laRegione
Friborgo
Ambrì
19:45
 
Losanna
Bienne
19:45
 
Langnau
Berna
19:45
 
Zugo
Davos
19:45
 
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:45
 
GCK Lions
Ticino Rockets
20:00
 
Langenthal
Ajoie
20:00
 
Sierre
Kloten
20:00
 
Turgovia
Olten
20:00
 
Winterthur
Visp
20:00
 
Friborgo
LNA
0 - 0
19:45
Ambrì
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
Losanna
LNA
0 - 0
19:45
Bienne
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
Langnau
LNA
0 - 0
19:45
Berna
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
Zugo
LNA
0 - 0
19:45
Davos
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
La Chaux de Fonds
LNB
0 - 0
19:45
Zugo Academy
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
GCK Lions
LNB
0 - 0
20:00
Ticino Rockets
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
Langenthal
LNB
0 - 0
20:00
Ajoie
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
Sierre
LNB
0 - 0
20:00
Kloten
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
Turgovia
LNB
0 - 0
20:00
Olten
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
Winterthur
LNB
0 - 0
20:00
Visp
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 19:05
Domani li ritroveremo tutti e tre in campo nelle semifinali di Wimbledon 2019 (Keystone)
Commento
10.07.19 - 20:540

Federer, Nadal e Djokovic: dei sempreverdi sull’erba londinese

I tre da oramai 16 anni dominano il tennis mondiale, in barba a una serie di problemi fisici che prima o dopo li hanno colpiti e frenati, ma non fermati

I sempreverdi sembrano avere la capacità di fermare il tempo. Per definizione, non seguono le stagioni, hanno un proprio personalissimo processo di crescita e sono resistenti ai cambiamenti (climatici). Come non meravigliarsi quindi quando apri il dizionario e tra le varie note non trovi citati Roger Federer (38 anni l’8 agosto), Rafael Nadal (33) e Novak Djokovic (32). I tre da oramai 16 anni e dal primo Wimbledon vinto da un allora 21enne renano dominano il tennis mondiale, in barba a una serie di problemi fisici che prima o dopo li hanno colpiti e frenati, ma non fermati. E in barba alle “next gen” che a turno avrebbero dovuto interromperne l’egemonia ma che in realtà si sono dovute accontentare di un ruolo da comparse. Gli unici che sono riusciti a inserirsi con una certa regolarità sono Stan Wawrinka ed Andy Murray, capaci di “rubare” al trio delle meraviglie tre Slam a testa e persino per alcune settimane il trono di numero uno al mondo (il suddito della Regina, nel novembre 2016).

Per il resto, dal primo trionfo del “King” nel suo giardino londinese nel 2003, lui, il maiorchino e il serbo si sono divisi 53 Slam e solo in sette occasioni la finale non ha coinvolto almeno uno di loro (l’ultima volta proprio all’All England nel 2016, con Murray vittorioso su Raonic). E sono ormai dieci gli appuntamenti maggiori consecutivi che non trovano un padrone diverso (4 trionfi per Nadal, 3 a testa per Federer e Djokovic, con Wawrinka l’ultimo a scrivere il suo nome sulla coppa dell’Us Open 2016). Una supremazia che si legge anche nelle settimane al comando della classifica Atp, con l’elvetico che detiene il record a quota 310 (di cui 237 di fila, dal 2 febbraio 2004 al 17 agosto 2008), mentre Nole (258 e attualmente davanti a tutti) e Rafa (196) nella speciale classifica sono preceduti solo da altri mostri sacri quali Sampras, Lendl e Connors. E domani li ritroveremo tutti e tre in campo nelle semifinali di Wimbledon 2019. Come capitato appena un mese fa sulla terra rossa del Roland Garros (vittoria finale del mancino di Manacor), ma anche come era successo per ben tre tornei dello Slam filati tra l’Us Open 2011 e gli Internazionali di Francia 2012. O ancora, per la prima volta, nel 2007 sulla terra parigina. Se questo non è fermare il tempo...

Potrebbe interessarti anche
Tags
nadal
djokovic
federer
anni
barba
sempreverdi
slam
TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile