laRegione
amanda-miranda-e-bernie-pensierini-un-po-commossi
Amanda Gorman (Keystone)
+3
DISTRUZIONI PER L’USO
laR
 
23.01.21 - 06:05
Aggiornamento: 12:22

Amanda, Miranda e Bernie: pensierini un po’ commossi

La poesia di Gorman letta all’insediamento di Joe Biden è una cosa da tirar fuori i Kleenex. Resta da capire perché

Sono passati diversi giorni, ma ogni volta che riascolto la poesia di Amanda Gorman all’insediamento di Joe Biden mi commuovo ancora come un bambino. Tra un Kleenex e l’altro ho provato a chiedermi il perché, tralasciando la critica letteraria – che non conosco – e il fatto che il mestolino mi viene anche quando ascolto Caterina Caselli.

Una prima risposta si trova nella vita stessa di Gorman, incarnazione del sogno americano che a inventarsela non verrebbe così bene: afroamericana cresciuta da una madre single, che le insegna per prima cosa i ‘Miranda Rights’ – “Hai il diritto di tacere, tutto quel che dici potrà essere usato contro di te…” – per spiegarle cosa vuol dire essere neri in America. Eppure Gorman arriva fino a Harvard e adesso guardala lì, sotto al Campidoglio, a salutare il nuovo presidente. Longilinea, elegante, con la faccia gentile e lo sguardo determinato: rassicurante, anche nel far sentire bene noi vecchi progressisti all’europea, forse ancora schiavi di stereotipi tipo ‘I Robinson’.

Poi c’è naturalmente il balsamo delle parole dopo quattro anni di Donald Trump: “Abbiamo visto una forza che distruggerebbe la nostra nazione pur di non condividerla”, ma“non saremo respinti e interrotti dalle intimidazioni”, “ricostruiremo”. Retorico quanto volete, ma si trattava di un’occasione istituzionale per una ‘poeta laureata’, non di recitare in uno scantinato tra bohémien in dolcevita.

A un livello più razionale entra in gioco l’idea d’America che traluce dai versi: quella di un paese imperfetto, in costante costruzione. L’America che “per me non lo è mai stata, ma lo sarà” della quale parlava un altro poeta afroamericano, Langston Hughes. L’America – e la democrazia, ovunque si trovi – che non è un dato di fatto, qualcosa di costruito una volta per tutte, ma un continuo fare e disfare, un “lottare per forgiare la nostra unione”. Una nazione “tutt’altro che tirata a lucido, tutt’altro che incontaminata”; che però “non è rotta, ma semplicemente incompleta”. Nella quale tra l’altro “la quiete non è sempre pace, e le nozioni di quel che è giusto non sono sempre giustizia”; ma un’America che vive nel futuro e non nel passato, come invece voleva quell’‘again’ piantato accanto ai sogni di grandezza di Trump.

Poco importa se poi ogni tanto si torna al sogno puro e semplice, in cui “se fondiamo la misericordia con la forza e la forza col diritto, la nostra eredità diventa l’amore”. Siamo davanti a un cupolone che pare una torta di matrimonio, tra Lady Gaga e Jennifer Lopez, cos’altro dovremmo aspettarci?

Semmai un caveat va rivolto a come noialtri incastoniamo quella poesia. Lo vedo bene, nella mia stessa commozione, il rischio dell’autocompiacimento: ecco, io piango per la ragazzina nera intellettuale perché sono una personcina perbene, mica come quegli altri, quelli lì che stanno con Trump, brutti bifolchi. È proprio quel sentirsi migliori che contribuisce ancora – da entrambi i lati, pur con responsabilità diverse – a dividere anche culturalmente l’America, e non solo.

C’è un rimedio, per quanto temporaneo: staccarsi da YouTube e andare a rivedersi i meme del povero Bernie Sanders seduto sulla sua seggiolina pieghevole, con le mani infilate in un paio di vecchie muffole. Un personaggio da Grande Lebowski piantato in mezzo agli altri ospiti sul Mall. Perché sono America anche i fratelli Coen.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amanda gorman america joe biden
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
16 ore
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
2 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
3 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
4 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
5 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
6 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
© Regiopress, All rights reserved