laRegione
23.06.21 - 22:08

Draghi risponde al Vaticano: ‘L’Italia è un Paese laico’

La Santa sede era intervenuta a gamba tesa sulla contestata nuova legge contro l'omofobia, nota come Ddl Zan

Ansa, a cura de laRegione
draghi-risponde-al-vaticano-l-italia-e-un-paese-laico
Il premier italiano Mario Draghi (Keystone)

"Il nostro è uno stato laico non uno stato confessionale il parlamento è libero di discutere e di legiferare". Le attese parole di Mario Draghi sul ddl Zan, accolte da uno scroscio di applausi, arrivano nel pomeriggio dall'Aula del Senato dove si trova per riferire in vista del prossimo Consiglio europeo.

È la risposta del Governo all'indomani della pubblicazione della nota della segreteria dello Stato vaticano che chiede di modificare il provvedimento contro l'omotransfobia, già approvato alla Camera e fermo da mesi a Palazzo Madama in una guerra tra favorevoli e contrari.

Lo strappo sul Concordato

La nota della santa Sede fa riferimento all'articolo 2 del Concordato del 1984 per spiegare uno dei principali timori del Vaticano: "la criminalizzazione delle condotte discriminatorie - si legge tra l'altro nella nota diplomatica che l'Ansa ha visionato integralmente - per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull'orientamento sessuale, sull'identità di genere" avrebbero l'effetto di incidere negativamente sulle libertà assicurate alla Chiesa cattolica e ai suoi fedeli dal vigente regime concordatario".

Il presidente del Consiglio, sollecitato dal senatore dem Alessandro Alfieri sul sul ddl Zan, si rivolge all'Assemblea specificando: "A proposito della discriminazione. Mi soffermo sulla discussione di questi giorni in Senato senza voler entrare nel merito della questione". Poi parla chiaro a chi è dentro e a chi è fuori dal palazzo. A senatori e deputati scandisce che "questo è il momento del parlamento e non del governo", poi rassicura gli interlocutori esterni scandendo: "il nostro ordinamento contiene tutte le garanzie che le leggi rispettino sempre i principi costituzionali e gli impegni internazionali, tra cui il concordato con la Chiesa". Infine cita una sentenza della Corte costituzionale del 1989: "La laicità non è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, la laicità è rispetto del pluralismo e delle diversità culturali". Parole, queste ultime, che per alcuni rappresentano l'invito ad un compromesso possibile per superare lo stallo di una legge pericolosamente divisiva.

Le reazioni

L'intervento di Draghi sulle discriminazioni a caldo sembra accontentare un po' tutti: il partito democratico e il Movimento 5 stelle lo leggono come un sostegno al pressing per portare il provvedimento al più presto in Aula, la Lega invece si sente legittimata a proseguire l'iter in commissione. E con queste posizioni i gruppi affrontano la capigruppo convocata dalla presidente Casellati al termine dei lavori dell'Assemblea dove Pd, M5s, Iv, LeU e Autonomie chiedono di portare subito il ddl Zan in Aula.

A tenere ferme le posizioni del centrodestra, Il presidente Ostellari che per questa volta sostituisce il presidente della lega Massimiliano Romeo. Soddisfatto il Pd che con Letta commenta "Ci riconosciamo completamente nelle parole di Draghi in Parlamento sulla laicità dello Stato e sul rispetto delle garanzie". Gli fa eco Andrea Marcucci: "Si va avanti con il ddl Zan" e anche da LeU Loredana De Petris spinge per il "subito in Aula".

Apprezzamento arriva anche dalla Lega, il presidente della commissione Giustizia, il leghista Andrea Ostellari afferma: "Parlamento e commissioni lavorino, come ha detto Draghi hanno il compito di eseguire preventivi controlli di costituzionalità sui disegni di legge". Mentre la leader di Fratelli d'Italia da Bruxelles definisce la controversia tra santa Sede e Stato italiano una questione sulla quale "Draghi dovrebbe riferire" e chiede "una sospensione momentanea dell'iter parlamentare".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
8 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
1 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
Estero
2 gior
La Russia multerà pesantemente la diffusione di ‘cultura gay’
Al varo la nuova legge che sanziona la ‘propaganda delle relazioni non tradizionali’ anche fra gli adulti e non solo fra i minori come in precedenza
© Regiopress, All rights reserved