laRegione
NY Rangers
3
CHI Blackhawks
2
fine
(0-1 : 2-0 : 1-1)
VAN Canucks
1
PIT Penguins
3
2. tempo
(0-0 : 1-3)
tokyo-2020-comunque-vada-sara-memorabile
+2
Commento
 
22.07.21 - 05:300
Aggiornamento : 12:22

Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile

Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi

Ha tremato, ha rischiato addirittura di spegnersi, tuttavia ha resistito ad avversità di vario genere – sanitarie e politiche – e domani la fiamma olimpica illuminerà Tokyo, sede dell’edizione numero 32 dei Giochi olimpici estivi che è già passata alla storia – prima di capire quanti record verranno battuti, prima dell’assegnazione dei tanti titoli – per il solo fatto di avere luogo a cinque anni di distanza dalla precedente, Rio 2016. Ebbene sì, la pandemia ha inferto un bel calcio anche alla tradizione e alla cadenza quadriennale.

È già un successo che abbiano luogo, queste Olimpiadi, ma è inevitabile che siano attraversate da un sottile ma fastidioso sentimento di inadeguatezza. Impossibile considerarle senza badare al contesto storico in cui si sono incastrate, a cavallo tra una crisi sanitaria di gravità inaudita, le speranze di un graduale ritorno alla normalità e i timori di nuove e sempre più devastanti chiusure. Non sono Giochi tradizionali, sono quelli organizzati con un anno di ritardo, segnati dalla scarsa accoglienza da parte del Paese che se li ritrova in casa, un popolo che, per inciso, è noto per la sua ospitalità, peculiarità che il mondo alla rovescia di questi ultimi due anni è riuscito a ribaltare. Per il popolo nipponico, che aveva esultato fino a versare lacrime di gioia, al momento dell’assegnazione avvenuta l’8 settembre 2013, avrebbero dovuto essere i Giochi della ricostruzione, l’evento dal quale idealmente ripartire dopo il tremendo dramma dell’11 marzo 2011 (terremoto, tsunami, incidente nucleare di Fukushima) che causò 18’500 morti e gettò il Paese nello sconforto. Il Covid ha infierito, l’entusiasmo è stato spazzato via dal malcontento diffuso.

Lo sport torna al centro dell’attenzione, ma in un contorno ammantato di timori e precauzioni, codificato da protocolli e regole che tolgono e nulla aggiungono. Sono i primi Giochi della storia senza pubblico. Paradosso o controsenso che sia, è pur sempre il segno distintivo di Tokyo 2020 che va in scena nel 2021, con il fardello di un anno fa ancora in parte lì, a gravare sulle spalle di atleti e appassionati, privati di quella leggerezza e di quella spensieratezza che solitamente permeano l’evento a cinque cerchi, sul quale spira un’aria più distesa e godibile che in altri grandi appuntamenti.

Basta scorrere a ritroso le precedenti edizioni per scoprire che le Olimpiadi hanno consegnato alla storia dello sport degli atleti assurti a leggenda, capaci di imprese tramandate in quanto memorabili, eterne: Mark Spitz, Jesse Owens, Michael Phelps, l’uomo da 28 medaglie, 23 delle quali d’oro, Usain Bolt (tre triplette in tre edizioni di fila), Emil Zatopek. Difficilmente, Tokyo 2020 riuscirà ad allinearsi a questa tendenza, messa a dura prova anche dalle numerose defezioni illustri, specchio dei tempi, figlie di calcoli opportunistici, con buona pace di De Coubertin, il cui invito a partecipare è staro declinato da qualche protagonista solo annunciato ma ahinoi mancato.

Bontà nostra, è anche l’Olimpiade dei ticinesi Del Ponte, Petrucciani, Ponti, Niggeler, Colombo e Ugolkova (d’adozione). L’occasione della vita, un premio alla loro dedizione, al loro talento. Un motivo di vanto per la nostra piccola prolifica realtà. Il mondo non riuscirà a considerarla tale, ma per noi questa edizione sarà memorabile, comunque vada.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare
La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
1 gior
Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich
La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
2 gior
Annusare invece di sprecare
Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
3 gior
Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale
No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
4 gior
Il brusco risveglio nella storia infinita
Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
4 gior
Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens
Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
5 gior
La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista
Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
5 gior
Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù
Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
6 gior
Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere
Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
6 gior
Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini
Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile