laRegione
KHACHANOV K. (RUS)
1
NADAL R. (ESP)
3
fine
(3-6 : 2-6 : 6-3 : 1-6)
la-matita-spezzata-sentenza-all-ex-funzionario-dss
Depositphotos
 
29.04.21 - 05:300
Aggiornamento : 11.05.21 - 14:02

La matita spezzata: sentenza all'ex funzionario Dss

Quando denunciare una violenza sessuale diventa un percorso straziante

Una matita fatta in mille pezzi in un’aula di tribunale. A ridurla così una giovane donna, distrutta, lei, dagli abusi psicologici e fisici di un uomo, un ex funzionario del Dss, che doveva essere una persona di riferimento, la voce dei giovani in Ticino. E invece no, condannato in primo grado per coazione sessuale, in appello è stata riconosciuta anche la violenza carnale. Ne è risultata una pena a 18 mesi di carcere. Sospesi. A cui si aggiungono il risarcimento per il torto morale e il versamento di parte delle spese procedurali.

Una sentenza che dà un po’ di speranza, che mostra che la sensibilità c’è. Una sentenza che però non poteva essere più dura perché, secondo la Corte di appello e revisione penale, sono passati molti anni dai fatti e l’autore non ha interessato la giustizia penale per un “prolungato lasso di tempo”. Ma rimane una sentenza blanda se si pensa alla vita spezzata di una ragazza, all'epoca dei fatti, poco più che diciottenne. Un’età dove il carattere si forma e spesso sono presenti insicurezza e smarrimento. Non che sia meno grave uno stupro inflitto a persone più grandi, ma durante l’adolescenza gli strumenti per affrontare la vita sono ancora in fase di affilamento.

Quanta sofferenza, quanto buio, quanta rabbia ha provato la vittima in questi anni? Solo lei lo sa. Di certo doversi trovare faccia a faccia, ancora, con il proprio carnefice è lacerante. Ancora di più dover sentire le parole dell’avvocato che sminuiscono le sue accuse. Prova a sopportarle, scuote la testa, abbassa lo sguardo per non mostrare le lacrime e stringe forte quei pezzetti di matita. 

Questa è la storia di una donna che ha deciso di andare fino in fondo, con tutto il dolore ulteriore che ne è scaturito. Dover descrivere, ancora e ancora, i fatti di natura intima subiti. Non viene messo in dubbio il diritto dell’accusato di difendersi, ma la giurisprudenza – e lo vediamo bene in questo caso – permette a un uomo di stuprare una donna e non andare in carcere. Questo perché è successo tanti anni fa. Ed ecco qui l’impasse. Il tempo. Quanto è il limite accettabile per denunciare uno stupro? Secondo alcuni bisogna andare in ospedale o in polizia subito dopo, perché altrimenti non si è credibili. Uno fra questi è Beppe Grillo, noto comico italiano diventato capo politico, il cui figlio è indagato per violenza sessuale: “Una persona che viene stuprata alla mattina, al pomeriggio va in kitesurf e dopo 8 giorni fa la denuncia... è strano!”. Indignazione generale, programmi televisivi che mandano in loop un Grillo furioso, commentatori di ogni genere. Da lì i social e l'hashtag #ilgiornodopo lanciato da una vittima di stupro con l’intento di raccogliere le testimonianze di donne che raccontano cosa hanno fatto il giorno dopo la violenza. “Il giorno dopo ho dato un esame”, “il giorno dopo l’ho abbracciato”... Ognuno reagisce a modo suo, c’è chi si sente in colpa, chi si vergogna, chi per difesa preferisce non fare nulla. 

La verità è che il sistema giuridico non invoglia a denunciare. Si ha paura, paura di non essere creduti, di dover dimostrare di aver opposto resistenza e rivivere qualcosa che si vuole solo dimenticare, che fa sentire sporchi. Ogni stupro, ogni violenza o coazione sessuale dovrebbe poter essere denunciata e perseguita quando la vittima è pronta a parlare. Diritto all’oblio? Prescrizione dei reati? È vero, esistono. Ma siamo così sicuri che abbiano ragion d’essere per crimini che toccano così nel profondo e che spesso necessitano di anni per essere elaborati dalla vittima?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
9 ore
Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri
Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 gior
Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione
Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
2 gior
E vuoi negargli il Quirinale?
Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
3 gior
Covid-19, lettera a una cugina No Vax
Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
3 gior
Il gennaio maledetto dei maschi alfa
Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
4 gior
Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport
In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
6 gior
Una Regione lunga 30 anni
Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
6 gior
Per causa di forza maggiore
Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett
È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!
La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett
I Blues Brothers e il capitalismo accidentale
I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile