laRegione
Estero
29.06.20 - 21:280

Trentamila sospettati in Germania di pedofilia

Scoperta una rete di contatti con ramificazioni internazionali

Le dimensioni abnormi dell'orrore, e la "naturalezza" dei pedofili nel commettere e conversare dei propri abusi: sono questi gli elementi agghiaccianti che vengono fuori dalle indagini, partite dal centro tedesco di Bergisch Gladbach, su una rete criminale internazionale di pedofili, che ha fatto emergere tracce di circa 30 mila sospettati. Lo sconcerto degli inquirenti è stato trasmesso all'opinione pubblica dalle parole del ministro della Giustizia del Land del Nordreno-Vestfalia, che in conferenza stampa ha spiegato la difficoltà psicologiche degli stessi investigatori alle prese con l'inchiesta.

Finora sono 44 i bambini individuati come vittime, e liberati dalla morsa dei loro orchi. Fra questi c'è perfino un neonato di tre mesi. Sul web, migliaia di pedofili si scambiano non solo materiale pedopornografico, ma anche informazioni e consigli, su come ad esempio rendere accomodanti i bambini - ha raccontato, secondo quanto riferito da diversi media tedeschi - e si incoraggiano gli uni con gli altri ad agire, nei casi in cui si manifestassero delle incertezze. Un resoconto agghiacciante, quello fornito dall'amministratore regionale Peter Biesenbach, il quale ha commentato: "Non sospettavo neppure lontanamente questa dimensione degli abusi dei bambini in rete. Dobbiamo ammettere che questi crimini sono molto più diffusi di quanto immaginassimo".

Ad inquietare gli inquirenti anche il "registro scontato usato nella comunicazione" che "desta particolare apprensione e disturba profondamente". C'è il timore, infatti, che "un'atmosfera dei questo tipo possa favorire un calo dei freni inibitori, stimolando ad agire anche persone altrimenti intimorite, in mancanza di un contesto del genere". Biesenbach, che ha annunciato la formazione di una taskforce speciale di cyber-detective, ha anche contestato le norme vigenti, che ancora non permettono in Germania di registrare i dati di collegamento di persone che spesso agiscono sotto pseudonimo. E del resto l'inasprimento delle leggi in materia è stato oggetto di uno contro politico nelle scorse settimane in Germania, fino a quando la ministra della Giustizia (SPD), inizialmente più garantista, ha annunciato un irrigidimento delle pene anche sulla pedopornografia.

Le investigazioni sulla rete, che coinvolgono sei procure tedesche, procedono intanto sotto forte pressione, per evitare che gli abusi proseguano. Le indagini erano partite a ottobre, su un caso emerso nella città di Bergisch Gladbach, nelle vicinanze di Colonia. Si era poi arrivati a ricostruire una rete di 71 sospettati, e a maggio era stato arrestato un soldato di 27 anni, colpevole di abusi nei confronti di 4 bambini, fra cui i suoi figli. Nel corso dei mesi la rete si è rivelata via via più grande, fino alla scoperta di un network internazionale, con epicentro nei paesi di lingua tedesca. Dove migliaia di pedofili non si limitano a scambiarsi materiale pedopornografico, ma postano i video di abusi e violenze commesse sui minori. Per le indagini, nel mese di giugno, sono stati coinvolti fra i 120 e i 140 investigatori al giorno. Da mesi vengono analizzati enormi quantità di materiale, con un carico psicologico notevole anche per chi lavora sul caso, è stato riferito. 
 
 
 
 

TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Usa, oltre 50mila casi in 24 ore. Trump: "Abbiamo fatto bene"
Il presidente statunitense ribadisce: il coronavirus sparirà. In America Latina la pandemia corre in Brasile: colpite oltre 2,6 milioni di persone.
Estero
11 ore
Razzismo: sgomberata zona occupata a Seattle, 31 arresti
La zona vicino al Congresso era occupata da settimane da manifestanti che protestavano per l'uccisione di George Floyd
Italia
17 ore
Lugano, ditta implicata nello sbarco di 14 tonnellate di droga
Stando ai documenti doganali sequestrati a Salerno, in città ci sarebbe la sede della società coinvolta nel più vasto traffico internazionale di anfetamine
Foto e video
Estero
19 ore
Hong Kong: migliaia in piazza, almeno 80 arresti
Alta tensione al raduno a Causeway Bay per protestare contro la nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta dalla Cina
Estero
1 gior
Il Mississippi ammaina la bandiera confederata
Quella del Mississippi era l'unica bandiera che ancora raffigurava nel suo disegno la bandiera degli Stati Confederati d'America
Estero
1 gior
L'Ue riapre le frontiere a 15 Stati ma non agli Usa
I confini esterni dell'Unione europea riaperti a 15 Paesi terzi, tra cui la Cina, ma a condizione di reciprocità. In Italia resta la quarantena.
Estero
2 gior
Hong Kong, la Cina vara la legge sulla sicurezza nazionale
La mossa, che ha causato la dura opposizione di Usa, Ue e Gran Bratagna, è vista come una stretta all'ampia autonomia della regione
Estero
2 gior
In America Latina i casi aumentano ma con meno forza
Osservata una diminuzione dei contagi rispetto alla media delle scorse settimane
Estero
2 gior
Il Boeing 737 Max torna a volare
Dopo uno stop di 15 mesi a causa di due incidenti, il velivolo è tornato nei cieli avviando il processo di certificazione con la Federal Aviation Administration.
Estero
2 gior
Messico, per i 43 studenti scomparsi forse una svolta
Uno dei principali sospettati del sequestro del 2014 è stato fermato dalla polizia settimana scorsa.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile