laRegione
BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
4
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 0-1)
NAS Predators
5
COB Jackets
0
2. tempo
(3-0 : 2-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
3. tempo
(0-3 : 2-0 : 1-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
draghi-risponde-al-vaticano-l-italia-e-un-paese-laico
Il premier italiano Mario Draghi (Keystone)
Estero
23.06.21 - 22:080

Draghi risponde al Vaticano: ‘L’Italia è un Paese laico’

La Santa sede era intervenuta a gamba tesa sulla contestata nuova legge contro l'omofobia, nota come Ddl Zan

"Il nostro è uno stato laico non uno stato confessionale il parlamento è libero di discutere e di legiferare". Le attese parole di Mario Draghi sul ddl Zan, accolte da uno scroscio di applausi, arrivano nel pomeriggio dall'Aula del Senato dove si trova per riferire in vista del prossimo Consiglio europeo.

È la risposta del Governo all'indomani della pubblicazione della nota della segreteria dello Stato vaticano che chiede di modificare il provvedimento contro l'omotransfobia, già approvato alla Camera e fermo da mesi a Palazzo Madama in una guerra tra favorevoli e contrari.

Lo strappo sul Concordato

La nota della santa Sede fa riferimento all'articolo 2 del Concordato del 1984 per spiegare uno dei principali timori del Vaticano: "la criminalizzazione delle condotte discriminatorie - si legge tra l'altro nella nota diplomatica che l'Ansa ha visionato integralmente - per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull'orientamento sessuale, sull'identità di genere" avrebbero l'effetto di incidere negativamente sulle libertà assicurate alla Chiesa cattolica e ai suoi fedeli dal vigente regime concordatario".

Il presidente del Consiglio, sollecitato dal senatore dem Alessandro Alfieri sul sul ddl Zan, si rivolge all'Assemblea specificando: "A proposito della discriminazione. Mi soffermo sulla discussione di questi giorni in Senato senza voler entrare nel merito della questione". Poi parla chiaro a chi è dentro e a chi è fuori dal palazzo. A senatori e deputati scandisce che "questo è il momento del parlamento e non del governo", poi rassicura gli interlocutori esterni scandendo: "il nostro ordinamento contiene tutte le garanzie che le leggi rispettino sempre i principi costituzionali e gli impegni internazionali, tra cui il concordato con la Chiesa". Infine cita una sentenza della Corte costituzionale del 1989: "La laicità non è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, la laicità è rispetto del pluralismo e delle diversità culturali". Parole, queste ultime, che per alcuni rappresentano l'invito ad un compromesso possibile per superare lo stallo di una legge pericolosamente divisiva.

Le reazioni

L'intervento di Draghi sulle discriminazioni a caldo sembra accontentare un po' tutti: il partito democratico e il Movimento 5 stelle lo leggono come un sostegno al pressing per portare il provvedimento al più presto in Aula, la Lega invece si sente legittimata a proseguire l'iter in commissione. E con queste posizioni i gruppi affrontano la capigruppo convocata dalla presidente Casellati al termine dei lavori dell'Assemblea dove Pd, M5s, Iv, LeU e Autonomie chiedono di portare subito il ddl Zan in Aula.

A tenere ferme le posizioni del centrodestra, Il presidente Ostellari che per questa volta sostituisce il presidente della lega Massimiliano Romeo. Soddisfatto il Pd che con Letta commenta "Ci riconosciamo completamente nelle parole di Draghi in Parlamento sulla laicità dello Stato e sul rispetto delle garanzie". Gli fa eco Andrea Marcucci: "Si va avanti con il ddl Zan" e anche da LeU Loredana De Petris spinge per il "subito in Aula".

Apprezzamento arriva anche dalla Lega, il presidente della commissione Giustizia, il leghista Andrea Ostellari afferma: "Parlamento e commissioni lavorino, come ha detto Draghi hanno il compito di eseguire preventivi controlli di costituzionalità sui disegni di legge". Mentre la leader di Fratelli d'Italia da Bruxelles definisce la controversia tra santa Sede e Stato italiano una questione sulla quale "Draghi dovrebbe riferire" e chiede "una sospensione momentanea dell'iter parlamentare".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
5 ore
Sparatoria in un liceo del Michigan, almeno tre morti
Il presunto killer avrebbe 15 anni ed è stato fermato dalla polizia, lo riportano i medi americani
Estero
6 ore
Zemmour, il fondamentalista ributtante
Il polemista e paladino della destra francese, xenofobo e reazionario, si candida ufficialmente per l’Eliseo
Estero
8 ore
Prime indicazioni da Israele: ‘Con tre dosi protetti da Omicron’
Il ministro della Sanità: ‘Le prime indicazioni mostrano che coloro che hanno un richiamo sono molto probabilmente protetti contro questa variante’
Estero
13 ore
‘In Cina la stretta sugli uiguri fu pianificata dal Pcc’
È quanto scrive il Guardian citando documenti segreti diffusi online, fra cui tre discorsi di Xi Jinping del 2014
Estero
14 ore
Eric Zemmour ufficializza la candidatura alla presidenza
‘Perché i nostri figli non conoscano la barbarie, le nostre figlie non siano velate’. Così il polemista motiva la candidatura in un video su YouTube
Estero
16 ore
La Grecia pensa a multe di 100 euro al mese agli over 60 no-vax
Lo ha dichiarato il premier greco. La sanzione è prevista per le persone di oltre 60 anni che rifiutano di vaccinarsi entro il 16 gennaio
Estero
17 ore
Caso Luca Morisi, la Procura chiederà l’archiviazione
Valutata la ‘particolare tenuità del fatto’ per l’ex responsabile comunicazione della Lega: la ‘droga dello stupro’ non era stata procurata da lui
Estero
19 ore
Eric Zemmour annuncerà oggi la sua candidatura a presidente
Il polemista di estrema destra pubblicherà oggi un video sui suoi canali social
Estero
1 gior
Costruiti i primi robot viventi capaci di riprodursi
Sono in grado di muoversi nello spazio e auto–replicarsi assemblando le cellule che incontrano lungo il percorso
Estero
1 gior
California, armi da fuoco: nuova strage di bambini
Una donna e 4 bimbi sotto i 12 anni (tre maschi e una femmina, tra cui un neonato) uccisi in un’abitazione a nord di Los Angeles. Arrestato il padre.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile