laRegione
laR
 
15.03.21 - 06:00
Aggiornamento: 18:26

Vivere con 5 euro all’ora e mantenere cinque figli

Salari bassi, occupazioni precarie, frontalierato in aumento. Un mercato che favorisce la fuga dei cervelli ticinesi. La soluzione: creare posti ‘sani’

vivere-con-5-euro-all-ora-e-mantenere-cinque-figli
La fame spinge le persone a spostarsi sempre più a Nord (keystone)

La fame è fame e spinge le persone a spostarsi in cerca di un salario dignitoso ed una vita migliore. Luigi, 36 anni, quattro figli e il quinto in arrivo, in Italia doveva sbarcare il lunario con un salario (se tale si può chiamare!) di 5 euro all'ora. Un lavoro su chiamata come guardia giurata: più ore, più soldi. Ha fatto i bagagli come tantissimi suoi connazionali per cercare miglior fortuna in Ticino. Da qualche anno, Luigi vive a Morbio Inferiore e lavora per un'agenzia di sicurezza a Lugano. Sempre pagato a ore, sempre precario (a Salerno come a Lugano!), ma almeno incassa un salario che gli permette di mantenere la famiglia. La pandemia gli ha scombinato tutti i piani: avere un contratto, un permesso di lavoro, un futuro in Ticino. Per far mangiare la sua famiglia, Luigi ora a causa della pandemia fa la fila a Tavolino Magico per una ricca spesa. Coi soldi risparmiati ci spiega (a pag 2 e 3) paga qualche fattura scoperta. Lui e la moglie non si scoraggiano, in un qualche modo si farà! Anche grazie ai vari sussidi (ad esempio per la cassa malati) che trova in Ticino.  

Ma intanto quello che è l’eldorado per molti, sta diventando un deserto per i locali. In Ticino l’occupazione è sempre più precaria, cresce la cultura dell’impiego temporaneo e intermittente, stage infiniti e mai pagati, salari improponibili. Questo imbarbarimento del mercato sta obbligando ogni anno 8mila giovani ticinesi formati ad emigrare verso cantoni con posti di lavoro qualificati e salari adeguati. Troppi cervelli in fuga! Giovani molto preparati che, partendo, indeboliscono il potenziale economico del Cantone, perdiamo creatività, capacità manageriali, contributi culturali, per non pensare ai costi universitari supportati dal Cantone e ‘regalati’ ad altri Cantoni o nazioni. In Ticino questi giovani non trovano posti decenti anche per la presenza sempre più massiccia di manodopera frontaliera, che aumenta e aumenta ancora: sono 70mila ormai i pendolari del lavoro, rappresentano il 28,4 % degli occupati (quasi un lavoratore su tre), molti attivi nel terziario (il 65%). In Ticino ormai ci sono più lavoratori stranieri che svizzeri (erano 47,9% nel 2019). Il meccanismo è perverso: da un parte i frontalieri (col fenomeno crescente di sostituzione della manodopera indigena) abbassano il livello dei salari e spendono la paga guadagnata altrove. Alla fine, la nostra economia interna ne risente doppiamente. Dall'altra parte le aziende guadagnano assumendoli e pagandoli di meno e lo Stato (quindi il Ticino che crea alle aziende le condizioni quadro per insediarsi e magari pagare meno imposte) deve pagare i disoccupati. 

Dinamiche assurde, tra chi guadagna e chi perde, tra chi arriva in massa e chi è obbligato a partire, che la crisi sta ora accentuando, in un Ticino che fa molta fatica: 4mila posti di lavoro persi nel 2020. Donne e indipendenti i più colpiti. Persone che un salario se lo sudavano. E quando gli aiuti statali anti-crisi saranno esauriti, che faranno le aziende, licenzieranno? 

L’economista Marazzi si aspetta piani di razionalizzazione, riduzione di costi e personale. Altri sacrifici e altri cervelli in fuga a meno che non si intervenga subito sul livello dei salari e con la creazione di sbocchi occupazionali di qualità in un Ticino, indebolito dalla pandemia e dalla contrazione del settore finanziario. I mezzi ci sono, occorre scegliere quale modello di sviluppo seguire tra politiche di austerità o investimenti lungimiranti per sostenere lo stato sociale e creare posti di lavoro sani e sicuri, che non siano su chiamata, temporanei, intermittenti. Magari pensando ad una forma di tassa per chi assume oltre una certa quota di frontalieri. Perché no? I soldi incassati andrebbero a sostenere nuovi posti ad esempio nella farmaceutica, nella ricerca, nel turismo. Due economisti, uno di sinistra (Christian Marazzi) e uno di destra (il presidente Udc nazionale Marco Chiesa) sono arrivati alla stessa conclusione: occorre creare nuovi posti di lavoro a valore aggiunto mentre si formano competenze locali nei residenti. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
LA TRAVE NELL’OCCHIO
12 ore
Il disastro rimosso
I cambiamenti climatici non sono proprio in cima alle preoccupazioni degli svizzeri. L’analfabetismo politico non aiuta
il commento
1 gior
La monarchia delle banane
Divieti assurdi, arresti e comici censurati: il lutto a oltranza del Regno Unito per Elisabetta II è sconfinato nella caricatura di dittature tropicali
Commento
2 gior
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
3 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
3 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
4 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
6 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
6 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 sett
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
1 sett
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
© Regiopress, All rights reserved