laRegione
laR
 
29.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 08:48

Macron, Le Pen e Mister Brexit

A meno di sei mesi dalle presidenziali francesi, i partiti e i candidati finora manifestatisi sono già in corsa per sloggiare Macron dall’Eliseo

di Franco Zantonelli
macron-le-pen-e-mister-brexit
Keystone
Michel Barnier

A meno di sei mesi dalle presidenziali francesi, i partiti e i candidati finora manifestatisi sono già in corsa per sloggiare Emmanuel Macron dall’Eliseo. Impresa fino a non molto tempo fa ritenuta possibile, ma ora considerata molto meno agevole. Grazie all’Europa, innanzitutto ai 39,5 miliardi di euro destinati alla Francia dal recovery plan, ma grazie anche al fatto che dal primo gennaio, per sei mesi, il presidente in carica presiederà l’Unione europea. Il che comporta un atout mediatico di cui i suoi avversari saranno loro malgrado sprovvisti.

Al momento i sondaggi danno Macron saldamente in testa, con l’eterna Marine Le Pen in seconda posizione, ma distanziata dal presidente di una decina di punti. La leader del Rassemblement National, l’ex Front National, è oltretutto marcata a vista dal giornalista e scrittore Eric Zemmour, che con le sue provocazioni di estrema destra sembra le stia giocando lo stesso tiro che Giorgia Meloni ha rifilato a Matteo Salvini. Finora Zemmour non si è candidato mentre lo hanno fatto, oltre a Macron e a Marine Le Pen, la sindaca socialista di Parigi, Anne Hidalgo, e il neogollista Michel Barnier. Un nome, il suo, che non dice un gran che ai francesi, visto che per buona parte della sua vita ha servito l’Ue come commissario europeo. Soprattutto, il 70enne Barnier è stato l’uomo che ha concluso l’estenuante negoziato della Brexit. Un risultato che tutti riconducono alla sua grande tenacia.

Ci vorrebbe un Barnier, vien da dire, per rilanciare la trattativa tra Berna e Bruxelles. O forse no, se pensiamo all’intransigenza che ha mostrato con Londra. Fatto sta che la Svizzera non lo riguarda. Il politico francese punta al bersaglio grosso. Il palmarès c’è tutto, il problema se mai è che Barnier, nonostante la statura atletica e il portamento elegante, viene considerato un po’ troppo legnosetto dai suoi stessi compagni di viaggio, forse un tantino gelosi della caratura che si è costruito negli anni. Le Monde, dal canto suo, seguendo un suo comizio a Neully sur Seine ne ha sottolineato il tono monocorde della voce. Ciò non toglie che abbia le idee chiare su alcuni dei cavalli di battaglia delle presidenziali. Ad esempio, sul tema dell’immigrazione da un lato difende la libera circolazione delle persone all’interno della Ue, dall’altro intende battersi per l’impermeabilità dei confini esterni dell’Unione. Su quel terreno tuttavia, considerate le posizioni di Le Pen e del non ancora candidato Zemmour, c’è già affollamento. Lo stesso Macron, di recente, ha dimezzato i visti concessi ad Algeria, Marocco e Tunisia, fintanto che non accetteranno di riprendersi i loro concittadini clandestini espulsi dalla Francia.

Tornando a Barnier, che nel frattempo si è già scelto un quartier generale dietro l’Eliseo affidando la direzione della campagna a un’ex consigliera di Chirac, non è detto che, nonostante la voce non da comiziante, non riesca a far valere il suo aplomb e la sua figura da persona per bene. Insomma, di qui ad aprile ancora tutto può succedere e sta a vedere che, alla fine, il signor Brexit potrebbe risultare l’unica persona di cui i francesi si fidino per acquistare un’auto usata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
12 ore
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
1 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
1 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
2 gior
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
3 gior
Valera è la cosa giusta
Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
4 gior
Rito dunque sono
Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
5 gior
Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco
Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett
Erdogan e il gioco delle tre carte
Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
Commento
1 sett
L’isola delle rose
Di ‘Candle in the Wind 1997’ è già stato scritto? E di Elisabetta II che chiede a Eric Clapton ‘anche lei suona la chitarra?’...
Commento
1 sett
Federer, il più amato
Lo svizzero è stato superato da Nadal e Djokovic come numero di Slam vinti, eppure è la dimostrazione che certi talenti occupano un posto speciale
© Regiopress, All rights reserved