laRegione
tre-contagi-nel-laboratorio-di-wuhan-nel-novembre-2019
Ti-Press
24.05.21 - 21:11

Tre contagi nel laboratorio di Wuhan nel novembre 2019

Nel laboratorio cinese di virologia si ammalarono tre ricercatori che dovettero farsi ricoverare. Sono le nuove rivelazioni di un rapporto di intelligence Usa

Tre ricercatori del laboratorio cinese di virologia a Wuhan si ammalarono nel novembre del 2019 a tal punto da farsi ricoverare in ospedale: le nuove rivelazioni di un rapporto d'intelligence Usa finora top secret rilanciano i sospetti che il virus del Covid-19 possa essere frutto di un incidente di laboratorio e rafforzano le crescenti richieste di una più ampia indagine indipendente sulle sue origini.

Lo scoop è del Wall Street Journal e arriva in coincidenza con l'Assemblea mondiale della sanità a Ginevra, l'organo legislativo dell'Oms che dovrebbe discutere di una nuova inchiesta sul coronavirus nonché di un trattato per garantire più cooperazione e trasparenza a livello internazionale anche in vista di nuove pandemie. E a favore di un'indagine si schiera anche il noto immunologo Anthony Fauci che non nasconde dubbi sull'origine del virus. Alla domanda se sia stato originato naturalmente, ha risposto: "non ne sono convinto, penso che dovremmo indagare su ciò che è successo in Cina".

Secondo il Wall Street Journal, i dettagli degli 007 vanno oltre il documento diffuso dal Dipartimento di Stato nei giorni finali dell'amministrazione Trump, che parlava di diversi ricercatori dello stesso laboratorio ammalatisi nell'autunno 2019 "con sintomi compatibili sia con il Covid-19 che con le comuni malattie stagionali", come l'influenza. Ora c'è un numero preciso di ricercatori, un periodo più circostanziato e la notizia dei ricoveri, nel mese antecedente al primo caso confermato di Covid, l'8 dicembre 2019. Anche se manca la diagnosi e non è inusuale per i cinesi andare in ospedale quando non si sentono bene, o per scarso accesso ai medici generici o perché possono avere cure migliori. Le fonti del Wsj divergono però sulla solidità delle informazioni. Secondo una persona, sono state fornite da un partner internazionale e sono potenzialmente significative ma richiedono ulteriori accertamenti. Secondo un'altra, provengono da vari interlocutori e sono molto precise.

La reazione di Pechino

Pechino ha reagito indignata sollecitando Washington a farla finita con le teorie del complotto: "Gli Usa continuano a promuovere la teoria della fuga dal laboratorio" ma il rapporto "non è veritiero". "Sono davvero interessati a individuare l'origine del virus o a distogliere l'attenzione?", ha chiesto il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, rilanciando gli interrogativi sulla base militare di Fort Detrick in Maryland e "sugli oltre 200 biolab gestiti dagli Stati Uniti".

Il team dell'Oms che ha indagato a Wuhan ha concluso in un rapporto comune con gli esperti cinesi che il virus si è propagato molto probabilmente da un pipistrello all'uomo attraverso un altro animale e che una fuga da laboratorio è "estremamente improbabile". Tuttavia nello stesso giorno il capo dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha ammesso che il team non ha indagato adeguatamente l'ipotesi dell'incidente in laboratorio e ha sollecitato un'inchiesta più completa, anche perché l'istituto di Wuhan non ha condiviso i dati grezzi, i registri di sicurezza e altri documenti sulle sue ricerche sui coronavirus nei pipistrelli, che molti considerano la probabile causa del virus. Negato finora anche l'accesso alla banca del sangue di Wuhan per testare campioni prima del dicembre 2019.

Così quella che è stata a lungo considerata dagli scettici una teoria cospirativa, sta attraendo sempre più interesse da parte di scienziati che denunciano la carenza di trasparenza da parte della Cina o di prove definitive per un'ipotesi alternativa. Mentre Usa, Ue ed altri Paesi sostengono la necessità di una inchiesta internazionale indipendente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus laboratorio ricercatori wuhan
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
medio oriente
7 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
8 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
9 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
12 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
13 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
Confine
14 ore
Como: clochard stuprata in centro, fermata una persona
Una donna di 56 anni, senza fissa dimora, è stata picchiata con estrema violenza, presa a bottigliate e stuprata questa notte in piazza Vittoria
Confine
14 ore
Porlezza, salvata turista in pedalò in balìa del temporale
Il Bacino lacuale Ceresio Piano e Ghirla: serve un servizio di pattugliamento da parte delle unità nautiche per rafforzare la sicurezza
Galapagos
19 ore
Sull’isola di Santiago riecco le iguane terrestri
L’ultima popolazione sana di questi animali rosa era stata censita addirittura nel 1835 da Charles Darwin
Estero
20 ore
Gaza, Israele uccide due capi della Jihad. 29 morti fra i civili
Si tratta dei due comandanti militari Tayassir al-Jabari e Khaled Mansour. Oltre 250 i feriti. La Jihad ha lanciato 580 razzi verso Israele
Estero
22 ore
Rifiuti alimentari umani: ‘Una minaccia per gli orsi polari’
Con la riduzione dei ghiacciai questi animali cercano cibo sempre più vicino alle zone abitate
© Regiopress, All rights reserved