laRegione
una-responsabilita-ricoperta-col-cemento
Holcim e Lafarge sono oggi il colosso mondiale del cemento (Keystone)
Commento
 
15.09.21 - 05:300
Aggiornamento : 12:27

Una responsabilità ricoperta col cemento

Durante il processo Bataclan è emerso che il gruppo Lafarge, oggi associato alla svizzera Holcim, contribuiva a finanziare il terrorismo islamico

Mentre a Parigi è in corso il processo a Salah Abdeslam, unico imputato per la strage al Bataclan, fa un certo effetto venire a sapere che Lafarge, fino a poco tempo fa uno dei principali gruppi cementieri mondiali, avrebbe contribuito a finanziare il terrorismo islamico. Naturalmente per soldi, per non lasciarsi sfuggire degli affari, sicuramente non per convinzione ideologica. Fatto sta che il gruppo, successivamente gemellatosi con la svizzera Holcim, stando all’atto d’accusa della Corte di Cassazione transalpina si sarebbe reso complice di crimini contro l’umanità in Siria. Una vicenda sviluppatasi tra il 2012 e il 2015, nel nord del Paese, nei pressi della città di Raqqa, in una zona controllata dagli uomini dell’Isis e da altri gruppi terroristici. Lì il colosso cementiero francese possedeva uno stabilimento e per evitare di chiuderlo, per consentire alla sua merce di transitare nelle terre controllate dall’Isis, avrebbe versato una tangente di 20mila dollari al mese all’Esercito dello Stato Islamico. Dal quale avrebbe acquistato pure petrolio.

Ora, se questa storia che getta discredito sull’onorabilità dell’imprenditoria europea è uscita, lo si deve a due Ong e a undici dipendenti di Lafarge, che da tempo accusano il gruppo di complicità con i tagliagole che seminavano il terrore in quella parte della Siria e insanguinavano, con i loro attentati, molte città. Anche se i vertici della multinazionale francese si sono difesi tentando di accreditare la tesi secondo cui il cementificio ostaggio dell’Isis era rimasto l’unica opportunità di lavoro per gli abitanti di quella zona della Siria, al confine con la Turchia.

Nel 2015 Lafarge, come si è detto, si è fusa con la svizzera Holcim e la sede del gruppo è stata trasferita a Zugo. Tuttavia ci si può anche domandare se il colosso elvetico non sapesse degli ingombranti scheletri nell’armadio del neosocio al momento di stipulare l’accordo che ha unito le due aziende, rendendole il leader mondiale nella produzione di cemento. Proprio di recente il nome Lafarge è, guarda caso, scomparso dal logo del gruppo ed è rimasto solo quello di Holcim. Che ha definitivamente acquisito la consorella francese. La motivazione addotta è stata quella di “rinfrescare e semplificare il nome della società”. Che impiega 130mila dipendenti e che ha già avuto i suoi fastidi di immagine all’esordio della presidenza Trump, quando si precipitò a offrire il proprio know how per la realizzazione del muro al confine con il Messico.

Sarà un caso, ma l’annuncio della cancellazione del nome Lafarge è giunto poco prima della decisione della Corte di Cassazione di Parigi di mettere sotto accusa l’ex-socio di Holcim per complicità in crimini contro l’umanità. Un segnale davvero forte in termini di responsabilità delle imprese, che sicuramente getterà in ambasce altre multinazionali che in passato hanno flirtato con partner impresentabili, alla ricerca del profitto a tutti i costi. Poi, anche senza quell’ingombrante partner, non è che Holcim si sia sempre ritrovata sdraiata su un letto di rose, visto che a controllarla è stata, per generazioni, la famiglia Schmidheiny, con Eternit associata per anni alle vittime dell’amianto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince
Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
1 gior
Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)
Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior
Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco
La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
2 gior
Il San Gottardo senza i social
Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
4 gior
Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse
Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
5 gior
È giunta l’ora delle aggregazioni
Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
6 gior
Quelli col poster di Ronald Reagan
L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
6 gior
Per un salario certificato
Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett
Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente
Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
1 sett
Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine
Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile