laRegione
16.05.21 - 21:57

Il mondo a Israele e Palestina: ‘Fermatevi’

Appelli delle Nazioni Unite e del Papa inascoltati. Netanyahu: ‘Andiamo avanti’

il-mondo-a-israele-e-palestina-fermatevi
L’appello del Papa (Keystone)

'Fermate la guerra'. Dalla comunità internazionale si fanno sempre più incessanti gli appelli a israeliani e palestinesi perchè tacciano le armi e si arrivi a un cessate il fuoco immediato, prima che sia troppo tardi. Ma al momento quello che sembra prevalere è un vero e proprio senso di impotenza. L'Onu ha messo in guardia il governo Netanyahu e Hamas dalle conseguenze devastanti che un'ulteriore escalation delle violenze potrebbe avere nella regione mediorientale, ma il Consiglio di Sicurezza appare ancora una volta diviso, incapace di una sintesi unitaria e di andare oltre le parole. A Washington poi si lavora dietro le quinte per trovare una soluzione al conflitto: ma per il momento si respira un'aria di frustrazione, visto che a poco sono serviti finora i richiami alla moderazione di Joe Biden e del segretario di stato Antony Blinken. I Quindici del Consiglio di sicurezza si sono riuniti per la prima volta pubblicamente per discutere la peggiore crisi tra israeliani e palestinesi dalla guerra del 2014. Le tv al Palazzo di Vetro intanto mostravano le immagini dell'ultima strage a Gaza, dove sono rimasti uccisi almeno 192 civili tra cui 58 bambini.

L'asse Tel Aviv-Washington

"Questo ciclo di violenza e di morte deve finire, devono finire questa distruzione e questa disperazione che spingono sempre più lontano ogni speranza di coesistenza e di pace", le parole di Antonio Guterres. Al richiamo del segretario generale della Nazioni Unite si sono uniti tutti, dalla Cina alla Russia, dagli Stati Unti ai Paesi europei membri del Consiglio di sicurezza, ma la strada verso un documento, una dichiarazione comune appare in salita, con Washington che non allenta il suo sostegno incondizionato nei confronti di Israele e afferma di andare avanti coi suoi canali diplomatici. Mentre Pechino si offre a sua volta di invitare le parti nel tentativo di riallacciare un dialogo e avviare dei negoziati. Sulla riunione, però, irrompono le ultime affermazioni del premier israeliano Netanyahu, affermazioni che gelano il Palazzo di Vetro: "L'operazione a Gaza richiederà ancora tempo, quello che sarà necessario". E Bibi non tralascia di sottolineare come gli Usa sono dalla sua parte. Così Biden in queste ore appare sempre più in difficoltà: incapace finora di assumere un atteggiamento meno compiacente nei confronti di Israele, ma allo stesso tempo impotente, non in grado di influenzare le decisioni di Netanyahu con cui pure è in stretto contatto.

L'Europa resta a guardare

Il lavoro sotto traccia del segretario di stato Blinken e quello dell'inviato Usa spedito ormai giorni fa a Gerusalemme per adesso non ha portao a risultati tangibili, così come il colloquio telefonico tra Biden e il leader dell'autorità palestinese Abu Mazen. Intanto si muove anche Bruxelles, con l'Alto rappresentante Ue per la politica estera Josep Borrell che ha convocato per martedì un vertice straordinario dei ministri degli esteri europei, definendo "inaccettabile" il numero delle vittime civili degli ultimi giorni. E il titolare della Farnesina Luigi Di Maio mercoledì pomeriggio è atteso alla Camera e al Senato per un'informativa sulla sicurezza del Mediterraneo alla luce dei fatti in Medio Oriente. "Devono cessare le violenze e tutti gli attacchi tra Israele e Palestina. E l'Ue deve prendere una posizione chiara e unitaria e lavorare per spingere le parti a sedersi al tavolo dei negoziati", l'invito del ministro degli esteri. A sollecitare azioni concrete della comunità internazionale contro "gli attacchi selvaggi" di Israele contro Gaza sono stati infine il presidente iraniano Hassan Rohani e quello turco Recep Tayyip Erdogan nel corso di una telefonata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
2 ore
Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016
Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
la guerra in ucraina
4 ore
Bombe russe a Zaporizhzhia, colpito centro oncologico a Kherson
‘Base russa in costruzione a Mariupol’. Putin andrà a fare una visita nel Donbass
Estero
5 ore
Snowden ha preso il passaporto russo
L’esperto informatico, nel 2013, decise di desecretare in autonomia migliaia di documenti top secret del suo Paese, gli Stati Uniti
iran
5 ore
‘Abolita la polizia morale’, ma il regime non conferma
Mistero sulla frase del procuratore generale alla vigilia di nuove proteste di piazza. Demolita la casa di una scalatrice che gareggiò senza velo
italia
6 ore
La ticinese Schlein si candida per la segreteria Pd
In concorrenza a Bonaccini: ‘Parte da noi una storia nuova’. Botta e risposta con l’ex segretario Renzi sul suo exploit alle Europee
Stati Uniti
8 ore
Covid, età media dei decessi in calo negli Stati Uniti
Dai 78 anni del 2020 ai 69 anni del 2021. Tra le ragioni la maggiore copertura vaccinale degli anziani e le specifiche misure preventive
Betlemme
9 ore
Betlemme con l’abito natalizio: acceso l’Albero
Entrano nel vivo in Cisgiordania le festività. E tornano i pellegrini: con 90mila prenotazioni dagli Stati Uniti ritrovate le cifre del 2017
Indonesia
10 ore
All’asta un arcipelago indonesiano con più di 100 isole
Widi Reserve, una sorta di paradiso terrestre incontaminato, in vendita al miglior offerente. Per partecipare serve un deposito di 100’000 dollari
Estero
10 ore
Continua a guadagnare quota il traffico aereo
Movimenti saliti del 45% a ottobre. Quasi colmato il drastico abisso scavato dalla pandemia di coronavirus
Confine
12 ore
Vende cocaina nel parcheggio del supermercato, arrestato
In manette un 25enne albanese fermato a Tavernola mentre cedeva la dose a un ticinese. Sequestrati anche 17mila euro.
© Regiopress, All rights reserved