laRegione
usa-russia a ginevra
21.01.22 - 21:18
Aggiornamento: 22:18

Mosca provoca: “Via la Nato da Romania e Bulgaria”

L’incontro in Svizzera è l’ennesimo nulla di fatto. Il Cremlino insiste sulle sue posizioni intransigenti legate alla situazione in Ucraina

Ats, a cura de laRegione
mosca-provoca-via-la-nato-da-romania-e-bulgaria
Il ministro degli Esteri russo Lavrov con il presidente svizzero Cassis (Keystone)

I negoziati continuano, la tensione cresce, l’impasse regna. L’incontro tra il segretario di Stato Usa Antony Blinken e il suo omologo russo Serghei Lavrov a Ginevra c’è stato, ma ha certificato nuovamente la distanza tra le parti.

Mosca si è presentata chiedendo il ritiro degli effettivi Nato da Bulgaria e Romania, come già esplicitato nelle bozze di trattato pubblicate a dicembre - proposte respinte con sdegno dai due stessi Paesi dell’alleanza, oltre che dalla stessa Nato. Lavrov ha preteso nuovamente “risposte scritte” e Blinken le ha promesse per la prossima settimana. Ma ha anche intimato al Cremlino di “fornire prove” che non sta preparando l’invasione dell’Ucraina. Mentre la Russia ha replicato minacciando “serie conseguenze” se le sue richieste saranno ignorate.

Prove di dialogo

Il dialogo dunque continua. Blinken ha suggerito l’ipotesi di un nuovo summit Putin-Biden “se può essere la soluzione" per risolvere la crisi. Il Cremlino ha preso nota. Ma poi sul campo la situazione vira e prende tinte fosche. L’Olanda ha dichiarato di aver ricevuto una richiesta di armi “difensive” dall’Ucraina e di essere "disponibile”, dato che c’è una maggioranza parlamentare a favore. È l’ultima tessera del mosaico, dopo lo slancio in avanti di Londra, che ha consegnato sistemi anticarro, e l’ok degli Stati Uniti ai Paesi baltici di fornire a Kiev armamenti made in Usa (missili anticarro e antiaerei). Inutile dire che Mosca giudica “negativamente” tali sviluppi. Washington sta inoltre valutando se evacuare i membri delle famiglie del personale diplomatico in Ucraina, tanto per dire l’aria che tira (una misura che sembra al momento “non allo studio” da parte dell’Unione Europea).


Blinken a Ginevra durante la conferenza stampa (Keystone)

I segnali insomma non sono positivi e la confusione, al di là dei proclami, è tanta. Il boccino ce l’ha in mano il Cremlino e ogni decisione finale spetta a Vladimir Putin. Nessuno sa, ora come ora, cosa deciderà di fare lo zar. Probabilmente non lo sa nemmeno lui. Ecco perché questa presa di posizione ai limiti del notarile, con l’accento sulle “risposte scritte”, a ben vedere sa molto di escamotage per prendere tempo.

Sponda europea

La diplomazia dunque è freneticamente al lavoro - gli alleati si sentono o si vedono di continuo - e il mantra resta quello “dell’unità“. Blinken lunedì prenderà parte (virtualmente) al consiglio affari esteri Ue per relazionare i partner europei e fonti Ue assicurano che “non ci sono divisioni, pur con sensibilità diverse tra i Paesi membri rispetto ai rapporti con la Russia, sui principi di base rispetto alle richieste avanzate da Mosca”, classificate come "la principale minaccia all’architettura della sicurezza europea dalla fine della guerra fredda”. Detto questo, un set di sanzioni pronte a scattare non c’è ancora, benché le fonti assicurano che, se necessario, i 27 saranno capaci di agire "in fretta”. Ancora. Gli europei non stanno discutendo “nello specifico” le proposte di Mosca, né tra di loro né con gli Usa. Eppure tutti concordando che “a un certo punto” la Russia dovrà includere l’Ue nei negoziati, benché sinora si sia guardata bene dal farlo. Ma tutto si può dire, tranne che i russi non siano stati chiari su quello che vogliono. E qui sta l’impasse.


Soldati ucraini a un checkpoint (Keystone)

La pressione della Russia

Il rischio dunque è che, sotto la pressione silente del Cremlino, il fronte si spacchi. Il presidente francese Emmanuel Macron, a Strasburgo, ha parlato della necessità di creare “una strategia europea" sulla sicurezza, da sottoporre poi a Mosca "nelle prossime settimane”. Ma ci sarà il tempo? O la voglia, per non dire la capacità, di arrivare a una posizione unitaria, soprattutto rimosso l’ombrello Nato? Usa e Ue ribadiscono di continuo la “risposta forte” nel caso in cui il Cremlino alla fine optasse per l’aggressione militare, ma a questo punto il vero dubbio è cosa possa accadere se questo stato di tensione resterà costante nel tempo. Che potrebbe pure essere uno degli obiettivi di Putin: la crisi di nervi occidentale, e un fatidico passo falso.

“Ogni invasione di un Paese da parte di un altro Paese è una violazione delle leggi internazionali", ha detto in serata il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, parlando con i giornalisti al Palazzo di Vetro e rispondendo a una domanda sul rischio di invasione russa dell’Ucraina. "Credo che non succederà, e spero di avere ragione”, ha aggiunto.

Le parole di Cassis

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, dal canto suo, oggi era presente a Ginevra e ha tenuto colloqui con Lavrov e Blinken. Il ticinese si è detto preoccupato per un possibile deterioramento della situazione in Ucraina. Nel mezzo di una pandemia, “sarebbe disastroso per l’Europa e per il mondo se una nuova crisi prendesse il sopravvento", ha detto Cassis, aggiungendo che "le discussioni odierne sono avvenute in un momento estremamente difficile”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
gerusalemme
11 ore
La risposta palestinese è un attacco alla sinagoga
Uomo apre il fuoco in un rione ortodosso di Gerusalemme: uccise 7 persone. L’attentatore è stato colpito a morte dagli agenti. Hamas esulta.
Estero
11 ore
Afroamericano ucciso da agenti, video shock del pestaggio
Il capo della polizia di Memphis: ‘Disprezzo per la vita umana’. Attese proteste, appello alla calma da parte della mamma della vittima.
Estero
12 ore
Tensione dopo scontri a Jenin: razzi da Gaza, raid di Israele
Dopo l’‘operazione antiterrorismo’ israeliana con 9 vittime palestinesi, nella notte la Jihad islamica attacca, Tel Aviv risponde con l’aviazione
Estero
13 ore
Benedetto XVI: ‘L’insonnia il motivo centrale delle dimissioni’
Il defunto papa, in una lettera di ottobre al suo biografo resa nota oggi, narrava i problemi causati dalla mancanza di sonno e dai sonniferi prescritti
Oceania
21 ore
Un navigatore svizzero disperso nel mare al largo dell’Australia
Stando alla polizia australiana l’80enne è partito in direzione della Nuova Zelanda a bordo del suo yacht. Non si hanno sue notizie dal 5 dicembre.
Stati Uniti
23 ore
A Capitol Hill, a sorpresa, c’è anche Elon Musk
Il miliardario ha discusso con i leader di repubblicani e democratici il modo per assicurare ‘che Twitter sia equa nei confronti dei due partiti’
l’invasione russa
1 gior
Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina
Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
1 gior
Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti
Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
balcani
1 gior
Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue
Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
1 gior
Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’
Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
© Regiopress, All rights reserved