laRegione
16.04.21 - 20:29
Aggiornamento: 20:48

Almeno 41 morti in un naufragio al largo della Tunisia

Unhcr e Oim aggiornano il bilancio. E ribadiscono: necessario potenziare ed espandere le operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale

almeno-41-morti-in-un-naufragio-al-largo-della-tunisia
Keystone
Ennesima tragedia nel Mar Mediterraneo

Tunisi – È di almeno 41 morti - i cui corpi sono stati finora recuperati - il bilancio del naufragio di un'imbarcazione di migranti al largo di Sidi Mansour, in Tunisia, avvenuto ieri sera. Lo afferma una nota congiunta di Unhcr e Oim. L'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati e l'Organizzazione internazionale per le migrazioni si dicono "profondamente rattristate".

Secondo i rapporti delle squadre locali di Unhcr e Oim, tre sopravvissuti sono stati salvati dalla Guardia costiera tunisina, mentre continuano gli sforzi alla ricerca di altri eventuali superstiti. Sulla base delle informazioni iniziali, tutti coloro che sono morti provenivano dall'Africa subsahariana, si legge nella nota.

290 morti quest’anno sulla ‘rotta tunisina’

"Questa tragica perdita di vite umane sottolinea ancora una volta la necessità di potenziare ed espandere le operazioni di ricerca e soccorso guidate dallo Stato in tutto il Mediterraneo centrale, dove circa 290 persone hanno perso la vita finora quest'anno", affermano le due organizzazioni. "La solidarietà in tutta la regione e il sostegno alle autorità nazionali nei loro sforzi per prevenire la morte e perseguire i trafficanti e i trafficanti dovrebbero essere una priorità”.

A inizio marzo altri 39 rifugiati e migranti erano morti al largo della costa vicino alla città tunisina di Sfax. Finora quest'anno le partenze via mare dalla Tunisia verso l'Europa sono più che triplicate rispetto allo stesso periodo del 2020.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Russia
42 min
Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’
Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
56 min
Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino
Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
3 ore
Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno
Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
7 ore
Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese
Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
Gran Bretagna
7 ore
Passo indietro: le tasse dei ricchi restano dove sono
Liz Truss e il suo ministro delle Finanze annullano il piano fiscale che non era piaciuto ai mercati facendo sprofondare la sterlina
Stati Uniti d'America
8 ore
Florida sotto accusa, soccorsi in ritardo dopo l’uragano
Un’ottantina di morti ed enormi i danni per Ian che ha colpito con estrema violenza (qui l’uragano Fiona) anche l’isola di Porto Rico
Estero
9 ore
Putin ‘fuori controllo’, ma la minaccia atomica pare improbabile
Il capo del Pentagono, Lloyd Austin, in una intervista alla Cnn, ha commentato le minacce nucleari del presidente russo
Russia
9 ore
‘Non sono pronto a uccidere’, rapper si toglie la vita
Ivan Petunin, 27 anni, detto Walkie, ha compiuto l’estremo gesto in segno di protesta contro la guerra scatenata da Vladimir Putin
Brasile
10 ore
Sul filo di lana Lula va al ballottaggio con Bolsonaro
A pesare sul risultato sarebbero stati gli indecisi, il tasso di astensione e quanti hanno creduto di abbracciare la scelta del ‘voto utile’
Estero
18 ore
Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio
Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
© Regiopress, All rights reserved