laRegione
siete-umani-siete-fratelli
Un fotogramma del video dell'aggressione
Commento
22.07.20 - 20:320
Aggiornamento : 23:04

'Siete umani, siete fratelli'

Quanta profondità scaturita in pochi istanti. Chissà quante situazioni potrebbero trovare soluzione partendo da questo assunto!

‘Nel nome di di Dio, di Allah, gettate quel coltello! Non fate queste cose, smettetela, siete umani’.

In tanti sono rimasti colpiti dal video della donna che supplica due uomini venuti alle mani (pare per questioni di cuore) fuori dall’Aldi di Pregassona, uno armato di coltello e l'altro insanguinato. Una situazione decisamente drammatica dietro l’angolo di casa, che ha visto catapultarsi sulla scena una persona decisamente coraggiosa e determinata (che non si sente comunque un’eroina) capace di farli smettere e farsi consegnare l'arma. Diverse altre persone sono invece rimaste in disparte, anche se la donna ha inizialmente tentato di convincerle ad intervenire tutte assieme. Qualcuno – ormai succede sempre così - ha invece ripreso la scena, poi diffusa da altri in rete.

In un caso simile cosa avrei fatto?

Vedendo il filmato alcuni si saranno chiesti ‘ma io in quel caso (o in un caso simile) cosa avrei fatto?’.

Molto probabilmente la maggioranza sarebbe stata lì ad assistere al violento alterco e qualcuno - come è accaduto - avrebbe chiamato la polizia. Del resto è quello che raccomandano di fare anche le forze dell'ordine: non intervenite, potrebbe essere pericoloso, chiamate noi. E ciò, anche quando vi trovate i ladri in casa: non fate resistenza, non vale la pena rimanere feriti o rischiare la vita per cose materiali. E poi, diciamolo, nella testa di qualcuno sarà anche balenata la giustificazione: ma che se la vedano loro, i due rissosi violenti, con la polizia quando arriverà e la magistratura poi. Pur considerando eccezionale e nobile il gesto compiuto dalla donna, non crediamo quindi che l’atteggiamento degli altri presenti sia da condannare. E del resto non è per giudicare che torniamo sull’accaduto.

Fantapolitica?

Del fatto di cronaca ciò che più ci ha fatto riflettere è infatti la frase pronunciata dalla donna: ‘Siete umani’, ‘siete fratelli’. Quanta profondità scaturita in pochi istanti. Già, chissà quante situazioni potrebbero trovare soluzione partendo proprio da questo assunto. Quante guerre potrebbero essere fermate se i capi di stato o coloro che stanno nelle sale comando si ricordassero che ‘siamo umani’, ‘siamo fratelli’. E invece, guardando anche solo all'America di Trump, tanto per citare un paese ma la lista (ahinoi) è piuttosto lunga, anche solo per ribadire l’uguaglianza al di là del colore della pelle, si è dovuti scendere per strada a manifestare per settimane e settimane.

La strada per la conquista dei diritti fondamentali è ancora in salita, ma se i leader insistessero maggiormente sul fatto che ‘siamo tutti uguali, tutti fratelli’ e agissero di conseguenza, lo sarebbe molto meno e tanti motivi di tensioni e conflitti verrebbero meno. Fantapolitica, forse. Davanti all’Aldi piccola realtà.

TOP NEWS Opinioni
Commento
9 ore
Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra
Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
9 ore
Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia
La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
19 ore
L'azzardo secondo Matteo
A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
1 gior
Un mini lockdown per evitare una terza ondata
Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
1 gior
Quella stretta di mano che non s'ha da fare
Ridivampa la polemica su Minsk e sull'ipotetico Mondiale bis in Bielorussia, a fine maggio. Quando l'hockey (ma non solo) dovrebbe pensarci due volte
Commento
2 gior
Cosa non va nel ‘social media ban’ di Trump
Un mondo virtuale senza i messaggi di odio di Trump è un mondo migliore. Ma la sospensione del presidente Usa è più un atto di forza dei social media che di libertà
L'analisi
3 gior
Navalny contro Putin, specchio di un Paese in difficoltà
Lo scontro tra il potere moscovita e il blogger, che da anni denuncia corruzione e malefatte, non conosce più confini. Dietro c'è la crisi economica
Commento
4 gior
Usa, il carnevale della democrazia
Giunti a Washington a difesa del loro Cesare scalzato, i pretoriani di Trump si sono rivelati per quello che sono: esaltati pagliacci.
Commento
4 gior
Donald senza ‘Gloria’, stella di cartone
Il presidente si fa bello con la canzone dell'Umberto Tozzi e l'Umberto Tozzi s’indigna. Non è la prima volta (chiedete al Boss). Ma forse un senso c’è...
Gallery
Il commento
6 gior
Sopravvivenza, senza fronzoli
Usciti da un 2020 doloroso e zeppo di difficoltà, siamo entrato in un'annata che di garanzie non ne fornisce. Né per i grandi né per i piccoli eventi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile