laRegione
Gran Bretagna
04.10.22 - 19:06

Londra e la volontà di limitare il numero di studenti stranieri

Truss verso la stretta delle iscrizioni nelle prestigiose università per ridurre il fenomeno dell’arrivo di familiari con permessi di ricongiungimento

Ats, a cura di Red.Web
londra-e-la-volonta-di-limitare-il-numero-di-studenti-stranieri
Keystone
Liz Truss

Linea ancor più dura del governo Tory precedente sull’immigrazione: dal progetto di congelare automaticamente le richieste d’asilo presentate dai "clandestini" che si affidano ai trafficanti attraverso la rotta della Manica per sbarcare nel Regno Unito; all’idea di una stretta sulle iscrizioni di studenti stranieri nelle prestigiose università britanniche per ridurre il fenomeno parallelo dell’arrivo di familiari muniti di permessi di ricongiungimento.

È la prospettiva ultra radicale indicata oggi anche su questo fronte nei lavori congressuali della conferenza annuale del Partito Conservatore britannico: stavolta da Suella Braverman, succeduta alla guida del ministero dell’Interno nella nuova compagine di Liz Truss a un’altra figura in fama di falco come Priti Patel, dopo la caduta di Boris Johnson.

Braverman – protagonista oggi dal palco del congresso di Birmingham con altri ministri quali il neotitolare degli Esteri, James Cleverly, o la vicepremier e responsabile della Sanità, Theresa Coffey – non ha esitato a sfidare possibili ulteriori polemiche su un governo già pesantemente criticato in materia economica dopo neppure un mese di vita. Sui migranti illegali, ha ribadito per esempio d’essere a favore del contestato piano Ruanda per il trasferimento di parte dei richiedenti asilo nel Paese africano; e ha anzi aggiunto di "non vedere l’ora" di poter leggere sui giornali la notizia della prima partenza di un aereo.

A rafforzare il suo tono bellicoso, è quindi arrivata una dichiarazione rilasciata durante un incontro a margine dell’assise contro "i troppi studenti stranieri" iscritti tuttora a suo dire negli atenei del Regno, anche dopo la Brexit. Braverman ha definito in particolare eccessivo "il numero di coloro" a cui viene poi riconosciuto il diritto di farsi raggiungere da familiari provenienti dai Paesi d’origine. Mentre a chi le chiedeva se quest’atteggiamento non fosse in contraddizione con la sua storia familiare di figlia di genitori d’origine indiana accolti sull’isola a suo tempo rispettivamente da Kenya e Mauritius, ha replicato di non avvertire alcun disagio: semmai di provare gusto nello scandalizzare "la sinistra" politically correct.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
2 ore
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
4 ore
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
5 ore
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
6 ore
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
8 ore
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
Confine
8 ore
Falsi test positivi per il green pass, 11 indagati a Varese
I tamponi venivano effettuati da due infermieri conniventi all’esterno di una farmacia estranea alla vicenda. Costo totale: 500 euro
Italia
11 ore
Fuga di monossido di carbonio in chiesa, in due all’ospedale
Intervento dei pompieri durante un evento di catechismo in San Bartolomeo in Pergo (Arezzo). Ricoverati per accertamenti il sacerdote e una donna
Cina
12 ore
La lotta alla pandemia entra in una nuova fase
Dopo aver dettato per tre anni regole e strategie sanitarie, la Cina è pronta a voltare pagina
iran
22 ore
Festeggia la sconfitta con gli Usa, ucciso 27enne
Tanti manifestanti in strada a esultare come forma di protesta contro il regime, la polizia risponde col fuoco
siria
22 ore
Ucciso il capo dell’Isis, già annunciato un nuovo Califfo
Abu al-Hassan ‘morto in combattimento’, mistero sul quarto leader
© Regiopress, All rights reserved