laRegione
tokyo-2020-comunque-vada-sara-memorabile
+2
Commento
 
22.07.21 - 05:300
Aggiornamento : 12:22

Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile

Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi

Ha tremato, ha rischiato addirittura di spegnersi, tuttavia ha resistito ad avversità di vario genere – sanitarie e politiche – e domani la fiamma olimpica illuminerà Tokyo, sede dell’edizione numero 32 dei Giochi olimpici estivi che è già passata alla storia – prima di capire quanti record verranno battuti, prima dell’assegnazione dei tanti titoli – per il solo fatto di avere luogo a cinque anni di distanza dalla precedente, Rio 2016. Ebbene sì, la pandemia ha inferto un bel calcio anche alla tradizione e alla cadenza quadriennale.

È già un successo che abbiano luogo, queste Olimpiadi, ma è inevitabile che siano attraversate da un sottile ma fastidioso sentimento di inadeguatezza. Impossibile considerarle senza badare al contesto storico in cui si sono incastrate, a cavallo tra una crisi sanitaria di gravità inaudita, le speranze di un graduale ritorno alla normalità e i timori di nuove e sempre più devastanti chiusure. Non sono Giochi tradizionali, sono quelli organizzati con un anno di ritardo, segnati dalla scarsa accoglienza da parte del Paese che se li ritrova in casa, un popolo che, per inciso, è noto per la sua ospitalità, peculiarità che il mondo alla rovescia di questi ultimi due anni è riuscito a ribaltare. Per il popolo nipponico, che aveva esultato fino a versare lacrime di gioia, al momento dell’assegnazione avvenuta l’8 settembre 2013, avrebbero dovuto essere i Giochi della ricostruzione, l’evento dal quale idealmente ripartire dopo il tremendo dramma dell’11 marzo 2011 (terremoto, tsunami, incidente nucleare di Fukushima) che causò 18’500 morti e gettò il Paese nello sconforto. Il Covid ha infierito, l’entusiasmo è stato spazzato via dal malcontento diffuso.

Lo sport torna al centro dell’attenzione, ma in un contorno ammantato di timori e precauzioni, codificato da protocolli e regole che tolgono e nulla aggiungono. Sono i primi Giochi della storia senza pubblico. Paradosso o controsenso che sia, è pur sempre il segno distintivo di Tokyo 2020 che va in scena nel 2021, con il fardello di un anno fa ancora in parte lì, a gravare sulle spalle di atleti e appassionati, privati di quella leggerezza e di quella spensieratezza che solitamente permeano l’evento a cinque cerchi, sul quale spira un’aria più distesa e godibile che in altri grandi appuntamenti.

Basta scorrere a ritroso le precedenti edizioni per scoprire che le Olimpiadi hanno consegnato alla storia dello sport degli atleti assurti a leggenda, capaci di imprese tramandate in quanto memorabili, eterne: Mark Spitz, Jesse Owens, Michael Phelps, l’uomo da 28 medaglie, 23 delle quali d’oro, Usain Bolt (tre triplette in tre edizioni di fila), Emil Zatopek. Difficilmente, Tokyo 2020 riuscirà ad allinearsi a questa tendenza, messa a dura prova anche dalle numerose defezioni illustri, specchio dei tempi, figlie di calcoli opportunistici, con buona pace di De Coubertin, il cui invito a partecipare è staro declinato da qualche protagonista solo annunciato ma ahinoi mancato.

Bontà nostra, è anche l’Olimpiade dei ticinesi Del Ponte, Petrucciani, Ponti, Niggeler, Colombo e Ugolkova (d’adozione). L’occasione della vita, un premio alla loro dedizione, al loro talento. Un motivo di vanto per la nostra piccola prolifica realtà. Il mondo non riuscirà a considerarla tale, ma per noi questa edizione sarà memorabile, comunque vada.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 ora
Eh già... Angelone è ancora qua
Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
1 ora
Olimpia e il prezzo della felicità
Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 gior
Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso
Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Commento
3 gior
Il tempo sospeso dei reduci del G8
Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
4 gior
La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)
La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
5 gior
Cuba e il fantasma della libertà
Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett
Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze
La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
1 sett
Gli Europei li ha vinti la radio (ode a Francesco Repice)
Del multimediale Euro 2020 resta la voce di un ‘semplice’ radiocronista in un atto poeticamente rétro: raccontarci una partita di calcio, nulla di più
Commento
1 sett
La radio non l’ha detto, quindi ci credo
Al parco giochi una mamma mi conquista con le sue certezze: si tratta con tutta evidenza di un complotto su scala mondiale
La formica rossa
1 sett
Caroselli e tinelli
Aveva tifato fino all’ultimo per l’Inghilterra della Brexit e non sopporta i festeggiamenti notturni. Di Lorenzo Quadri, leghismo e tifo contro
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile