laRegione
grazie-tokyo-e-stato-speciale
+6
laR
 
09.08.21 - 05:30
Aggiornamento : 12:00

Grazie Tokyo, è stato speciale

L'edizione del covid, una ‘prima’ senza pubblico? Innegabile, tuttavia dove c'è emozione c'è Olimpiade. Vera e memorabile

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Avete fatto al mondo il regalo più grande in assoluto, la speranza». Non poteva trovare espressione più felice, Thomas Bach, numero uno del Cio, per rivolgersi agli atleti in occasione della cerimonia di chiusura dell’edizione numero 32 dei Giochi olimpici. La speranza è legata a una normalità da ritrovare al più presto, per restituire l’evento planetario che tanto appassiona e infiamma alla dimensione di festa e di condivisione che secondo tradizione lo contraddistingue.

Intanto però, bontà sua, Tokyo 2020 è riuscita smarcarsi dall’etichetta appiccicaticcia e fastidiosa di Olimpiade del Covid (scomodo compagno di viaggio relegato in un cantuccio e lì tenuto, sotto stretto controllo), dei Giochi senza pubblico e dell’edizione rinviata di un anno che ha interrotto la sacralità della cadenza quadriennale. Merito dell’organizzazione impeccabile, del Giappone alle prese con l’emergenza sanitaria che ha accettato il ruolo di paese ospitante con un senso dell’accoglienza e del dovere ammirevoli; degli atleti, più volte superatisi, seppur in un contesto in cui esprimersi ai massimi livelli non era affatto scontato. Merito delle emozioni, elargite a piene mani dalle più svariate discipline, quelle più tradizionali e quelle innovative, in perfetto stile olimpico. Tante e intense, da compensare almeno in parte la mancanza del contorno, il calore della partecipazione popolare che avrebbe reso tutto più entusiasmante di quanto già sia stato. Ed è stato bellissimo. La gente tornerà a riempire palazzetti e stadi, ad applaudire e sostenere. A condividere. Al vuoto delle strutture di Tokyo, potenzialmente destabilizzante, si sono contrapposti i sentimenti di chi ha trionfato, i rimpianti di chi ha perso un’occasione o addirittura la gara della carriera.

Delle emozioni, lo sport non può fare a meno, se la sua declinazione a cinque cerchi ambisce a passare alla storia come riuscita. Hanno fatto da contraltare al rigore dei protocolli e al rispetto di regole sanitarie giustamente rigide. Hanno segnato l’evento dal giorno della prima gara all’ultima premiazione, senza soluzione di continuità. Ogni giorno, un colpo di scena, un record, un’impresa sportiva, lacrime di gioia, pianti di delusione. Già, perché lo sport è tanto vittoria quanto sconfitta, è gioia e dolore.

Il caso umano della bielorussa Tsimanouskaya, i patemi e le paure di Simona Biles, la folle corsa a ostacoli di Warholm già consegnata alla leggenda, la frustrazione di Djokovic – l’invincibile caduto proprio a Olimpia – gli Azzurri dello sprint. In chiave Svizzera, la messe di medaglie al femminile, la tripletta della mountain bike, l’oro e l’argento di Belinda Bencic, il quarto posto della 4x100 (con Ajla Del Ponte) alle spalle delle più grandi scuole della velocità. Stringendo ancor di più la prospettiva per inquadrare il minuscolo Ticino prodigo di talenti, il sensazionale e storico bronzo di Noè Ponti nel nuoto, la strepitosa finale dei 100 con Ajla, addirittura quinta, prima delle europee.

Tutte facce della stessa medaglia, quella olimpica, a prescindere dal metallo. Storie di sport che Tokyo 2020 ha regalato al mondo, in barba a protocolli e mascherine. Edizione speciale? Certamente sì. Ma quale aggettivo consegna alla storia un’Olimpiade veramente riuscita? Memorabile. Questa lo è stata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
olimpiade parigi 2024 tokyo 2020
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
2 ore
L’impegnativa eredità di Giovanni Falcone
A trent’anni dalla strage che uccise, tra gli altri, anche il magistrato simbolo della lotta alla mafia
il commento
4 ore
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
2 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
2 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
3 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
3 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
4 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
4 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
6 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
© Regiopress, All rights reserved