laRegione
san-suu-kyi-incriminata-anche-per-frodi-elettorali
myanmar
16.11.21 - 19:25
Aggiornamento: 19:50
Ansa, a cura de laRegione

San Suu Kyi incriminata anche per frodi elettorali

Un altro capo di imputazione contro il Nobel, l’undicesimo, che non lascia dubbi sull’intenzione dei militari di eliminare lei e l’intera opposizione

Un altro capo di imputazione contro il Nobel, l’undicesimo, che non lascia dubbi sull’intenzione dei militari di eliminare lei e l’intera opposizione.

“La Signora”, detenuta in luogo segreto dal colpo di Stato dello scorso febbraio, dovrà rispondere ora anche dell’accusa di frode elettorale relativa al voto del novembre 2020, in cui il suo partito trionfò. Per Suu Kyi, che già rischia una pena cumulativa di 102 anni di carcere, è ormai un calvario legale da cui non si vede una via di uscita.

Suu Kyi, 76 anni, e altri quindici funzionari del suo partito (tra cui l’ex presidente della repubblica Win Myint) e della precedente Commissione elettorale saranno processati per una serie di “frodi elettorali e azioni illegali” in connessione alle elezioni legislative in cui la “Lega nazionale per la democrazia” (Nld) ottenne l’8% dei seggi, umiliando il partito rappresentante degli interessi dell’esercito. Gli atti contestati vanno dall’ostruzione di seggi dove votavano soldati, liste elettorali gonfiate da non aventi diritto al voto, e sostegno della Commissione elettorale alla campagna dell’Nld.

L’annuncio dei nuovi capi di imputazione è stato dato dai media statali, che non hanno aggiunto la data in cui inizierà il processo. Suu Kyi è comunque già gravata da un’altra decina di accuse che vanno dalla corruzione alla violazione di segreti ufficiali. Tutte le udienze si sono finora tenute a porte chiuse, e gli avvocati del premio Nobel per la Pace hanno il divieto di rilasciare dichiarazioni ai media.

Suu Kyi, che non è mai comparsa in pubblico dal momento dell’arresto, rischia di fatto l’interdizione perenne dalla politica, e il suo partito un probabile scioglimento forzato che gli impedirebbe di schierare candidati in elezioni che la giunta militare ha promesso nei prossimi due anni.

La sorte di Suu Kyi riflette quella del suo Paese. Il suo rilascio dagli arresti domiciliari nel 2010, dopo complessivamente 15 anni di reclusione, segnò l’inizio della graduale riapertura dell’allora giunta militare. La salita al potere di Suu Kyi nel 2015, per quanto in tesa coabitazione con i generali, segnò il culmine della volontà popolare. E ora il pugno di ferro del generale golpista Min Aung Hlaing fa trasparire l’intenzione della giunta di tirare dritto senza compromessi.

Almeno 1’200 morti nelle proteste da febbraio, un movimento ormai armato di insurrezione, le condanne internazionali, un’economia allo sfascio: niente sembra in grado di fermare il brusco ritorno della Birmania al passato, e al contempo la progressiva uscita di scena della “Signora” la cui causa appassionò il mondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
birmania frodi elettorali militari myanmar partito san suu kyi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
medio oriente
6 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
8 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
9 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
12 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
12 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
Confine
13 ore
Como: clochard stuprata in centro, fermata una persona
Una donna di 56 anni, senza fissa dimora, è stata picchiata con estrema violenza, presa a bottigliate e stuprata questa notte in piazza Vittoria
Confine
14 ore
Porlezza, salvata turista in pedalò in balìa del temporale
Il Bacino lacuale Ceresio Piano e Ghirla: serve un servizio di pattugliamento da parte delle unità nautiche per rafforzare la sicurezza
Galapagos
19 ore
Sull’isola di Santiago riecco le iguane terrestri
L’ultima popolazione sana di questi animali rosa era stata censita addirittura nel 1835 da Charles Darwin
Estero
19 ore
Gaza, Israele uccide due capi della Jihad. 29 morti fra i civili
Si tratta dei due comandanti militari Tayassir al-Jabari e Khaled Mansour. Oltre 250 i feriti. La Jihad ha lanciato 580 razzi verso Israele
Estero
22 ore
Rifiuti alimentari umani: ‘Una minaccia per gli orsi polari’
Con la riduzione dei ghiacciai questi animali cercano cibo sempre più vicino alle zone abitate
© Regiopress, All rights reserved