laRegione
dimmi-che-orologio-porti-e-ti-diro-chi-sei
Ognuno il suo (Ti-Press)
laR
 
21.08.21 - 05:30
di Franco Zantonelli

Dimmi che orologio porti e ti dirò chi sei

Ecco come le esportazioni di orologi made in Switzerland diventano paradigmatiche di un certo livello di benessere

Il 2021, stando a un recente rapporto della Banca Mondiale, segnerà la maggiore crescita economica post-recessione degli ultimi 80 anni. Per intenderci, maggiore di quella seguita alla devastante crisi finanziaria nata nel 2007/2008 sulle ceneri dei mutui ipotecari Usa. La crescita media del Pil mondiale, stimata al 5,6%, lascerà tuttavia al palo i Paesi in via di sviluppo ai quali, fa notare sempre la Banca Mondiale, “la pandemia continua a infliggere povertà e disuguaglianze”.

Il fatto che dopo la grande paura e il conseguente shock, accusato da tutti a livello planetario per la mazzata improvvisa inflittaci dal coronavirus, alla fine saranno in pochi, oseremmo dire i soliti noti, a riprendersi, ce lo confermano i dati di luglio delle esportazioni di orologi svizzeri. Che hanno fatto segnare la cifra ragguardevole di 2,05 miliardi di franchi, con una crescita del 7,6% rispetto al luglio del 2019. Il 2020 viene evidentemente saltato nella comparazione, perché troppo condizionato dalla pandemia che con i conseguenti lockdown ha, di fatto, bloccato il mercato di molti beni. In effetti, nei primi terribili sei mesi dello scorso anno il calo delle vendite ha sfiorato il 37 per cento.

Ma perché le esportazioni di orologi Made in Switzerland possono essere paradigmatiche di un certo livello di benessere? Perché, se andiamo a osservarle nel dettaglio, scopriamo che nel mese scorso quelle cresciute maggiormente, ovvero del 13,6%, riguardavano orologi compresi in una fascia di prezzo che si aggira intorno ai 6mila franchi. Ci riferiamo, in particolare, agli oggetti di quei marchi da status symbol abitualmente esibiti da personaggi del jet set sportivo del calibro di Roger Federer e Bernie Ecclestone. Che sono pronti a squadernarli non appena si accorgono di essere inquadrati da una telecamera. Un poco più sotto, con +9,1% di esportazioni, troviamo gli orologi da non più di 3’000 franchi. Li potremmo assimilare, senza alcuna intenzione offensiva beninteso, alla categoria “voglio ma non posso”, ovvero vorrei lo stesso cronometro che portava al polso Steve McQueen, ma mi accontento di un prodotto meno prestigioso. Comunque un lusso se si considera che, per acquistarne uno uguale, un abitante del Ciad o della Repubblica Democratica del Congo deve lavorare quasi cinque anni, senza mai spendere un soldo. E conta poco o nulla che il leader della Corea del Nord non si faccia mancare l’ultimo modello extra-lusso Swiss Made. Tornando alla nostra classifica delle esportazioni orologiere, quelle dei pezzi che costano meno di 200 franchi hanno per contro subito una flessione del 15,1%. A conferma che la ripresa economica, e di conseguenza quella dei consumi di beni di un certo pregio, non riguardano tutti. Riguardano, quanto ad acquisti di orologi svizzeri, in primo luogo la Cina (+75%), seguita dagli Stati Uniti (+48,5%).

Quanto al dato Usa, evidentemente la polemica scatenata dai liberal duri e puri sul Rolex da oltre 7mila dollari del presidente Biden non ha fatto breccia su quanti possono permettersi un orologio svizzero di marca. Langue, per contro, il mercato europeo (+1,8%), ma non quello britannico (+12,4%). Anche il vulcanico Boris Johnson, come Joe Biden, sfoggia un bell’orologione, di quelli per i quali basta a malapena lo stipendio di un premier per poterseli permettere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson esportazioni joe biden orologi roger federer
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
2 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
3 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
4 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
5 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
5 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
6 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved