laRegione
24.02.22 - 11:32
Aggiornamento: 14:37

Banca Cler, risultati in crescita e base di capitale più ampia 

Nel 2021 l’istituto finanziario, presente anche in Ticino, ha conseguito un utile di esercizio di 79,5 milioni (+15,4%). Patrimoni a 21,2 miliardi

banca-cler-risultati-in-crescita-e-base-di-capitale-piu-ampia
Keystone

Nel 2021 la Banca Cler (presente anche in Ticino) ha aumentato il risultato d’esercizio del 15,4% a 79,5 milioni di franchi, mantenendo il suo trend positivo. Questo risultato è stato reso possibile dalla crescita nelle operazioni d’investimento, dai minori costi di rifinanziamento e da una strategia aziendale e d’investimento attenta ai costi, si legge in un comunicato stampa. I proventi d’esercizio hanno beneficiato dell’andamento positivo delle tre componenti del risultato principali: il risultato netto da operazioni su interessi è cresciuto dell’1,3%, il risultato da operazioni in commissione e da prestazioni di servizio del 4,6% e il risultato da attività di negoziazione del 3,4%. Grazie allo sfruttamento di sinergie in seno al gruppo Bkb (Banca cantonale di Basilea) e a una maggiore efficienza, i costi d’esercizio si sono ridotti del 5,7%. L’utile dell’esercizio, pari a 40,5 milioni di franchi, ha superato quello dell’anno precedente (+1,1%).

La strategia di crescita nelle operazioni d’investimento dà buoni frutti

Al 31.12.2021 il volume dei depositi e dei capitali di previdenza nella Soluzione d’investimento si attestava a oltre 1,4 miliardi di franchi, registrando una crescita di 380,4 milioni di franchi (+35,8%) nell’arco di un anno. A fine 2021 la quota delle Soluzioni d’investimento Sviluppo sostenibile, pari a 642,3 milioni di franchi, rappresentava già il 44,5% (31.12.2020: 35,1%). La possibilità di beneficiare dei vantaggi di una gestione patrimoniale professionale già a partire da un capitale iniziale di un franco è tuttora molto richiesta e ha contribuito in misura sostanziale al trend positivo.

Nuovo record per il patrimonio della clientela

Al 31.12.2021 la Banca Cler gestiva un patrimonio della clientela pari a 21,2 mia. di franchi, il che corrisponde a un aumento di 0,6 miliardi (31.12.2020: 20,7 miliardi). Il patrimonio della clientela raggiunge quindi il valore più alto mai registrato nella storia della Banca Cler.

Con un aumento di 238,5 milioni di franchi a 13,3 miliardi (31.12.2020: 13,1 miliardi), anche i depositi della clientela toccano un nuovo record, a cui hanno contribuito in particolare le crescite conseguite sui conti privati e di risparmio.

Mentre la Banca Cler è riuscita ad aumentare i crediti ipotecari nel segmento strategico degli immobili a uso abitativo, ha dovuto fare i conti con una riduzione negli altri segmenti, ossia edifici a uso ufficio e commerciale, oggetti artigianali e industriali. Nel complesso i crediti ipotecari hanno registrato un lieve calo di circa lo 0,6% (0,1 miliardi di franchi) scendendo a 15,9 miliardi.

Esperienza positiva per i clienti nelle succursali moderne e nel contatto digitale

Anche nell’esercizio 2021 la Banca Cler ha investito nell’ulteriore miglioramento dell’esperienza dei clienti. Le succursali di Bienne, La Chaux-de-Fonds, Neuchâtel, Soletta, Yverdon e Zugo sono state ristrutturate secondo il nuovo concetto. Inoltre a gennaio 2022 si è concluso il rinnovo della zona clienti presso la sede principale della Banca Cler all’Aeschenplatz di Basilea. La riorganizzazione di questa sede, incentrata sulla combinazione innovativa di area clienti e zona gastronomica, ha permesso di creare un’atmosfera davvero particolare. Così il nuovo approccio di banca di consulenza moderna può considerarsi implementato in tutte le succursali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved