laRegione
laR
 
07.08.21 - 05:30

La cultura sessista degli 007 elvetici (e non solo)

Un rapporto interno voluto da Amherd rivela problemi di mobbing tra le spie. Ma come si fanno a contrastare le attuali minacce con un'intelligence demotivata?

di Franco Zantonelli
la-cultura-sessista-degli-007-elvetici-e-non-solo
Oggi sono 159 le donne impiegate nei nostri servizi segreti (Keystone)

Nel film “Agente 007 - Licenza di uccidere” Sean Connery/James Bond entra con fare baldanzoso in ufficio, con un lancio perfetto centra con il cappello l’attaccapanni, per poi sedersi, disinvolto, sul bracciolo della sedia della segretaria, Miss Moneypenny, che tenta di tenerlo al suo posto dandogli degli schiaffetti sulla mano. Un atteggiamento sessista verrebbe bollato oggi quello del più celebre degli agenti segreti cinematografici.

Pare, in base a un rapporto interno diffuso dal quotidiano 24 heures, un rapporto voluto dalla consigliera federale Viola Amherd, che una “cultura sessista faccia malauguratamente parte della cultura d’impresa” del Sic, il Servizio delle attività informative della Confederazione. Cultura sessista e mobbing, un po’ come alla Ssr. Intendiamoci, nel rapporto di cui stiamo parlando non si fa cenno a molestie sessuali, a parte alcuni commenti fuori luogo sull’abbigliamento delle collaboratrici del servizio. A cosa ci si riferisce, allora, quando si denuncia una “cultura sessista”? Innanzitutto a un consolidato rapporto di superiorità maschile, che si traduce in “comportamenti dottorali”. Il che, tradotto in parole povere, vuol dire che, anche quando una funzionaria dimostra di essere più competente e preparata del capo, quest’ultimo la ascolta con un atteggiamento di malcelata condiscendenza. Una nota decisamente stonata in un dipartimento, quello della Difesa, che si è posto tra gli obiettivi la promozione della condizione femminile, in un esercito in cui, oggi, solo lo 0,9% degli effettivi è composto da donne. Non a caso la consigliera federale Viola Amherd ritiene “catastrofico” il contenuto del rapporto. Anche perché, al di là della scarsa considerazione di cui sembrano godere le 159 donne impiegate nei nostri servizi segreti, c’è dell’altro a suscitare imbarazzo e preoccupazione. Il gruppo di lavoro ha evidenziato che i capi hanno dimostrato di non conoscere i valori del servizio che dirigono. Tanto meno reagiscono se i loro collaboratori non li rispettano. Un quadro desolante considerando il ruolo che dovrebbe svolgere l’intelligence di fronte a fenomeni quali la cybercriminalità, il terrorismo e l’instabilità provocata da ormai quasi due anni di pandemia. Senza dimenticare il traballante ordine mondiale, con la contrapposizione bipolare sino-statunitense e i possibili colpi di coda della Russia di Putin.

Ciò che si dovrebbe evitare, alla luce anche del rapporto “La sicurezza della Svizzera 2020”, realizzato proprio dal Sic, è che sul territorio elvetico si scateni una guerra di spie straniere o, peggio ancora, un nuovo caso Crypto. Quello che si dice sia costato il posto al responsabile dei servizi, Jean-Philippe Gaudin, che lascerà la carica a fine agosto. Insomma, non si possono contrastare nemici sempre più insidiosi con un’intelligence demotivata da episodi di sessismo e di mobbing.

È pur vero che la ministra della Difesa, che rischia di veder sfumare uno degli obiettivi della legislatura, ovvero l’acquisto degli F35, è prioritariamente impegnata su questo versante. Ma forse, con i tempi che corrono, più di un caccia super-sofisticato, servono degli 007 che sappiano anticipare le mosse delle potenziali fonti di minaccia che, come avvenuto con le recenti infiltrazioni di hacker, riescono a mettere in ginocchio una democrazia, assolutamente indifesa dagli armamenti tradizionali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
11 ore
L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto
Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
1 gior
Minchia signor Zelensky
Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
2 gior
L’altra battaglia nel cuore di Mosca
Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
3 gior
Da Guzmán a Messina Denaro
Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
4 gior
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
6 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
6 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 sett
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 sett
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
© Regiopress, All rights reserved