laRegione
Francia
02.09.20 - 11:49

Iniziato il processo per la strage a Charlie Hebdo

Sul banco degli imputati 14 presunti complici dei tre assalitori. In aula presenti diversi sopravvissuti agli attentati

iniziato-il-processo-per-la-strage-a-charlie-hebdo
Davanti alla sede del tribunale (Keystone)

Il processo per gli attentati di gennaio 2015 a Parigi contro la redazione di Charlie Hebdo e il supermercato Hyper Cacher si è aperto questa mattina davanti alla corte d'assise speciale di Parigi ad oltre 5 anni dagli attacchi jihadisti. Nei 3 giorni di terrore seminati a Parigi e dintorni dai fratelli Kouachi e da Amédy Coulibaly, autori degli attentati, morirono 17 persone. Tutti e 3 gli autori rimasero uccisi dalle forze speciali di polizia e gendarmeria.

Sul banco degli imputati, 14 accusati, sospettati a diversi livelli di complicità e sostegno logistico agli autori delle stragi, che segnarono l'inizio di un'ondata di attentati senza precedenti nel paese. Il processo, che si svolge fra rigidissime misure di sicurezza, durerà fino al 10 novembre.

Presenti diversi sopravvissuti

In aula sono presenti diversi sopravvissuti agli attentati, giornalisti o ex affiliati alla rivista Charlie Hebdo, che per l'inizio del processo ha ripubblicato le vignette blasfeme con le caricature di Maometto, che suscitarono le ire dei fondamentalisti islamici. Gli imputati sono in due gabbie di vetro attorniate da poliziotti con il volto coperto dai passamontagna.

"Non dobbiamo aver paura - ha dichiarato l'avvocato di Charlie Hebdo, Richard Malka - né del terrorismo, né della libertà. In fondo, lo spirito di Charlie è quello di rifiutare la rinuncia alle nostre libertà, la rinuncia a ridere o a essere blasfemi".

Oltre ai 14 imputati, sono accusati in contumacia Hayat Boumedienne, compagna di Coulibaly convertita al jihadismo e segnalata ancora alla macchia in Siria, e i fratelli Belhoucine, anch'essi scomparsi nei giorni che hanno preceduto le stragi e segnalati al confine fra Iraq e Siria.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
medio oriente
9 ore
Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna
In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
16 ore
Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare
Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
16 ore
‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina
Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
17 ore
Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’
Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
20 ore
In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea
La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
20 ore
Elon Musk diventa il più ricco d’America
Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
inghilterra
21 ore
Ben 27 miliardi di monete dovranno essere sostituite con Cr3
Reso noto il nuovo sigillo dedicato a Carlo III, monogramma che sarà utilizzato su edifici pubblici, documenti, francobolli e invii postali
LA GUERRA IN UCRAINA
23 ore
Un agosto a Kaliningrad
Il mio amore per la Russia non può giustificare l’Operazione militare speciale in Ucraina.
Stati Uniti
1 gior
La Florida si prepara all’uragano Ian
Sono 300mila le persone che sono state evacuate dalle aree più esposte
Giappone
1 gior
Al via i funerali di Stato per Abe (con protesta)
Migliaia le persone che partecipano alla cerimonia funebre, anche se non manca chi si dice contrario ai funerali di Stato per l’ex presidente
© Regiopress, All rights reserved