laRegione
11.02.22 - 22:29

Macron a Mosca da Putin rifiutò il tampone

‘Il Dna del presidente non poteva finire in mano ai russi’

Ansa, a cura de laRegione
macron-a-mosca-da-putin-rifiuto-il-tampone
La foto simbolo dell’incontro (Keystone)

“Sapevamo benissimo che dire di no avrebbe significato niente strette di mano e quel lungo tavolo. Ma non potevamo accettare che loro mettessero le mani sul Dna del presidente”: giallo al Cremlino, dove dietro le quinte dell’interminabile incontro di lunedì scorso fra Emmanuel Macron e Vladimir Putin, dedicato alla crisi ucraina, si è sfiorato il clamoroso incidente diplomatico. A confidare il segreto all’agenzia Reuters è stato uno stretto collaboratore del presidente francese ma la versione che vede la riservatezza del codice genetico di Macron al centro della disputa non è stata confermata - né smentita - oggi dall’Eliseo.

La polemica

Secondo la presidenza, subissata di richieste di chiarimento da parte di giornalisti di tutto il mondo, il Cremlino prevedeva “un incontro fra i due capi di Stato con un distanziamento minore (contatto con stretta di mano e tavolo più piccolo) ma imponeva un protocollo sanitario che non ci è sembrato né accettabile né compatibile con le esigenze dell’agenda”. Una questione di timing, quindi: per un molecolare Macron avrebbe dovuto cambiare il suo programma scadenzato fra Mosca e Kiev.

L’immagine di quel tavolo lunghissimo con i due capi di Stato alle estremità ha fatto immediatamente il giro del mondo ed è diventato simbolo della difficilissima trattativa. Tempestate di domande, le fonti dell’Eliseo hanno lasciato intendere che qualcosa in più di un semplice problema di orari è andato in scena a Mosca: il molecolare “è un prelievo", fanno notare. "Fatto da chi? Quando? In che modo? - incalzano alla presidenza francese - Non avevamo certo paura che i russi ne approfittassero per mettere un passamontagna sulla testa del presidente, infilargli un chip nel collo e tagliargli le unghie...”.


Macron e Putin a Mosca (Keystone)

Bicchieri e capelli

Un modo indiretto di sottolineare che se ai russi per qualche motivo interessasse il Dna di Macron, sarebbe bastato loro un bicchiere usato o un capello caduto. Emmanuel Macron, prima di partire per Mosca, si era sottoposto a un molecolare in Francia. All’arrivo, gli era stato praticato un antigenico dal suo medico personale. “I russi - ha spiegato una seconda fonte francese che ha parlato con la Reuters - ci hanno detto che Putin doveva essere protetto in una stretta bolla sanitaria”.

Interrogato da un giornalista sulla vicenda del rifiuto di Macron, il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha confermato: “Alcuni seguono regole proprie. Ma in questo caso, abbiamo applicato un protocollo sanitario per proteggere la salute del nostro presidente e quella del suo ospite. Nel caso che i medici delle due parti interagiscano, allora è possibile ridurre il distanziamento”. Ma non è stato così per Macron e Putin, in disaccordo non solo sulla crisi ucraina, ma anche sulla necessità di fare un tampone anti-Covid.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
17 min
America nella morsa del ghiaccio: aerei a terra
Colpiti in particolare gli Stati meridionali, dove nelle ultime 24 ore sono stati cancellati circa 865 voli nazionali
Estero
9 ore
Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti
Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
la guerra in ucraina
10 ore
Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile
Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
10 ore
Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa
L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
10 ore
Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)
L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Estero
14 ore
Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera
Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
16 ore
Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere
Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Estero
18 ore
Euro, ogni milione di banconote 13 sono false
Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
19 ore
Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como
Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
22 ore
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
© Regiopress, All rights reserved