laRegione
12.03.21 - 13:50
Aggiornamento: 15:21

Il denaro fermato a Brogeda serviva per rilevare un'attività

Lo ha dichiarato il 21enne fermato con la somma in dogana con 215mila euro in banconote a 20 e 50 euro. Per gli inquirenti l'uomo è un corriere di valuta

di Marco Marelli
il-denaro-fermato-a-brogeda-serviva-per-rilevare-un-attivita
Il contante sequestrato (Guardia di Finanza)

Una consistente provvista di denaro in contanti per rilevare una attività commerciale a Lugano. È quanto dichiarato dal 21enne commerciante italiano di origine cinese quando lunedì scorso a Brogeda, mentre entrava in Ticino al volante di un'autovettura, è stato trovato in possesso di 215mila euro, in banconote da 20 e 50 euro. Una versione che a funzionari di dogana e Guardia di finanza di Ponte Chiasso è apparsa poco convincente, anche se è noto che i cinese per i loro affari utilizzano il contante. I cinesi non hanno l'abitudine di versare i soldi in banca. Se proprio lo devono fare, ricorrono a istituti di credito del loro Paese di origine, senza tuttavia utilizzare a bonifici bancari, ma affidando capitali in fuga a loro connazionali in volo per Pechino.

“Oltre all'ingente somma di denaro abbiamo trovato e sequestrato agende commerciali con annotate consistenti movimentazioni di denaro”, fa sapere il tenente colonnello Andrea Alba, comandante del gruppo della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso. Quanto scritto nelle agende sembra supportare l'ipotesi che il 21enne possa essere un corriere di valuta e che, quindi, quello di lunedì non sarebbe un caso isolato. Se ne saprà di più dopo gli accertamenti disposti dalla Procura di Como, anche in considerazione del fatto che i 215mila euro intercettati a Brogeda sono frutto di un reato: evasione fiscale.

Se questo venisse accertato la posizione del 21enne si aggraverebbe, in quanto rischia l'accusa di riciclaggio di soldi sporchi. Per ora nei suoi confronti sono state applicate misure amministrative: il sequestro di 102'500 mila euro. Il 21enne, lunedì a Brogeda, è stato trovato in possesso di due Rolex che, fatture alla mano, ha dimostrato di aver acquistato a Milano. Insomma, non ci sarebbero reati. I due orologi sono comunque stati trattenuti.

Leggi anche:

Ponte Chiasso, sequestrati 100'000 euro in dogana

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
9 ore
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
10 ore
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
10 ore
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
10 ore
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
12 ore
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
15 ore
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
16 ore
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
17 ore
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
19 ore
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
Confine
19 ore
Falsi test positivi per il green pass, 11 indagati a Varese
I tamponi venivano effettuati da due infermieri conniventi all’esterno di una farmacia estranea alla vicenda. Costo totale: 500 euro
© Regiopress, All rights reserved