laRegione
25.05.21 - 21:30

Gli Usa tendono la mano ad Abu Mazen

‘Sì alla sicurezza di Israele, no a colonie e annessioni’. Pronti 75 milioni di dollari per i palestinesi e riapertura del consolato a Gerusalemme Est

Ansa, a cura de laRegione
gli-usa-tendono-la-mano-ad-abu-mazen
Manifestante pro-Palestina a New York (Keystone)

In poche ore Joe Biden ha buttato a mare quattro anni di politica di Donald Trump in Medio Oriente. Un colpo di spugna affidato al segretario di Stato Antony Blinken che - modi cortesi e parole chiare - nella sua prima visita ufficiale a Gerusalemme e Ramallah ha in pratica rovesciato le carte in tavola. A partire dall'annuncio che gli Stati Uniti intendono riaprire il Consolato a Gerusalemme est, titolare dei rapporti con i palestinesi, chiuso da Trump quando aveva deciso lo spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Ma Blinken ha soprattutto sottolineato che gli Usa si oppongono "ad azioni unilaterali che possano minare le prospettive per una giusta e durevole pace" in Medio Oriente. E le ha elencate: "Attività di colonie, demolizioni di case, annessioni di territori, istigazione alla violenza o compenso per individui che commettono atti di terrore". Riferimenti diretti sia ad Israele sia ai palestinesi, ma distanti anni luce da quelli della precedente amministrazione. Il tutto, ha spiegato Blinken al premier Benyamin Netanyahu, senza deflettere dall'impegno Usa "per la sicurezza di Israele".

Questo, ha raccontato Blinken, è il primo dei 4 punti che Biden gli affidato. Il secondo riguarda "la stabilità", il terzo "le necessità umanitarie per la ricostruzione di Gaza", il quarto "il rafforzamento delle relazioni con i palestinesi". Per non fermarsi alle parole, Blinken ha annunciato quindi l'intenzione di far sbloccare al Congresso Usa aiuti economici per i palestinesi pari a 75 milioni di dollari. Oltre a questi, interventi diretti alla ricostruzione di Gaza per altri 5,5 milioni dollari e un robusto assegno - secondo Haaretz di 32 milioni - all'Unrwa, l'agenzia Onu per i rifugiati palestinesi. Con la premessa, più volte ribadita insieme a Netanyahu, che neanche un centesimo debba essere usato da Hamas per "il suo riarmo".

Anni di gelo

L'apertura nei confronti dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) è stata evidente: dopo anni di gelo tra Ramallah e Washington, l'arrivo di Blinken nella capitale amministrativa della Cisgiordania è stata una prima volta che non voleva passare inosservata. Abu Mazen ha colto al volo una mossa diplomatica che lo riporta al centro della scena politica per rivitalizzare la soluzione a 2 Stati che Trump aveva cancellato. "Ringraziamo gli Stati Uniti - ha detto il presidente palestinese al termine del lungo colloquio con Blinken - per il sostegno allo Stato di Palestina". Poi ha rilanciato la sua di politica: "Speriamo che il futuro sia pieno di attività diplomatiche guidate dagli Stati Uniti e dal Quartetto (che include anche Onu, Ue e Russia, ndr), al fine di raggiungere una soluzione giusta e globale basata sul diritto internazionale".

Lontani i tempi quando Abu Mazen - costretto in un angolo da Trump - bollava gli Usa come "non più partner di pace". Prima di lui Blinken aveva riaffermato - dopo averlo detto anche a Netanyahu - di essere venuto a Ramallah per sottolineare l'impegno del governo degli Usa "alle relazioni con l'Anp". Una distensione - ha notato una tv israeliana - legata forse alla possibilità che l'Anp possa sospendere il suo ricorso alla Corte penale dell'Aja contro Israele. Ma l'arrivo di Blinken in Israele - dove ha visto anche il ministro degli Esteri Gabi Ashkenazi e quello della Difesa Benny Gantz - ha certificato il diverso passo con la leadership israeliana anche rispetto all'Iran. "Spero che gli Usa - ha detto Netanyahu - non tornino all'accordo sul nucleare". Poi ha aggiunto: "Qualunque cosa succeda, Israele si riserva il diritto all'autodifesa contro un regime impegnato alla nostra distruzione".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 ore
L’Ue sempre più tecnologica: arrivano i droni 2.0
Potranno essere impiegati per servizi di emergenza, mappatura, ispezione e sorveglianza, consegna urgente di medicinali o anche come ‘aerotaxi’
Thailandia
5 ore
Tutti i monaci positivi all’antidroga: chiude il tempio buddista
Accade in Thailandia. I religiosi sono risultati positivi al test anti-metanfetamina e inviati in una clinica specializzata
Estero
20 ore
La protesta cinese è un foglio bianco
Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
20 ore
Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia
Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
ITALIA
21 ore
A Ischia si scava nel fango, ora è allarme maltempo
I soccorritori sono alla ricerca di quattro persone, disperse dopo la frana di sabato
Estero
1 gior
Riesumato il corpo di Saman, integro e con gli stessi abiti
Esame autoptico della 18enne pachistana che si ritiene sia stata uccisa a Novellara dai familiari per contrastare una relazione amorosa
Cina
1 gior
In Cina la polizia picchia e arresta un reporter della Bbc
Ed Lawrence è stato preso a calci e trattenuto per diverse ore per poi essere rilasciato. Il portavoce di Pechino: ‘Non si è qualificato come giornalista’
Estero
1 gior
C’è un’ottava vittima nella frana ad Ischia
Individuato il corpo di un uomo nella zona di Casamicciola Terme devastata dall’alluvione di sabato mattina
italia
1 gior
Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni
Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
1 gior
Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’
Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
© Regiopress, All rights reserved