laRegione
11.08.22 - 20:37

L’Estonia chiude l’ingresso ai russi

Tallinn revoca visti e chiede lo stop Ue. Cremlino infuriato. La Germania dissente con la mossa estone e Kiev chiede spiegazioni

Ansa, a cura di Red.Estero
l-estonia-chiude-l-ingresso-ai-russi
La prima ministra estone Kaja Kallas (Keystone)

- La questione dei visti turistici per i russi - tranquillamente a zonzo per l’Europa, seppure in numeri ampiamente ridotti rispetto all’epoca pre-guerra e soprattutto pre-Covid - deflagra in piena estate. I Baltici e la Finlandia, ovvero i Paesi ‘frontalieri’ che più degli altri si trovano a gestire i flussi, complice la mancanza di collegamenti diretti aerei, sono sul piede di guerra. L’Estonia dalle parole è passata ai fatti: ha deciso di vietare l’ingresso ai russi in possesso di visti Schengen emessi da Tallin e promosso la proposta di uno stop collettivo a livello Ue.

Un’idea che ha suscitato la sostanziale contrarietà del cancelliere tedesco Olaf Scholz, scatenando l’ira di Kiev. "Questa è la guerra di Putin e quindi mi trovo a disagio con l’opzione" di negare i visti turistici "a tutti i cittadini russi", ha sostenuto Scholz sottolineando come ci siano numerose sanzioni e provvedimenti per l’invasione dell’Ucraina e dunque "perderebbero effetto" se colpissero tutti, anche "chi non ha colpe". Al cancelliere ha risposto a stretto giro il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. "Questa è la guerra della Russia, non solo di Putin", ha scritto su Twitter. "I russi sostengono a larga maggioranza la guerra, acclamano i missili che colpiscono le città ucraine e l’uccisione degli ucraini: lasciamo che i turisti russi si godano la Russia allora".

L’aspra posizione di Kiev, sostenuta apertamente dai Baltici, dalla Finlandia e dalla Polonia, segna un salto qualitativo rispetto alla posizione sinora assunta da Bruxelles (e avallata dalle capitali dei grandi Paesi Ue), ovvero separare le responsabilità delle élite da quelle dei comuni mortali. Ecco, man mano che il tempo passa (e la guerra impazza) la strategia rischia di diventare più complicata.

Odio social

Sui social stanno affiorando diversi casi (sgradevoli) di russi ostili all’Ucraina, e a volte persino all’Europa, eppure tranquillamente in ferie nel Vecchio Mondo. Al primo episodio noto, una russa in Germania che dileggiava dei rifugiati ucraini, si è aggiunto il video di un ragazzo ostile a una manifestazione pro-Kiev a Milano, davanti al Duomo. E ha fatto molto scalpore, tra i russofoni, l’uscita scomposta di un influencer russo che, da Parigi, criticava il cibo e la cultura francesi, con una tirata su TikTok farcita d’insulti. L’aneddotica, come sempre, non fa statistica ma questi casi vengono poi amplificati e finiscono per influenzare il dibattito pubblico. L’obiettivo ora è quello di arrivare al consiglio informale degli Affari Esteri di Praga, previsto per fine agosto, con una proposta da sottoporre ai ministri. La Commissione per ora non si sbilancia e ricorda che già ora è possibile rifiutare i visti ai russi, dopo controlli individuali, sulla base di diverse ragioni. Ma ricorda anche che l’Ue ha degli obblighi di diritto internazionale da rispettare, dunque l’emissione di visti per ragioni umanitarie, ad esempio agli attivisti, agli oppositori o ai giornalisti in pericolo, dovrebbe essere sempre garantita. Mosca, nel mentre, spera che nell’Ue prevalga il "buon senso" e non si arrivi a un bando generalizzato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Dopo il cappotto ‘alla Messina Denaro’, il bimbo vestito da boss
Un video su TikTok mostra un bambino che ‘sfila’ con gli stessi abiti del capomafia al momento dell’arresto. C’è anche chi minimizza: ‘È solo ironia’
Stati Uniti
5 ore
America nella morsa del ghiaccio: aerei a terra
Colpiti in particolare gli Stati meridionali, dove nelle ultime 24 ore sono stati cancellati circa 865 voli nazionali
Estero
15 ore
Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti
Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
la guerra in ucraina
15 ore
Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile
Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
15 ore
Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa
L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
16 ore
Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)
L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Estero
20 ore
Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera
Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
21 ore
Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere
Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Estero
1 gior
Euro, ogni milione di banconote 13 sono false
Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
1 gior
Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como
Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
© Regiopress, All rights reserved