laRegione
Salernitana
0
Atalanta
0
2. tempo
(0-0)
Ajoie
4
Ambrì
0
3. tempo
(3-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Zugo
1
Friborgo
1
3. tempo
(1-1 : 0-0 : 0-0)
Langnau
2
Zurigo
6
3. tempo
(0-1 : 1-4 : 1-1)
Lakers
5
Losanna
1
3. tempo
(2-0 : 2-0 : 1-1)
Ginevra
3
Lugano
5
3. tempo
(1-1 : 1-2 : 1-2)
una-responsabilita-ricoperta-col-cemento
Holcim e Lafarge sono oggi il colosso mondiale del cemento (Keystone)
Commento
 
15.09.21 - 05:300
Aggiornamento : 12:27

Una responsabilità ricoperta col cemento

Durante il processo Bataclan è emerso che il gruppo Lafarge, oggi associato alla svizzera Holcim, contribuiva a finanziare il terrorismo islamico

Mentre a Parigi è in corso il processo a Salah Abdeslam, unico imputato per la strage al Bataclan, fa un certo effetto venire a sapere che Lafarge, fino a poco tempo fa uno dei principali gruppi cementieri mondiali, avrebbe contribuito a finanziare il terrorismo islamico. Naturalmente per soldi, per non lasciarsi sfuggire degli affari, sicuramente non per convinzione ideologica. Fatto sta che il gruppo, successivamente gemellatosi con la svizzera Holcim, stando all’atto d’accusa della Corte di Cassazione transalpina si sarebbe reso complice di crimini contro l’umanità in Siria. Una vicenda sviluppatasi tra il 2012 e il 2015, nel nord del Paese, nei pressi della città di Raqqa, in una zona controllata dagli uomini dell’Isis e da altri gruppi terroristici. Lì il colosso cementiero francese possedeva uno stabilimento e per evitare di chiuderlo, per consentire alla sua merce di transitare nelle terre controllate dall’Isis, avrebbe versato una tangente di 20mila dollari al mese all’Esercito dello Stato Islamico. Dal quale avrebbe acquistato pure petrolio.

Ora, se questa storia che getta discredito sull’onorabilità dell’imprenditoria europea è uscita, lo si deve a due Ong e a undici dipendenti di Lafarge, che da tempo accusano il gruppo di complicità con i tagliagole che seminavano il terrore in quella parte della Siria e insanguinavano, con i loro attentati, molte città. Anche se i vertici della multinazionale francese si sono difesi tentando di accreditare la tesi secondo cui il cementificio ostaggio dell’Isis era rimasto l’unica opportunità di lavoro per gli abitanti di quella zona della Siria, al confine con la Turchia.

Nel 2015 Lafarge, come si è detto, si è fusa con la svizzera Holcim e la sede del gruppo è stata trasferita a Zugo. Tuttavia ci si può anche domandare se il colosso elvetico non sapesse degli ingombranti scheletri nell’armadio del neosocio al momento di stipulare l’accordo che ha unito le due aziende, rendendole il leader mondiale nella produzione di cemento. Proprio di recente il nome Lafarge è, guarda caso, scomparso dal logo del gruppo ed è rimasto solo quello di Holcim. Che ha definitivamente acquisito la consorella francese. La motivazione addotta è stata quella di “rinfrescare e semplificare il nome della società”. Che impiega 130mila dipendenti e che ha già avuto i suoi fastidi di immagine all’esordio della presidenza Trump, quando si precipitò a offrire il proprio know how per la realizzazione del muro al confine con il Messico.

Sarà un caso, ma l’annuncio della cancellazione del nome Lafarge è giunto poco prima della decisione della Corte di Cassazione di Parigi di mettere sotto accusa l’ex-socio di Holcim per complicità in crimini contro l’umanità. Un segnale davvero forte in termini di responsabilità delle imprese, che sicuramente getterà in ambasce altre multinazionali che in passato hanno flirtato con partner impresentabili, alla ricerca del profitto a tutti i costi. Poi, anche senza quell’ingombrante partner, non è che Holcim si sia sempre ritrovata sdraiata su un letto di rose, visto che a controllarla è stata, per generazioni, la famiglia Schmidheiny, con Eternit associata per anni alle vittime dell’amianto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
16 ore
Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie
L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
16 ore
Rimborsi per legittima difesa, aridaje
Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
1 gior
Più o meno tasse per i super ricchi 
I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
1 gior
Schiave invisibili dei trafficanti
Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
Commento
1 gior
Una sinistra che fa la sinistra, con tutto ciò che ne consegue
Il Piano di rilancio del Ps apre molti interrogativi sui fondi per finanziarlo, a partire dalla questione delle stime. Ma è un bene per il dibattito politico
L'analisi
2 gior
L’illusione del mercato autoregolato
Salario minimo: la vicenda delle tre aziende del Mendrisiotto ripropone la storica contrapposizione tra due visioni dell’economia e della società
Commento
2 gior
Matrimonio per tutti: per un ‘sì’ pragmatico
Dubbi su temi quali la donazione di sperma sono comprensibili. Ma lo Stato deve garantire i diritti, non decidere come dobbiamo stare al mondo
Commento
4 gior
Iniziativa 99%, un correttivo opportuno e sopportabile
La Svizzera conosce una forte concentrazione del patrimonio in poche mani. La proposta della Giso renderebbe il sistema fiscale solo un pizzico più equo.
Commento
5 gior
I talebani, Guantanamo e noi
Svanisce definitivamente l’illusione che al bipolarismo della guerra fredda potesse seguire un periodo di tolleranza tra le nazioni e di 'democrazia a volontà'
La formica rossa
5 gior
Boris, Eduardo e la schizofrenia
Il Mattino dice che il sindacato giallo TiSin non ha 'alcun legame' con la Lega. Strano, visto che ci sono le stesse persone, allo stesso indirizzo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile