laRegione
30.03.22 - 08:47
Aggiornamento: 16:46

Crescita di premi e utile nel 2021 per il gruppo Vaudoise

Nonostante la pandemia e i danni derivati dovuti a grandinate e inondazioni, lo scorso anno si è chiuso con un risultato eccellente

Ats, a cura de laRegione
crescita-di-premi-e-utile-nel-2021-per-il-gruppo-vaudoise
Keystone
Il Ceo Jean-Daniel Laffely

Il gruppo Vaudoise ha realizzato nel 2021 un risultato definito eccellente, malgrado un contesto influenzato dalla pandemia e dal maltempo che nella Svizzera tedesca ha portato a notevoli grandinate e inondazioni.

L’utile consolidato si è attestato a 134 milioni di franchi, il 9% in più dell’anno prima, emerge dai dati diffusi oggi. I premi sono progrediti del 5% a 1,2 miliardi, con incrementi rispettivamente del 2,7% nel settore vita e del 5,9% in quello danni. I fondi propri hanno beneficiato dei buoni rendimenti sui mercati finanziari e sono aumentati del 16%, superando i 2,4 miliardi.

«Siamo molto felici di questo risultato – afferma il Ceo Jean-Daniel Laffely –. Confrontati con un anno segnato dalla pandemia e da catastrofi naturali, abbiamo potuto contare sull’enorme impegno delle nostre collaboratrici e dei nostri collaboratori, e sul nostro solido modello d’affari, senza mai mancare di umanità, empatia ed efficienza». Riguardo al futuro la società si aspetta una crescita sia nel settore vita che in quello non vita nel 2022, nonostante le ripercussioni della crisi del coronavirus e della guerra in Ucraina.

Fondata nel 1895, la compagnia Vaudoise è una delle dieci più importanti della Svizzera e l’unica con il centro decisionale nella Svizzera romanda. L’organico dell’azienda, presente anche in Ticino e nei Grigioni, comprende 1’680 dipendenti. La società è quotata alla borsa svizzera: dall’inizio del 2022 l’azione nominativa ha praticamente marciato sul posto, mentre sull’arco di un anno la performance è negativa, pari al -8%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
3 gior
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
3 gior
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
4 gior
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
1 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
1 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
1 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
2 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
2 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
2 sett
Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe
Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
© Regiopress, All rights reserved