laRegione
la-bosnia-erzegovina-chiede-all-ue-lo-status-di-paese-candidato
Keystone
09.03.22 - 15:31
Aggiornamento: 22:04
a cura di Marco Narzisi

La Bosnia Erzegovina chiede all’Ue lo status di paese candidato

Il Presidente di turno, il croato Zeljko Komsic, ha chiesto alle istituzioni europee di fare un passo ulteriore per l’adesione all’Ue

Dopo le richieste di adesione avanzate nei giorni scorsi, oltre che dall’Ucraina, da Georgia e Moldavia, ieri è stata la Bosnia Erzegovina a muovere un passo ulteriore per l’ingresso nell’Unione europea. Il presidente di turno della federazione, il croato Zeljko Komsic, ha infatti inviato una lettera alle principali istituzioni dell’Ue per sollecitare il conferimento dello status di Candidato al paese balcanico, la cui richiesta di adesione è stata peraltro inviata già nel 2016. La richiesta è stata presentata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, al presidente del Consiglio dell’Ue Charles Michel, all’alto rappresentante dell’Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell e al commissario dell’Ue per la politica di vicinato e l’allargamento Oliver Varhelyi.

Nella lettera, riportata dai media bosniaci, Komsic valuta "la pericolosa attività politica e militare della Russia" come "inaccettabile" sottolineando che essa "è al di fuori delle norme del diritto pubblico internazionale e dei suoi accordi validi, come la Carta delle Nazioni Unite". Komsic ricorda come la Bosnia abbia finora aderito "a tutte le misure decise dall’Ue contro coloro che hanno attaccato la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina". Ciò, sottolinea il presidente bosniaco, in linea con la posizione della Presidenza del suo Paese fin dal 2014, che aveva condannato l’annessione della Crimea alla Russia "che ha violato l’integrità territoriale dell’Ucraina e portato un attacco diretto alla sua sovranità".

In questo momento, prosegue Komsic, "l’unità europea è più che necessaria e un chiaro segnale che i Balcani occidentali fanno parte dell’Europa e gli Stati che ne fanno parte sono indiscutibilmente futuri membri dell’Ue". Lo status di candidato, dando "un’ulteriore conferma dell’indivisibilità e della sovranità" della Bosnia, contribuirebbe in modo positivo alla sicurezza generale e stabilità del Paese e dell’intera regione dei Balcani occidentali.

Da ricordare che lo status di candidato non comporta l’adesione automatica all’Ue né l’avvio automatico dei negoziati. Infatti, come si legge anche sul sito Eur-lex che raccoglie il diritto europeo, "il paese candidato è tenuto a dimostrare la sua capacità di soddisfare i criteri di adesione (criteri di Copenaghen) e di assumere i diritti e i doveri inerenti all’adesione all’Unione europea". La Bosnia, in questo caso, come ricorda anche Komsic nella lettera, dovrà portare a termine "un profondo processo di riforma, ad esempio, migliorando le proprie infrastrutture e capacità amministrative alla luce dell’attuazione di una nuova legislazione conforme al corpus legislativo e alle norme dell’Unione europea (denominato acquis)". Dovrà quindi essere prestata attenzione "all’attuazione di riforme importanti nell’ambito dello Stato di diritto, dell’economia e del funzionamento di istituzioni democratiche e della pubblica amministrazione".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosnia erzegovina ue zeljko komsic
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
medio oriente
4 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
6 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
6 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
10 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
10 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
Confine
11 ore
Como: clochard stuprata in centro, fermata una persona
Una donna di 56 anni, senza fissa dimora, è stata picchiata con estrema violenza, presa a bottigliate e stuprata questa notte in piazza Vittoria
Confine
11 ore
Porlezza, salvata turista in pedalò in balìa del temporale
Il Bacino lacuale Ceresio Piano e Ghirla: serve un servizio di pattugliamento da parte delle unità nautiche per rafforzare la sicurezza
Galapagos
17 ore
Sull’isola di Santiago riecco le iguane terrestri
L’ultima popolazione sana di questi animali rosa era stata censita addirittura nel 1835 da Charles Darwin
Estero
17 ore
Gaza, Israele uccide due capi della Jihad. 29 morti fra i civili
Si tratta dei due comandanti militari Tayassir al-Jabari e Khaled Mansour. Oltre 250 i feriti. La Jihad ha lanciato 580 razzi verso Israele
Estero
20 ore
Rifiuti alimentari umani: ‘Una minaccia per gli orsi polari’
Con la riduzione dei ghiacciai questi animali cercano cibo sempre più vicino alle zone abitate
© Regiopress, All rights reserved