laRegione
19.11.21 - 08:00
Aggiornamento: 18:34

Unicef: ‘L’indignazione non serve, servono i fatti’

Dopo la morte, causata dal freddo, di un bambino al confine bielorusso, l’Unicef lancia un monito all’Ue: ‘Devono applicare ciò che hanno ratificato’

Ats, a cura de laRegione
unicef-l-indignazione-non-serve-servono-i-fatti
Keystone

«Tutti i paesi europei hanno firmato la convenzione per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza»; se la notizia del bambino morto di freddo al confine tra la Polonia e la Bielorussia è confermata ora, «non possono solo indignarsi, devono applicare ciò che hanno ratificato. L’Ue ha lasciato morire bambini e bambine in mare, ora lascia morire bambini e bambine di freddo. Non si può più dire ‘basta’, ora ci aspettiamo un gesto concreto». Il portavoce di Unicef Andrea Iacomini ammette di non poterne più di sentire «le parole di indignazione delle istituzioni del mondo che quando accadono queste cose riempiono i giornali di frasi circostanza» e ricorda la vicenda di Aylan, il cui corpicino riverso sulla sabbia divenne un simbolo del dramma dei migranti.

Anche in quel caso tanta indignazione ma nulla di concreto. «Non abbiamo più il diritto di dire ‘basta’, lo devono dire i genitori, i nonni di quei bambini che sono sul confine. Noi europei la parola ‘basta’ non possiamo permetterci di dirla perché non abbiamo fatto nulla per fare in modo che queste cose non accadessero più. Aylan vi sta guardando. Dovete rispondere al padre di Aylan!».

«Tra un giorno – conclude – andiamo a celebrare la carta in cui tutti gli Stati europei e del mondo si impegnavano a non torcere un capello a nessun bambino o bambina, impegno disatteso lasciando che venissero trucidati i bambini in Siria, Yemen, facendoli morire in mare e di freddo. È inaccettabile».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
23 min
Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte
Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
30 min
Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora
Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
38 min
Voto in Bosnia: sconfitto il secessionista Dodik
Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, presidente uscente della Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
2 ore
Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’
Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Russia
3 ore
Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’
Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
4 ore
Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino
Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
6 ore
Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno
Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
10 ore
Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese
Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
Gran Bretagna
11 ore
Passo indietro: le tasse dei ricchi restano dove sono
Liz Truss e il suo ministro delle Finanze annullano il piano fiscale che non era piaciuto ai mercati facendo sprofondare la sterlina
Stati Uniti d'America
12 ore
Florida sotto accusa, soccorsi in ritardo dopo l’uragano
Un’ottantina di morti ed enormi i danni per Ian che ha colpito con estrema violenza (qui l’uragano Fiona) anche l’isola di Porto Rico
© Regiopress, All rights reserved