laRegione
bullismo-processo-per-un-minore-comasco-e-sette-ticinesi
(Ti-Press)
10.04.21 - 16:32
Aggiornamento : 12.04.21 - 10:55

Bullismo, processo per un minore comasco e sette ticinesi

Cinque mesi di bullismo ai danni di un coetaneo, all'epoca 15enne. Botte e persecuzioni riprese in video e condivise con i compagni di scuola

di Marco Marelli

Un 17enne comasco, la scorsa settimana, è comparso davanti al giudice del Tribunale dei minori di Milano, per aver preso di mira, assieme a sette amici ticinesi, un coetaneo che frequenta una scuola di Lugano. Cinque mesi di bullismo, tra gennaio e maggio 2018, con atti persecutori, botte riprese con il telefonino e poi condivise via snapchat con i compagni di scuola. Il giovane comasco, che all'epoca dei fatti aveva 15 anni e i sette coetanei ticinesi sono accusati a vario titolo di stalking, lesioni, minacce, rapina e danneggiamento aggravato. Nell'elenco delle accuse mosse al minorenne anche il reato di ricettazione essendo stato trovato in possesso di un Rolex e di un Patek Fhilippe di provenienza sospetta e spaccio di sostanze stupefacenti, per  aver ceduto marijuana a compagni di scuola.  Mentre il giovane comasco è comparso davanti il tribunale dei minori del capoluogo lombardo, i sette ticinesi saranno giudicati dalla magistratura dei minori di Lugano. L'udienza a Milano è stata aggiornata a dicembre. In questi mesi il minorenne comasco, su richiesta del difensore avvocato Ferruccio Felice di Campione d'Italia sarà sottoposto ad accertamenti psicologici per verificare la possibilità di procedere alla messa in prova, evitando in questo modo la condanna. Gli atti contestati al gruppo sono stati compiuti tra Lugano e Como. Innanzitutto, insulti, minacce, botte e derisioni in pubblico. Nell'aprile 2018 la giovane vittima è stata rapinata della catenina d'oro che aveva al collo. Inoltre, gli otto minori sono accusati di aver più volte sporcato, rovinato e distrutto gli abiti. A fine maggio la decisione di raccontare ai genitori l'incubo durato cinque mesi. Genitori che hanno denunciato i fatti sia ai carabinieri di Como che alla polizia cantonale che hanno attivato due procedimenti penali. Uno in Ticino a carico di sette ragazzi residenti tra Lugano e Chiasso, l'altro in Italia nei confronti del giovane comasco.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bullismo lugano scuola
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Armi nucleari, Giappone e Usa chiedono trasparenza alla Cina
I due Paesi stanno limando gli ultimi dettagli di una proposta che conduca Pechino a un maggiore impegno per il disarmo dei propri arsenali
Estero
2 ore
Sudafrica: ancora devastanti inondazioni sulla costa Est
Il mese scorso circa 500 persone erano già state costrette ad abbandonare le loro case
Estero
2 ore
Francia, accuse di violenza sessuale per il neoministro Abad
Il politico smentisce: ‘Queste voci riferiscono di atti o gesti che mi sarebbero semplicemente impossibili a causa del mio handicap’
Estero
2 ore
Tempesta in Germania, un morto e quasi 60 feriti
Particolarmente colpita la Renania Settentrionale-Vestfalia: un tornado ha attraversato Paderborn ferendo 43 persone venerdì
Estero
3 ore
Afghanistan, da oggi le conduttrici in tv a volto coperto
Ieri si erano ribellate all’ordine dei Talebani di nascondere il viso, ma ‘l’emittente ha subito pressioni’
Confine
5 ore
Carrozza a soqquadro: soppresso un treno diretto a Chiasso
Quattordici giovani, tra i 15 e i 21 anni, sono stati denunciati ieri dai carabinieri
Estero
LIVE
Esplosioni nelle regioni di Kiev e Zhytomyr
Nel frattempo il parlamento ucraino ha approvato l’estensione della legge marziale fino al 23 agosto. Segui il live de laRegione
Estero
7 ore
Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia
Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
7 ore
Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi
Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
8 ore
Un carro attrezzi per rimuovere solo... le vetture straniere
L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
© Regiopress, All rights reserved