laRegione
27.04.22 - 18:52

L’odissea di Aung San Suu Kyi, altri cinque anni di prigione

Processo farsa per corruzione contro la ex leader birmana. La attendono altri dieci dibattimenti con accuse simili

di Alessandro Ursic, Ansa
l-odissea-di-aung-san-suu-kyi-altri-cinque-anni-di-prigione
Keystone
Aung San Suu Kyi fu insignita del Premio Nobel per la pace nel 1991

Cinque anni di prigionia che si aggiungono ai sei di precedenti condanne, e che saranno seguiti da chissà quanti altri: Aung San Suu Kyi è stata giudicata oggi colpevole di corruzione, nell’ultimo episodio di una farsesca odissea giudiziaria iniziata dopo il colpo di stato che la rimosse dal potere nel febbraio 2021. L’obiettivo della giunta militare di eliminare politicamente la leader amata dalla popolazione è ormai evidente. E visto il cumulo di processi all’orizzonte, con reazioni internazionali ormai sopite, è anche chiaro che la strategia sta funzionando.

Suu Kyi (76 anni) è stata condannata per corruzione per aver accettato una tangente di 600mila dollari e oltre 11 chili d’oro da un alto funzionario che in passato era un suo fedelissimo e che poi è diventato il suo accusatore. Come tutti i procedimenti penali che la coinvolgono, il processo si è svolto a porte chiuse, e i pochi partecipanti sono tenuti a non divulgare informazioni. Suu Kyi ha definito l’accusa "assurda", ma dovrà prepararsi a rispondere ad altri dieci processi per corruzione, che insieme agli altri capi di imputazione potrebbero costarle una pena totale di circa 190 anni. L’ex leader di fatto del governo per cinque anni è già stata condannata per aver sobillato la popolazione, violato le norme di emergenza per il coronavirus, e importato illegalmente alcuni walkie talkie.

Nessuno l’ha vista in pubblico dal giorno del golpe, e i militari non hanno mai rivelato dove la tengono prigioniera. La giunta militare, che insiste nel sostenere che Suu Kyi sta ricevendo un giusto processo da tribunali indipendenti, ha di fatto eliminato dalla scena la sua nemesi, colpevole di fatto di averli oscurati nella "transizione verso la democrazia" come i generali l’avevano pianificata. Dopo un golpe motivato ufficialmente dai presunti brogli elettorali con cui la "Lega nazionale per la democrazia" (Nld) di Suu Kyi si riconfermò al potere dopo cinque anni di governo, i militari rassicurano di voler indire nuove elezioni il prossimo anno. Ma è chiaro che senza Suu Kyi, e con chissà quali restrizioni al suo partito e ad altri movimenti democratici, le elezioni rischiano di essere un semplice paravento per la volontà del generale golpista Min Aung Hlaing di rimanere al potere, in un Paese dove già la Costituzione imposta dai militari oltre un decennio fa assicura loro un quarto dei seggi in Parlamento.

La popolazione birmana si è ribellata al colpo di stato con sorprendente energia, e si calcola che almeno 1’800 dissidenti siano stati uccisi, con altri 13’400 arrestati. Oltre a proteste nelle città, la resistenza si è organizzata nelle campagne, anche unendosi a diverse milizie etniche attive in lotta con il governo centrale da decenni. Ma l’esercito, senza mostrare nessuna disponibilità al compromesso, ha semplicemente aspettato che il dissenso di una popolazione stremata, tra Covid e crisi economica, perdesse l’inerzia. E con la comunità internazionale ormai focalizzata su una guerra in Europa e venti di recessione, anche lo sdegno verso gli eventi in Birmania si è annacquato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
1 ora
Walt Disney taglia 7mila posti di lavoro
Il piano di ristrutturazione della nota multinazionale statunitense punta a realizzare 5,5 miliardi di dollari di risparmi
Estero
5 ore
Sisma in Turchia e Siria: il numero dei morti supera i 16mila
Le vittime accertate in Turchia sono 12’909, 3’126 quelle in Siria, che portano il numero totale a 16’035
Estero
17 ore
Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’
Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
19 ore
Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato
Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
20 ore
Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay
Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
23 ore
Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento
L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
1 gior
Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog
Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
1 gior
Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’
L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
1 gior
Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi
Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
1 gior
La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700
Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
© Regiopress, All rights reserved