laRegione
macron-niente-governo-di-unita-nazionale
Keystone
22.06.22 - 21:48
Aggiornamento: 23:01
Ansa / Ats, a cura de laRegione

Macron: niente governo di unità nazionale

Il presidente francese conta di arrivare a un esecutivo di maggioranza attraverso dei ‘compromessi’

Tre giorni di assordante silenzio, poi stasera un discorso di 10 minuti: il presidente francese Emmanuel Macron è tornato a parlare dopo il crollo elettorale di domenica scorsa e dopo aver perso la maggioranza assoluta. Ha escluso l’ipotesi di un "governo di unità nazionale" sul quale aveva consultato ieri i partiti, in maggioranza contrari. E lancia "un nuovo metodo", basato sui "compromessi": "i partiti - ha detto lanciando una sorta di ultimatum e rilanciando la palla nel campo dei leader avversari - dicano fin dove possono arrivare".

Aria seria ma non smarrita, Macron è sembrato voler in qualche modo contrattaccare. "Non giustificato" il governo di unità nazionale, resta soltanto la scelta di "imparare a governare in un altro modo", quella di "cercare una maggioranza più ampia e chiara".

Tradotto concretamente in un sistema che finora non ha mai conosciuto queste difficoltà, l’auspicio del presidente può significare una coalizione ampia con appoggi "esterni" oppure un cammino lungo il quale trovare "caso per caso" gli appoggi per far passare in parlamento riforme e provvedimenti.

Mancano 44 voti

Il cammino è ancora tutto in salita per la coalizione governativa, alla quale mancano 44 voti per avere la maggioranza assoluta. E, fino ad oggi, dai Républicains - la destra moderata - non sono arrivati segnali concreti di una collaborazione affidabile.

Rilanciando la palla nel campo degli avversari, Macron non è andato troppo per il sottile, lanciando un ultimatum a 48 ore: "fino a dove sono disposti ad andare" lo dovranno dire "al mio ritorno". Cioè fra due giorni, quando Macron rientrerà in Francia dal Consiglio europeo: "fin dal mio ritorno da Bruxelles continueremo a costruire questo metodo nuovo". Che sarà basato su "compromessi, arricchimenti, emendamenti, ma tutto questo sempre in totale trasparenza". Perché, ha ammesso, "nessuna forza politica può fare oggi le leggi da sola".

Dai giardini dell’Eliseo, Macron ha registrato il discorso appena una decina di minuti prima della messa in onda delle tv, alle 20.00. È il segnale che fino all’ultimo ha cercato di limare le sfumature, le aperture, con toni a lui sconosciuti nel primo mandato, quando godeva di una maggioranza di 341 seggi su 577.

Ha dovuto ammettere le "fratture" emerse in queste elezioni, la "volontà di cambiamento che il paese ha chiaramente espresso". Ha reso omaggio ai responsabili politici che ha incontrato ieri nelle prime consultazioni e che, nessuno escluso, "hanno espresso il loro rispetto per le nostre istituzioni e la volontà di evitare che il nostro paesi resti bloccato". Poi ha pensato subito - citandole - a "Germania, Italia", dove questi scenari di incertezza politica sono più usuali.

Da subito, "fin da quest’estate", ha annunciato il presidente garantendosi l’appoggio dell’opinione pubblica per l’urgenza di agire, "serve una legge per il potere d’acquisto e perché il lavoro sia meglio pagato". E ancora, "andare verso il pieno impiego, scelte forti su energia e clima, misure urgenti per la sanità". Scomparsa quella che per lui era la riforma più importante, quella delle pensioni, alla quale dovrà certamente rinunciare.

E neppure un accenno alla premier Elisabeth Borne, che al momento è stata confermata ma il cui futuro resta in bilico, come ha tenuto a ricordare, subito dopo il discorso di Macron, un agguerrito Jean-Luc Mélenchon, leader della France Insoumise (sinistra): "la prima ministra deve presentarsi in Assemblea e chiedere la fiducia. Se non la ottiene, se ne deve andare".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
francese governo macron presidente
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
25 min
Anche i ministri ancora fedeli chiedono a Johnson di lasciare
Una delegazione di almeno una mezza dozzina di membri del Consiglio di gabinetto annunciano di voler chiedere al primo ministro di dimettersi
Estero
31 min
Salgono a 9 le vittime del disastro della Marmolada
Sono due in più rispetto a ieri. Cinque i morti non ancora identificati
Estero
1 ora
Tre accuse di stupro per un giocatore della Premier League
Il calciatore, la cui identità non è nota, è libero su cauzione. Secondo i media inglesi fa parte di una Nazionale qualificata ai Mondiali in Qatar
Estero
2 ore
Hong Kong: autori di libri per bambini accusati di sedizione
Cinque persone sono accusate di aver ritratto pecore e lupi riferendosi metaforicamente agli abitanti della città e alla Cina
Estero
5 ore
Boris Johnson al Parlamento: il Governo va avanti nel suo lavoro
Il premier inglese, nonostante la raffica di dimissioni in seguito al caso Pincher, è deciso a restare al suo posto
Estero
5 ore
Malta, il killer di Caruana: pagato per ucciderla, solo affari
L’assassino della giornalista maltese, morta per un’autobomba nel 2017, ha spiegato il suo ruolo di sicario prezzolato in un’intervista con la Reuters
Regno Unito
6 ore
Proseguono le defezioni nel governo di Boris Johnson
Dopo le dimissioni, ieri, di due ministri senior per il caso Pincher, oggi lascia Robin Walker, viceministro per gli Standard della Scuola
Estero
7 ore
È morto il segretario generale dell’Opec Muhammad Barkindo
Il 63enne è deceduto improvvisamente. Era alla testa dell’organizzazione dal 2016
Estero
8 ore
Marmolada: proseguono le ricerche con i droni
La frana di ghiaccio aveva travolto gli alpinisti domenica. Alcuni soccorritori potrebbero tornare sul posto giovedì per l’intervento ‘vista e udito’
Estero
9 ore
Alpinista precipita per 400 metri e muore sull’Ortles
La vittima è un turista della Repubblica Ceca. L’incidente è avvenuto verso le 5.30 di questa mattina.
© Regiopress, All rights reserved