laRegione
blitz-antiterroristico-in-belgio-fermate-tredici-persone
Keystone
L’arresto di Salah Abdeslam
Belgio
08.02.22 - 14:35
Aggiornamento: 14:56

Blitz antiterroristico in Belgio: fermate tredici persone

Imponente operazione di polizia per le vie di Anversa. Nel mirino un gruppo ‘vicino al movimento jihadista salafita’

Tredici persone sono finite in manette in Belgio nell’ambito di un’inchiesta giudiziaria volta a sradicare potenziali cellule terroristiche. E con particolare riferimento allo «sviluppo» di un gruppo di Anversa vicino al «movimento jihadista salafita». I tredici arresti, effettuati nel corso di altrettante perquisizioni nella zona nord di Anversa, hanno lo scopo di «identificare meglio le attività» di questo gruppo potenzialmente pericoloso, spiega l’ufficio del procuratore federale, che ha coordinato l’inchiesta. Non sono tuttavia stati forniti dettagli sulle attività sospette che hanno portato al blitz. L’operazione, che si è svolta «senza incidenti» e ha mobilitato circa cento agenti della polizia giudiziaria federale, rientrava nell’ambito di un’indagine aperta diversi mesi fa da un giudice istruttore antiterrorismo di Anversa.

I 13 uomini arrestati dovranno comparire entro le prossime 48 ore davanti al giudice incaricato di decidere se prolungarne la detenzione o rimetterli in libertà.

Una base nelle retrovie

Già in passato Bruxelles e Anversa erano state usate dalle cellule jihadiste internazionali come basi ‘posteriori’. Anversa lo era stata per il gruppo Sharia4Belgium, che fin dalla sua creazione nel 2010, sosteneva il jihad, e diversi dei suoi membri erano pure andati a combattere in Siria. Nel 2015, il suo ex leader, Fouad Belkacem, di origine marocchina, era stato condannato in Belgio a 12 anni di prigione (e nel 2018 gli era stata revocata la cittadinanza belga). Sharia4Belgium nel frattempo è stato sciolto, ma la giustizia locale teme che possa ancora essere una fonte di ispirazione per certi islamisti.

All’indomani degli attacchi di Parigi del 13 novembre 2015 (130 morti), il Belgio – in particolare Molenbeek, nella regione di Bruxelles – era stato indicato come la base posteriore del jihadismo internazionale. Dall’indagine era subito emerso che molti degli attentatori erano di Molenbeek, e che gli attacchi erano stati ampiamente preparati sul territorio belga. Pochi giorni dopo l’arresto di Salah Abdeslam, l’unico membro superstite del commando di Parigi (dove è attualmente sotto processo) a Bruxelles, il Belgio stesso si era ritrovato nel bersaglio degli attacchi terroristici.

Il 22 marzo 2016, la capitale belga era stata colpita da un doppio attacco rivendicato anche dall’organizzazione Stato islamico. Agendo in fretta e furia, gli attentatori suicidi della stessa cellula jihadista che aveva attaccato Parigi si erano fatti esplodere all’aeroporto di Zaventem e nella metropolitana, uccidendo 32 persone e ferendone oltre 340.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
belgio terrorismo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Turista francese ferita da un orso polare alle Svalbard
La donna non è in pericolo di vita. Il plantigrado ha fatto irruzione nell’accampamento ferendola al braccio
Estero
4 ore
Morto il cardinale Tomko, era il più anziano fra i porporati
Slovacco, aveva 98 anni. Era fra i tre cardinali scelti per indagare sulla fuga di notizie in Vaticano nel 2012
Estero
7 ore
Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan
Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
7 ore
Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato
L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
7 ore
Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto
Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
16 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
18 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
18 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
22 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
22 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
© Regiopress, All rights reserved