laRegione
elezioni in francia
13.06.22 - 22:03

Macron evita il sorpasso, ma Mélenchon pensa alla spallata

La gauche denuncia brogli, il presidente ora guarda a destra. E domenica c’è il secondo turno

Ansa, a cura de laRegione
macron-evita-il-sorpasso-ma-melenchon-pensa-alla-spallata
Sospiro di sollievo per Macron (Keystone)

Battaglia senza esclusione di colpi in Francia in vista del ballottaggio di domenica prossima con sfide a due o triangolari per comporre la nuova Assemblée Nationale. Se almeno 289 dei 577 deputati saranno di ‘Ensemble!’, l’alleanza macronista, il governo procederà con le riforme, prima fra tutte quella contestatissima delle pensioni. Se i melenchonisti di Nupes viceversa strapperanno alla maggioranza troppi seggi, per la Francia si aprirà un capitolo quasi sconosciuto. "Il governo non si allontana, anzi da oggi è più vicino", ha proclamato l’irriducibile Jean-Luc Mélenchon, in barba a tutti i sondaggi che lo vedono molto lontano da un sorpasso a Macron in termini di seggi.

In nottata, peraltro, con grande disappunto della gauche e soprattutto dei colonnelli di Mélenchon e del suo partito La France Insoumise, le cifre del ministero dell’Interno hanno sancito che anche in termini di preferenze l’agognato sorpasso non c’è stato: Macron ed Ensemble! mantengono infatti 21.000 voti di vantaggio su Nupes (Nuova Unione Popolare Ecologica e Sociale), un’inezia sul totale di 23,3 milioni di votanti. In termini di seggi, però, le proiezioni vedono l’area governativa fra 255 e 295 (quindi la soglia della maggioranza assoluta a 289 è molto vicina all’ipotesi del miglior risultato, sarebbe quasi un exploit), mentre Nupes è - prima forza d’opposizione - fra 150 e 210.

Ma a Mélenchon e compagni quel quasi insignificante sorpasso in termini di schede (appena lo 0,09%) non è andato giù. Soprattutto dopo che per tutta la serata nera della maggioranza di governo avevano proclamato di essere "il primo partito di Francia": "Se alla fine vinceremo - ha proclamato il tribuno della gauche radicale - bisognerà tirare le conclusioni, non è più possibile che un ministro dell’Interno possa rifiutare un’etichetta come ha fatto Darmanin per la Nupes". Il ministero, in effetti, aveva rifiutato di porre la sigla Nupes sulle schede per i candidati di Mélenchon, i socialisti, i Verdi e i comunisti. Soltanto un ricorso al Consiglio di Stato aveva intimato al governo di conteggiare i voti dei candidati delle liste aderenti al Nupes sotto la nuova etichetta.

Le accuse

Per Mélenchon, sono stati commessi "imbrogli", alcuni candidati sono stati "riclassificati all’ultimo momento". Per uno dei suoi più stretti collaboratori, Alexis Corbière, i "brogli" sarebbero avvenuti soprattutto nei seggi dei territori francese d’Oltremare. "Ci sono emergenze sul potere d’acquisto, abbiamo la guerra alle porte dell’Europa, c’è bisogno di stabilità", ha invocato invece la prima ministra Elisabeth Borne oggi dal Calvados, dove si è classificata senza sorprese al primo posto. Ma se la fatidica quota 289 non sarà superata, Macron sarà costretto a guardare a destra. Tutti pensano ai Républicains, che soltanto qualche anno fa rappresentavano uno dei due poli di governo che si alternavano in Francia e ora sono stati scavalcati dalla gauche. Per ora i vertici neogollisti promettono che faranno opposizione alla maggioranza macronista e negano ogni possibile appoggio esterno. Gran parte degli analisti sono convinti però che il governo, se i propri deputati in parlamento saranno insufficienti per far passare un provvedimento, non potranno che guardare alla destra moderata. Tanti i pensieri che agitano la maggioranza, fino ad oggi in preda alla sensazione di essere invincibile dopo anni di trionfi elettorali con Macron. Fra gli altri, il rischio di perdere dei pezzi, perché i ministri candidati dovranno dimettersi nel caso di sconfitta. E a rischiare pesantemente sono Amélie de Montchalin, la responsabile della Transizione Ecologica - ministero sul quale il presidente ha scommesso moltissimo - e soprattutto Clément Beaune, uno dei ministri da sempre più vicini al presidente, responsabile degli Affari Europei.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
2 ore
L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio
Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
3 ore
La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘un grande marxista e leader’
Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
12 ore
Kiev attacca in Russia: colpite due basi
Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
12 ore
Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’
I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Russia
1 gior
‘Price cap’ del petrolio, Mosca fa spallucce
Ribadendo il non riconoscimento da parte della Russia, Dmitry Peskov preannuncia l’imminente risposta del Cremlino
Estero
1 gior
Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016
Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
la guerra in ucraina
1 gior
Bombe russe a Zaporizhzhia, colpito centro oncologico a Kherson
‘Base russa in costruzione a Mariupol’. Putin andrà a fare una visita nel Donbass
Estero
1 gior
Snowden ha preso il passaporto russo
L’esperto informatico, nel 2013, decise di desecretare in autonomia migliaia di documenti top secret del suo Paese, gli Stati Uniti
iran
1 gior
‘Abolita la polizia morale’, ma il regime non conferma
Mistero sulla frase del procuratore generale alla vigilia di nuove proteste di piazza. Demolita la casa di una scalatrice che gareggiò senza velo
italia
1 gior
La ticinese Schlein si candida per la segreteria Pd
In concorrenza a Bonaccini: ‘Parte da noi una storia nuova’. Botta e risposta con l’ex segretario Renzi sul suo exploit alle Europee
© Regiopress, All rights reserved