laRegione
ex-funzionario-dss-dado-chiedero-ancora-una-cpi
Ti-Press
28.04.21 - 12:34

Ex funzionario Dss, Dadò: 'Chiederò ancora una Cpi'

Il presidente del Ppd torna alla carica dopo la sentenza di secondo grado: ‘Troppe domande senza risposta, serve una commissione parlamentare d'inchiesta'

«Sto già preparando una nuova richiesta di Commissione parlamentare d’inchiesta, ci sono una serie di quesiti che al parlamento non sono mai stati chiariti». Il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò, raggiunto dalla 'Regione, torna alla carica sul caso dell’ex funzionario Dss che in appello, è notizia di oggi, è stato condannato a una pena detentiva di 18 mesi (sospesi per due anni). Si è quindi passati da una pena pecuniaria sospesa di 7'200 franchi a un anno e mezzo di carcere, sempre con la condizionale. Al reato di coazione sessuale si è inoltre aggiunto quello di violenza carnale.

‘Il governo non può più nascondersi dietro a un dito’

«Il Consiglio di Stato dovrà dire definitivamente come è stato trattato questo caso all’epoca, dovrà dirlo al parlamento e al Paese senza nascondersi dietro a un dito», rincara Dadò. Che, nei giorni immediatamente seguenti alla bocciatura da parte del Gran Consiglio della sua richiesta di istituire una Cpi per far luce sul caso risalente a quasi vent’anni fa, ha depositato una mozione con la quale chiede che, per meglio capire come nell'Amministrazione cantonale, nella scuola e nelle aziende pubbliche si agisce nel caso di abusi e molestie “venga istituito un audit esterno indipendente che operi una valutazione generale delle direttive e prassi attualmente in vigore, e offra eventuali proposte di adeguamento per rafforzare la tutela delle persone da abusi e molestie”.

‘Mi attendo l'appoggio di tutte le forze politiche’

Per Dadò «è evidente che in questo momento diventa ancora più importante la mia richiesta. La sentenza di oggi, che conferma e rincara la dose riguardo a quanto di molto triste è avvenuto nell’Amministrazione cantonale, è dimostrazione che la questione va presa molto seriamente. Mi attendo da parte di tutte le forze politiche appoggio per fare chiarezza laddove non c’è ancora, e per far di tutto in maniera trasparente affinché non succeda più». La mozione sarà assegnata direttamente alla commissione parlamentare della Gestione, in cui Dadò è commissario, perché il Consiglio di Stato ha deciso di passare a essa il testo per iniziare la discussione.

Con un’interpellanza a commento della notizia pubblicata oggi dalla Corte d’appello e di revisione penale, firmata oltre che da Dadò anche da Boris Bignasca e Sabrina Aldi (Lega) e Tamara Merlo (Più donne), viene chiesto al Consiglio di Stato anche di prendere posizione sul ruolo dell’ex funzionario Dss in seno all’Amministrazione cantonale, se durante il suo periodo di sospensione ha continuato a percepire lo stipendio, su come ha avuto luogo la procedura di licenziamento, se percepisce attualmente privilegi pensionistici e se, alla luce della sentenza di secondo grado, “il governo non ritiene di dover rivedere la decisione di licenziamento in particolare per quanto attiene a un’eventuale colpa grave del dipendente”.   

Leggi anche:

Violenza carnale per l'ex funzionario: 'Colpa molto grave'

Ex funzionario Dss, Dadò rilancia: ‘Audit esterno indipendente’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissione parlamentare d'inchiesta cpi ex funzionario dss fiorenzo dadò ppd
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
4 min
Fiamme in un appartamento in via San Jorio a Locarno
Vasto dispiegamento di pompieri poco prima delle 8 per domare l’incendio, sviluppatosi all’ultimo piano di una palazzina
Ticino
2 ore
Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’
L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
2 ore
‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’
Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Locarnese
2 ore
‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’
Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Grigioni
11 ore
San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura
Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Ticino
12 ore
Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’
Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
12 ore
Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari
La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Ticino
12 ore
Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti
L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
13 ore
Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima
Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
13 ore
Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’
Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
© Regiopress, All rights reserved