laRegione
la-libera-circolazione-e-i-rivoluzionari-dell-udc
Keystone
Rush finale
Commento
19.09.20 - 06:100

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.

Un po’ sarà la pandemia, che ha fatto slittare di quattro mesi la data della votazione, tirando per le lunghe una campagna scialba, giocata su argomenti piuttosto triti, in gran parte sentiti già nell’inverno 2013-2014 (si votava ‘contro l’immigrazione di massa’), non in grado di ‘scaldare’ cittadini che almeno apparentemente hanno altro per la testa. Un po’ sarà la stessa Udc, reduce da una lunga serie di sconfitte alle urne, alle prese negli ultimi mesi con un sofferto avvicendamento al vertice, guidata da un nuovo presidente ancora impalpabile Oltralpe. Sta di fatto che ci avviciniamo stancamente alla votazione del 27 settembre sull’iniziativa anti-libera circolazione.

Anche perché adesso la posta in gioco è chiara: la disdetta dell’Accordo sulla libera circolazione (Alc) tra Svizzera e Ue, con tutto quel che ne consegue per le misure di accompagnamento e l’insieme dei Bilaterali I. Stavolta non si scappa: visto quanto (non) successo dopo il 9 febbraio 2014 e dopo la Brexit, nessuno può ragionevolmente credere che Bruxelles sia disposta a negoziare entro un anno da un eventuale ‘sì’ popolare la fine dell’accordo. Tranne l’Udc, naturalmente.

Sei anni fa Toni Brunner & co. seppero alimentare l’illusione che l’Ue avrebbe acconsentito a mettere mano all’Alc per adeguarlo a contingenti e tetti massimi. Oggi, in spregio di ogni evidenza (persino quella messa nero su bianco nel testo della sua iniziativa), l’Udc ci ritenta. Il presidente Marco Chiesa scrive di un’iniziativa “volta a disdire, in extrema ratio (corsivo nostro)” la libera circolazione. E il suo predecessore Albert Rösti, ammiccando ai simpatizzanti di Plr e Ppd, cerca di vendere la tesi secondo cui l’Alc potrebbe restare in vigore anche in caso di ‘sì’: sospendendolo, senza disdirlo formalmente, si eviterebbe l’attivazione automatica della clausola ghigliottina, che fa un tutt’uno dei sette accordi del primo pacchetto di Bilaterali. Polvere negli occhi.

L’Udc fa una magra figura. Soprattutto quando si erge a paladina dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. Denuncia “il triste fenomeno del dumping salariale e della precarizzazione”, denigra misure accompagnatorie “che in buona sostanza hanno fallito su tutta la linea” (Chiesa). Spaccia l’iniziativa (nientemeno che “l’ultima ancora di salvezza per il nostro paese”: il presidente dell’Udc Ticino e consigliere nazionale Piero Marchesi) come “una scelta rivoluzionaria per ridare una visione alla nostra Svizzera” (il leghista Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato). A spiegare “come mantenere i nostri salari e l’occupazione” è la consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher, fustigatrice (assieme a tanti altri nel suo partito) delle misure collaterali, qualcuno che stando al ‘SonntagsBlick’ nell’ultimo decennio in dividendi ha incassato – da azionista della Ems-Chemie, assieme alle sue sorelle – molto più del monte salari dei 2'648 dipendenti dell’azienda di famiglia, una somma cresciuta quasi ogni anno mentre gli stipendi medi del personale scendevano.  

Non che di problemi in fatto di salari e altro non ve ne siano. I ticinesi lo sanno perfettamente. Ma dice bene il presidente dell’Unione sindacale svizzera Pierre-Yves Maillard, quando afferma che “oggi controlliamo meglio le imprese e questo fa arrabbiare i leader dell’Udc”, ‘rivoluzionari’ al rovescio, smaniosi di tornare all’epoca dei contingenti e degli stagionali, a un mercato del lavoro più disponibile ai loro interessi.

TOP NEWS Opinioni
Commento
11 ore
Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta
Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
1 gior
Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey
Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
2 gior
Beppe sognava un mondo diverso
Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
2 gior
Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'
Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
3 gior
Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari
La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
3 gior
Di gatti rossi, neri e zampa tesa
Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
4 gior
Se la pandemia non merita una discussione parlamentare
Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
4 gior
Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda
Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
4 gior
Covid, molto, moltissimo dipende da noi!
Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
5 gior
'Je suis Samuel'
La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile