laRegione
laR
 
28.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 07:24

Il Ddl Zan e il muoia Sansone della sinistra italiana

La bocciatura della legge contro l’omofobia è il suo ennesimo errore strategico, figlio di arroganza e incapacità di raggiungere compromessi

il-ddl-zan-e-il-muoia-sansone-della-sinistra-italiana
Pride a Milano (Ti-Press)

Che in Italia serva una legge contro l’omofobia, analoga a quella approvata dal popolo lo scorso anno in Svizzera, è un fatto che le cronache confermano. E in tal senso lo stop al Senato del Ddl Zan è certamente una pagina buia per i diritti e per la laicità dello Stato. Ma sulla bocciatura al voto segreto, con ampie defezioni nella raccogliticcia maggioranza del governo Draghi, chi forse ha più da interrogarsi è proprio la sinistra, che di questa legge aveva fatto una battaglia di civiltà.

Se ne son viste di ogni nei mesi scorsi nel dibattito sul Ddl Zan: di qua anatemi apocalittici sul ‘gender’, che ormai è l’olio di palma della politica, da parte di chi altrove sarebbe una macchietta e in Italia siede in Senato; di là amenità come Zan che paparazza parlamentari leghisti a Mykonos e fa scoprire al mondo l’ovvietà che ci sono anche gay di destra. E ancora, indebite ingerenze del Vaticano di qua, fiumi di inchiostro social di là da parte dei nuovi aedi della sinistra da salotto italica, con in testa l’autoproclamata madrina di tutti i gay d’Italia Monica Cirinnà e a seguire i vari Tosa, Delprete, Mola, La Torre, pronti a elevare a paladino dei diritti Lgbt chiunque proclami anche solo di aver ballato una volta sulle note della Carrà (santa subito). In mezzo, l’ostinazione a rifiutare ogni compromesso, miopia a voler esser buoni, se non arroganza a esser schietti: si tira dritto quando si hanno i numeri per farlo, senza due partiti su cinque della maggioranza contro, e un’ampia frangia interna che prima del Pd brandiva lo scudo crociato e che non ha mai nascosto certi mal di pancia.

La sinistra italiana, con quel che resta dei Cinquestelle attaccati come una cozza allo scoglio, ha commesso l’ennesimo, imperdonabile errore di mancanza di senso dell’opportunità politica: ha scelto di trasformare una legge giusta, ma non esente da criticità dal punto di vista giuridico, in un vessillo ideologico da sventolare per rimarcare a ogni costo non tanto il proprio essere, quanto il non essere l’Altro, il nemico di turno, oggi Salvini come cinque lustri fa Berlusconi. Si è spostata, insomma, la battaglia dall’approvazione della legge per i suoi contenuti a quella della sua approvazione in sé e per sé, alla ricerca della vacua soddisfazione di “averla fatta” alla destra, non importa se si parla di omofobia o tutela del merluzzo tigrato del Baltico. Il tutto decantando il Ddl Zan come l’unica legge di cui l’Italia ha realmente bisogno proprio in questo momento, di fronte a migliaia di persone messe in ginocchio dalla pandemia: a voler usare un eufemismo, non esattamente un capolavoro di marketing politico.

E la destra? Ha fatto semplicemente quello che le viene più naturale: fare la destra, giocare al “non sono omofobo ma…”, con in più la beffa di passare, per una volta, per conciliante e disposta a venire incontro. Un compromesso sarebbe stato un cedimento alle forze reazionarie e alle ingerenze del Vaticano? Forse. Ma se Parigi val bene una Messa, tutelare le vittime di aggressioni e discriminazioni omofobe probabilmente valeva la rinuncia, per dirne una, a proposte come la Giornata contro l’Omofobia nelle scuole che, seppur nobile negli intenti, solo un illuso o un folle poteva pensare di far passare indenne fra un Pillon e una Meloni. E invece ora si ricomincia da capo: e andate ora a spiegare alle vittime di omofobia che è solo colpa della destra.

Leggi anche:

Affossata al Senato italiano la legge contro l’omotransfobia

Legge sull'omofobia in Italia, irrompe il Vaticano

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
La formica rossa
1 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
1 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
2 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
3 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
3 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
4 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
5 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
5 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
6 gior
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett
Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas
La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
© Regiopress, All rights reserved