laRegione
l-ue-lancia-il-caricatore-unico-per-i-dispositivi-mobili
Keystone
Lo standard unico potrebbe diventare realtà nel 2024
23.09.21 - 18:27
Aggiornamento : 19:06

L’Ue lancia il caricatore unico per i dispositivi mobili

La Apple non gradisce. Il commissario Breton: non siamo contro qualcuno, ma contro duplicazioni e rifiuti

Bruxelles – Consumatori e ambiente ringraziano. Apple no. Più volte sul punto di essere varata negli ultimi anni, la proposta di direttiva presentata dalla Commissione europea di un caricabatteria universale, adatto per tutti gli smartphone, tablet, fotocamere, cuffie, altoparlanti portatili e console per videogiochi, è arrivata. E come prevedibile non è andata giù a Cupertino, dove hanno fatto sapere di non gradire affatto lo standard unico delle porte di ricarica e di considerare la mossa come un potenziale ostacolo all’innovazione.

Giunto in sala stampa a Bruxelles reduce da una missione di quattro giorni negli Stati Uniti, il commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, ha cercato di evitare le polemiche. La proposta Ue “non è contro qualcuno, Apple o altri”, ha assicurato, sottolineando che si tratta invece di “un passo importante per aumentare la praticità e ridurre gli sprechi”. Sta di fatto che, se il disegno della Commissione sarà approvato da Parlamento Ue e Stati membri, dal 2024 tutti i dispositivi mobili saranno dotati di un’unica porta universale USB-C per permettere la carica con lo stesso cavo indipendentemente dalla marca del prodotto.

‘Innovazione a rischio’

Uno standard che si scontra con la politica Apple, da sempre proprietaria di una sua tecnologia di ricarica (prima Dock e ora Lightning), che sarebbe costretta ad allinearsi agli altri. Per la società guidata da Tim Cook, una regolamentazione “severa che imponga un solo tipo di connettore” potrebbe “soffocare l’innovazione anziché incoraggiarla”. Da qui l’intenzione di impegnarsi in negoziati con le istituzioni Ue per trovare “una soluzione”.

Ma da Bruxelles hanno ribadito che l’industria ha avuto tutto il tempo necessario – circa un decennio – per trovare soluzioni e i protocolli tecnologici della porta di ricarica USB-C sono “già conosciuti”, quindi non dovrebbero creare grossi problemi a nessuno. Non solo: quello dell’innovazione – ha rincarato Breton – è un ritornello che si ripete ogni volta che l’Ue propone un cambiamento che colpisce le Big Tech.

Mille tonnellate di rifiuti elettronici in meno ogni anno

A guadagnarci sono allora consumatori e ambiente. Gli uni stanchi dei troppi cavi tra cui districarsi ogni giorno e l’altro affaticato dal doverli smaltire. Oltre alla porta comune, Bruxelles prevede l’armonizzazione dei software di ricarica rapida per garantire la stessa velocità di caricamento sui diversi dispositivi. E anche la possibilità di acquistare un nuovo prodotto senza comprare anche il cavo, così da poter utilizzarne uno vecchio. Scelta che Apple ha già introdotto da alcuni anni per i suoi clienti. Tutte misure che stando alle stime di palazzo Berlaymont porteranno ogni anno a un taglio di quasi mille tonnellate di rifiuti elettronici e a un risparmio per i consumatori di 250 milioni di euro su acquisti di caricabatterie non necessari.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
apple caricabatteria caricatore dispositivi mobili thierry breton ue unico
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
9 ore
Via libera del Congresso Usa alla stretta sulle armi
Anche la Camera dei rappresentanti ha approvato il provvedimento, ora sulla scrivania del presidente Joe Biden
Confine
11 ore
L’Italia taglia ancora fino ad agosto le accise sui carburanti
Prorogata fino al 2 agosto la riduzione complessiva di 30,5 centesimi di euro al litro per benzina, diesel, gpl e metano
Estero
13 ore
La Corte Suprema Usa cancella il diritto federale all’aborto
Abolita dopo 50 anni la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto. Ora ogni Stato potrà legiferare liberamente in materia
Estero
13 ore
Germania, abolito il divieto di informare sull’aborto
Il parlamento tedesco ha votato la cancellazione del paragrafo 219a del codice penale, risalente ai primi mesi della dittatura nazista
Confine
14 ore
Schianto a Maccagno, 15enne del Bellinzonese rischia la vita
Un’auto con a bordo una donna e due minorenni è uscita di strada ieri sera. Non sono ancora note le cause dell’incidente
Confine
14 ore
Aumentano i sequestri di valuta alla frontiera
A Brogeda e alla stazione di Chiasso sono stati intercettati oltre 23 milioni di euro. Le violazioni accertate dalla Guardia di finanza sono 663
Estero
17 ore
Onu: la giornalista Shireen Abu Akleh uccisa da forze israeliane
Questa la conclusione dell’inchiesta delle Nazioni Unite. L’uccisione l’11 maggio scorso durante gli scontri a Jenin (Cisgiordania). Israele nega
Confine
17 ore
Mottarone, slitta a settembre il deposito delle perizie
La proroga per ‘sopravvenute esigenze di ulteriori indagini e approfondimenti’. Dai primi accertamenti rilevati dei componenti che andavano sostituiti
Estero
19 ore
Spagna, iniziato lo sciopero del personale di Ryanair
Secondo il quotidiano El País, per il momento la protesta non sta generando particolari disagi ai viaggiatori
Estero
20 ore
Ritiro da Severodonetsk ordinato alle forze ucraine
Il governatore del Lugansk: ‘Non ha più senso rimanere in posizioni che sono state costantemente bombardate per mesi’
© Regiopress, All rights reserved