presentato come un “grande inganno” che in ogni caso “va soprattutto a vantaggio dei lavoratori frontalieri”, i quali “ovviamente meritano rispetto”, e magari una pacca sulla spalla se fanno i bravi, ma guai se per tutelare i diritti di tutti gli si paga più d’una manzoniana luna di polenta. Con parole grevi s’insinua l’equivalenza tra i sindacati gialli come TiSin e quelli che bene o male rappresentano ancora i lavoratori, “perché il sindacalismo sarà idealmente una missione, ma è concretamente un business”. In preda a visioni ortopedico-botaniche si esorta addirittura a “tagliare al piede” l’“albero storto” della legge, come se le nuove, modeste retribuzioni potessero davvero mettere in ginocchio aziende che non siano già decotte. Monologhi che un tempo avremmo trovato solo sui domenicali più arruffapopolo ora finiscono ovunque, perfino sulla prima d’un quotidiano, nella fretta di chiudere il film con un’altra formuletta fiabesca: e vissero tutti felici e contenti. Titoli di (reggi)coda.

Leggi anche:

Urne in vista, oltre 12mila firme per un salario minimo sociale

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morta di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
2 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
2 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
2 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
3 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
5 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
6 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
6 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
1 sett
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
© Regiopress, All rights reserved