laRegione
20.07.21 - 19:08
Aggiornamento: 21:59

Pegasus, anche Macron nella lista dei probabili spiati

Con lui in lista altri capi di Stato e di governo. L'Eliseo: ‘Sarebbe un fatto gravissimo’

Ats, a cura de laRegione
pegasus-anche-macron-nella-lista-dei-probabili-spiati
(Keystone)

Lo scandalo Pegasus si allarga drammaticamente. E se fino ad adesso il caso di presunto spionaggio riguardava i giornalisti, ora nella lista dei numeri di telefono da hackerare attraverso lo spyware della israeliana Nso compaiono quelli di ben 14 capi o ex capi di Stato e di governo, tra cui il presidente francese Emmanuel Macron e l'ex premier belga Charles Michel, attuale presidente del Consiglio europeo.

Tra i nomi delle personalità potenzialmente prese di mira anche quello del direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. A rivelarlo sono i diciassette media coordinati dal consorzio di giornalismo no profit Forbidden Stories, tra cui Le Monde, il Guardian e il Washington Post. Dalle ultime rivelazioni emerge come tra i possibili obiettivi dei pirati informatici ci sono almeno tre presidenti e tre capi di governo attualmente in carica, sette ex premier e il sovrano del Marocco.

Molti presidenti africani

Nel dettaglio, oltre a Macron e a Michel, la lista comprende il presidente dell'Iraq Barham Salih, il presidente del Sud Africa Cyril Ramaphosa, il primo ministro del Pakistan Imran Khan, quello dell'Egitto Mostafa Madbouly e quello del Marocco Saad-Eddine El Othmani. Presenti poi alcuni ex primi ministri, tra cui quello del Libano Saad Hariri e quello dell'Uganda Ruhakana Rugunda. A completare l'elenco anche il re del Marocco Mohammed VI, l'ex presidente del Messico Felipe Calderon e il diplomatico statunitense Robert Malley, ex capo negoziatore al tavolo dell'accordo sul nucleare dell'Iran del luglio del 2005. Secondo quanto ricostruito, tra i governi che avrebbero utilizzato il programma — venduto dalla Nso sotto il controllo del governo israeliano — ci sarebbero anche quelli di Ungheria, Marocco, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Durissima la reazione dall'Eliseo, dopo che Parigi aveva già annunciato ore prima le nuove rivelazioni l'apertura di una inchiesta sulla vicenda, parlando del caso Pegasus come di "oltraggio alla privacy" condotta da una "associazione criminale". "Se i fatti emersi dovessero essere confermati, sarebbe ovviamente gravissimo", scrive il palazzo del presidente francese, confermando di fatto le indiscrezioni sul possibile spionaggio ai danni di Macron. "Sarà fatta piena luce su queste rivelazioni di stampa", prosegue la nota dell'Eliseo.

Intanto anche Bruxelles ha avviato le sue verifiche sull'uso del software della Nso per azioni di spionaggio, definendo "inaccettabile" quanto emerso. "Il commissario per il Mercato interno Thierry Breton chiederà ai servizi della Commissione Ue di lavorare sulla vicenda", ha detto il responsabile alla Giustizia Ue, Didier Reynders, spiegando come la vicenda sia stata affrontata dal collegio dei commissari europei. "Stiamo iniziando a raccogliere informazioni per capire quale sia il possibile utilizzo dell'applicazione", ha aggiunto Reynders, sottolineando che si farà ricorso a più fonti, "da quelle giudiziarie alle autorità sulla protezione dei dati".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
coronavirus
6 ore
L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’
‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
russia
7 ore
Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no
La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
7 ore
Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein
La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
Confine
9 ore
Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese
Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
13 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
1 gior
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
1 gior
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
1 gior
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
1 gior
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
© Regiopress, All rights reserved