laRegione
laR
 
13.11.21 - 05:30

Il Mendrisiotto e Basso Ceresio e i santi in paradiso

La regione rischia di abdicare al proprio futuro davanti al progetto della terza corsia dinamica tra Lugano e Mendrisio

il-mendrisiotto-e-basso-ceresio-e-i-santi-in-paradiso
Spina nel fianco (Ti-Press)

In politica a quanto pare serve ancora avere dei ‘santi in paradiso’. Il riferimento, va da sé, è a quegli agganci assai poco celestiali – per la serie ‘scherza con i fanti e lascia stare i santi’ –, ma molto terreni che sanno aprire le porte giuste ai piani alti delle istituzioni. Ebbene il Mendrisiotto sembra proprio esserne privo (oggi più di ieri) visto come sta andando con il progetto PoLuMe, il piano per potenziare la tratta autostradale tra Lugano e Mendrisio. Per creare una terza corsia dinamica – convertendo quella di emergenza – con poteri anti-ingorgo, con il corredo di gallerie da ampliare e nuovi svincoli – a Grancia e Melano – da costruire, si è disposti a spendere quasi due miliardi di franchi – peraltro ancora da stanziare formalmente –: una cifra imponente, nulla da dire. Ma non sempre è solo una questione di investimenti. Non consola neppure sapere che dopo il raddoppio del Gottardo – con i costi siamo lì – questa sarà la più grande opera messa in cantiere dalla Confederazione in territorio ticinese. Il punto non è questo.

Una regione ha bisogno anche di essere ascoltata e capita; e in questo caso non è successo. Non per nulla cresce il numero di persone che nel Mendrisiotto e Basso Ceresio sarebbero pronte a rinunciare all’opera e all’investimento, in altre parole al ‘regalo’ calato dall’alto. Soprattutto perché questo ha il sapore di un ‘dono’ avvelenato. Il sacrificio territoriale che comporta intervenire sull’asse dell’A2 appare a molti spropositato a fronte della promessa di ridurre il carico di traffico sulle strade cantonale e locali. Ha un bel dire il sindaco di Melano Daniele Maffei che davanti all’Ufficio federale delle strade (Ustra) si è “fatto buon viso a cattivo gioco”. E che a ben vedere PoLuMe è ascrivibile alla categoria “progetto ambientale”. In tutta onestà l’impressione che si ricava scorrendo il dossier è tutt’altra. Mettere l’aggettivo “ambientale” – ovvero ‘proprio di un determinato ambiente’, Treccani alla mano – accanto ai piani per potenziare un’autostrada, moltiplicando le corsie – a Melano c’è chi ne ha contate undici – e costringendo a demolire delle abitazioni e a spostare un cimitero (quello di Maroggia), suona per lo meno stonato.

Come si è fatto capire mercoledì sera nell’aula consiliare di Melano – con il legislativo in seduta straordinaria –, ci si aspettava più coraggio e che le autorità locali riuscissero a strappare qualcosa di più e di meglio da Cantone e Confederazione. Ci sarebbero volute le conoscenze giuste in alto loco (si legga anche a Palazzo federale) da portare al tavolo di sasso di un grotto, si è fatto capire quasi candidamente e con un po’ di rassegnazione dallo scranno del Municipio. Come dire che è così che in certe parti del Ticino si portano a casa progetti e fondi per realizzarli. A dirla tutta con il PoLuMe pure il Cantone non ha aiutato la regione a spuntare condizioni migliori. Lo stesso direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali – per sua stessa ammissione all’esecutivo – non se l’è sentita di alzare la posta: era “politicamente non opportuno” in questo frangente, ha motivato.

Il Mendrisiotto e Basso Ceresio rischia, insomma, di essere ‘immolato’ sull’altare di altri dossier (tipo il collegamento A2-A13 nel Sopraceneri). Qualcuno direbbe: ‘È la politica bellezza’. Eppoi, si ammicca, in contropartita ci sono sempre il prosieguo verso sud del tracciato autostradale in galleria e AlpTransit: realtà o miraggi? Chi vivrà, vedrà. Qui e adesso c’è già chi (purtroppo) alza le mani.

Leggi anche:

Terza corsia: ‘In cambio dateci una A2 in galleria’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
23 ore
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
2 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
3 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
5 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
5 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
6 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
© Regiopress, All rights reserved