laRegione
lezione-di-democrazia-made-in-usa
Keystone
Kyle Rittenhouse durante il processo
laR
 
27.11.21 - 05:30

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato

di Roberto Antonini, giornalista Rsi
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un ragazzotto con il volto da meringa stralunata, assurto alla notorietà per aver ucciso a colpi di Smith&Wesson MP 15 due manifestanti antirazzisti e ferito gravemente un terzo. Assieme alla sentenza che lo ha appena assolto incarna il peggio che l’America ci sta offrendo. Kyle Rittenhouse, spavaldo eroe di Trump e della folta schiera di complottisti e nostalgici del “white power”, prosciolto dalla giuria in nome della legge che nel Wisconsin considera la difesa della propria incolumità più legittima del diritto di non morire crivellato da proiettili. Rittenhouse è uscito trionfante dall’aula del tribunale tra le ola dell’estrema destra, senza mai aver pronunciato una parola di scusa o di rimorso.

Nell’agosto dello scorso anno era giunto dall’Illinois a Kenosha, Wisconsin, per recarsi armato di un fucile semiautomatico a “proteggere” i negozi dei bianchi. Commerci che rischiavano di essere saccheggiati dai manifestanti di Black Lives Matter scesi in strada per protestare contro l’aggressione di cui era stato vittima la vigilia Jacob Blake, un nero rimasto paralizzato dai proiettili sparatigli alla schiena da un poliziotto bianco, mentre era disarmato nella propria auto. I video immortalano Rittenhouse che si dirige con il suo fucile a tracolla verso i manifestanti. Sostiene di aver aperto il fuoco in quanto minacciato e “aggredito” (una delle vittime era un handicappato mentale disarmato, un’altra aveva quale arma uno skateboard). Ecco perché per la giustizia non merita neppure una tiratina d’orecchi. Ennesimo assaggio di un cocktail micidiale di violenza e suprematismo, servito dai talebani del II emendamento (diritto di portare le armi) in un Paese dove il razzismo endemico è ben lungi dall’esser estirpato (la lobby del “Gun Owners of America” ringrazia il ragazzo e gli offre una lauta ricompensa).

Gli Stati Uniti sono di gran lunga il Paese occidentale più violento: in 15 anni si contano 185mila morti per arma da fuoco (tre volte il numero dei caduti americani nella guerra del Vietnam), le carceri sono straboccanti, le istituzioni hanno pericolosamente vacillato in quello che lo scorso 6 gennaio era ben più grave di un tentativo di golpe da operetta. Le disuguaglianze esplose dai tempi di Reagan minano un tessuto sociale già sfilacciato alimentando rabbia e populismo e quelle derive grottesche quanto pericolose perfettamente impersonate da Donald Trump. Il sistema americano appare da tempo palesemente malato.

Eppure Joe Biden, mantenendo la promessa elettorale, ha pensato di indire un summit (il 9 dicembre) tra i Paesi democratici. Washington ha così spedito 110 inviti: scartati senza sorpresa Paesi come la Cina o l’orrendo regime totalitario nordcoreano, ma anche l’Ungheria o la Turchia (membro della Nato). Non però singolarmente il Brasile o la Repubblica Democratica del Congo. Iniziativa che non manca di suscitare parecchia perplessità, anche perché ricorda il celebre “asse del male” con il quale George W. Bush aveva giustificato la “madre di tutte le guerre”, la devastante invasione in Iraq del 2003.

Più che una lista aggiornata di Stati virtuosi o quella speculare di Stati canaglia, all’America servirebbe oggi una riflessione sui pericoli che corre la propria democrazia, pericoli domestici, che ne compromettono come mai prima d’ora leadership e credibilità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
joe biden kyle rittenhouse stati uniti wisconsin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
15 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved