laRegione
unione europea
23.06.22 - 20:15
Aggiornamento: 20:50

Sì alla candidatura all’Ue di Kiev, Balcani in rivolta

Ok anche alla Moldavia, ma veti incrociati impediscono di ottenere lo status ad Albania e Macedonia del Nord. Rallentamenti anche per la Bosnia

Ansa, a cura de laRegione
si-alla-candidatura-all-ue-di-kiev-balcani-in-rivolta
Bandiere dell’Ucraina e dell’Ue sventolano insieme (Keystone)

"Momento storico". È l’espressione più in voga oggi a Bruxelles, dove il Consiglio europeo era chiamato a ratificare la richiesta della Commissione di concedere lo status di Paese candidato all’Ue per l’Ucraina (e Moldavia). E in effetti dovrebbe essere un giorno di festa, perché il sì rappresenta per l’Unione una scelta geopolitica. Ma è una festa al momento sospesa. Al Consiglio è scoppiato infatti lo psicodramma dei Balcani occidentali: nessun risultato tangibile, per loro, dal vertice con i 27 leader a causa dei veti incrociati. "È una brutta pagina", ha tagliato corto l’alto rappresentante per la politica estera Ue Josep Borrell. E dunque si discute a oltranza, per garantire comunque una prospettiva ai vicini più vicini. La questione è arzigogolata. L’Albania e la Nord Macedonia, dopo anni di riforme, non riescono a ottenere l’apertura dei negoziati per l’adesione a causa del blocco della Bulgaria, che sbarra la strada a Skopje per questioni identitarie. Il premier filo-occidentale Kiril Petkov è arrivato a Bruxelles ufficialmente sfiduciato dal Parlamento, con una crisi politica in massima esplosione, in parte proprio per aver tentato di sciogliere la matassa.

La Francia ha tentato una mediazione, con un piano in queste ore all’esame dei deputati nel corso di una seduta straordinaria, che prevede però anche delle modifiche costituzionali per la Macedonia del Nord. "La proposta francese in questa forma è inaccettabile per noi", ha però tuonato il premier macedone, Dimitar Kovacevski, in conferenza stampa.

Il nodo bulgaro

A complicare le cose, i sondaggi in Bulgaria: se si andrà a nuove elezioni, i partiti populisti e filo-russi rischiano di prendere molti voti. Dunque tocca muoversi con delicatezza. Esattamente il contrario del premier albanese, Edi Rama. Che ha sparato a palle incatenate. "È una vergogna che un Paese Nato, la Bulgaria, tenga in ostaggio altri due Paesi Nato, la Nord Macedonia e l’Albania, nel pieno di una guerra nel nostro cortile di casa e che altri 26 membri dell’Ue restino fermi e impotenti". Il problema è sempre l’unanimità. E infatti Borrell, scuro in volto, ha ribadito l’ovvio: "Dobbiamo andare oltre, non possiamo continuare ad accettare che un membro solo blocchi tutto". Ma per ora è così.

Se questo è lo scoglio più tagliente, ci sono altri intralci. La liberalizzazione dei visti per il Kossovo, ad esempio. O la concessione dello status di Paese candidato alla Bosnia-Erzegovina. Ecco, sul punto è scattata una battaglia di Slovenia e Austria per chiedere più coraggio ai leader europei e quindi ci potrebbe essere l’escamotage di equipararla alla Georgia, alla quale verrà assicurata una "prospettiva europea" condizionata a certe riforme. Nessuno, a quanto si apprende, ha evocato l’ipotesi di veti ai danni dell’Ucraina (o della Moldavia).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
8 ore
Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni
Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
9 ore
Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’
Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
9 ore
‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’
Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Confine
14 ore
Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio
Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
Gallery
Italia
20 ore
Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi
Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna
Italia
1 gior
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
2 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
2 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
2 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
2 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
© Regiopress, All rights reserved