laRegione
09.08.22 - 21:17

Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici

Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio

Ansa, a cura di Red.Estero
stop-ai-visti-turistici-ai-russi-nei-paesi-baltici
Passaporti russi (Keystone)

Il divieto di ingresso nell’Ue per chi è nella black list non basta, serve lo stop al rilascio di visti turistici a tutti i cittadini russi. Nel pieno dell’estate, quando i turisti della Federazione si godono le vacanze in Europa mentre in Ucraina infuria la guerra, arriva da Kiev, ma anche dai Paesi nordici, l’ultimo appello a un’ulteriore estensione delle sanzioni contro Mosca. Prima la premier finlandese Sanna Marin, poi la collega estone Kaja Kallas e infine Volodymyr Zelensky hanno chiamato Bruxelles a vietare, in generale, l’ingresso dei russi nell’area Schengen. Innescando l’immediata reazione della Russia. "Qualsiasi tentativo di isolarci è un processo che non ha prospettive", ha spiegato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Bruxelles ci lavora

In realtà il dossier è finito sul tavolo della Commissione. E sebbene da Palazzo Berlaymont evitino qualsiasi anticipazione su eventuali altre sanzioni, lo stop ai visti potrebbe costituire la settima tappa (dopo il pacchetto 6-bis di luglio) delle misure restrittive europee. Anzi, secondo il presidente del Parlamento ucraino Ruslan Stefanchuk la questione sarà discussa al Consiglio Affari Esteri informale previsto alla fine di agosto a Praga. "Non c’è ancora un sì collettivo ma uno per uno, i Paesi dell’Ue si rifiutano di rilasciare visti ai russi. E questo non richiede discussioni lunghe ed estese", ha sottolineato Stefanchuk sottolineando come Belgio, Lettonia, Estonia, Repubblica Ceca e Olanda si siano già mosse in tal senso.

La Commissione, non a caso, per il momento si è trincerata dietro la "competenza nazionale" in cui rientra il rilascio dei visti. Sottolineando tuttavia un punto: ci sarà sempre qualche visto rilasciabile, a dissidenti politici, giornalisti o per ragioni umanitarie ad esempio. Il problema riguarda innanzitutto i Paesi confinanti con la Russia, ovvero Finlandia, Estonia e Lettonia, la cui ambasciata a Mosca è stata la prima, tre giorni fa, a sospendere l’emissione di visti d’ingresso. I collegamenti aerei tra Russia e Ue sono interrotti. Chi da Mosca vuole visitare Parigi, Roma o tuffarsi nel Mediterraneo deve passare in ogni caso per i Paesi limitrofi.

"Basta con il rilascio di visti turistici ai russi. Visitare l’Europa è un privilegio, non un diritto umano. I viaggi aerei dalla Russia sono chiusi. Significa che mentre i Paesi Schengen rilasciano i visti, i Paesi vicini alla Russia ne portano il peso", ha protestato Kallas mentre Helsinki ha già annunciato di voler portare il tema in sede di Consiglio europeo. Nel frattempo per le città europee i turisti russi continuano a vedersi. E possono apparire tutt’altro che amichevoli. Su twitter, tra lo sdegno di tantissimi utenti, gira un video di una giovane russa che, a Salisburgo, si filma mentre deride alcuni rifugiati ucraini.

Guerra diplomatica

Il caso dei visti è un ulteriore segnale di come la "guerra" tra Ue e Russia sia tutt’altro che destinata a finire a breve termine. Anche sul fronte energetico. Mosca ha comunicato il taglio ai flussi di petrolio dell’oleodotto Druzhba (dell’Amicizia), che rifornisce l’Europa Centrale e che è stato risparmiato dalle sanzioni Ue sull’oro nero. Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria sono i Paesi coinvolti dal taglio, che Mosca addebita all’impossibilità di pagare il "pedaggio" per il transito in Ucraina, a causa delle sanzioni. Ma lo stop è arrivato nel giorno dell’entrata in vigore del piano Ue per la riduzione del gas, salutato come "fondamentale" da Ursula von der Leyen, che si è complimentata con i Paesi che hanno già messo in campo misure in questa direzione. L’Ue, della Russia, non si fida più. E a poco servirà l’annuncio di Gazprom della ripresa dei flussi di energia verso la Lettonia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il dopo-voto in italia
3 ore
Incontro Meloni-Salvini: ‘Unità d’intenti’
Calenda scommette su un governo di pochi mesi. Il Pd prova a ricostruirsi dalle macerie: il 6 ottobre la Direzione convocata in vista del Congresso
il voto contestato
3 ore
I separatisti ucraini da Putin: ‘Pronti all’annessione’
Lunedì la plenaria della Duma. L’Occidente condanna e manda armi. Kiev: i numeri dati da Mosca sono gonfiati.
mar baltico
4 ore
‘Nord Stream potrebbe essere irrecuperabile’
Scambio d’accuse tra Washington e Mosca: è sabotaggio. Già dispersa oltre la metà del gas, prezzi ancora in rialzo
stati uniti
4 ore
L’uragano Ian spazza la Florida: oltre 2 milioni di evacuati
Dopo essersi abbattuto su Cuba lasciando l’isola caraibica al buio, la tempesta si è diretta verso la costa Usa e ha superato i 250 chilometri orari
medio oriente
19 ore
Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna
In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
1 gior
Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare
Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
1 gior
‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina
Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
1 gior
Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’
Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
1 gior
In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea
La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
1 gior
Elon Musk diventa il più ricco d’America
Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
© Regiopress, All rights reserved