laRegione
forte-calo-delle-imposte-per-le-imprese-svizzere-dal-2019
Keystone
Nidvaldo (qui Hergiswil, ai piedi del Pilatus) fa meglio di Hong Kong
18.01.22 - 15:16
Aggiornamento: 17:26
Ats, a cura de laRegione

Forte calo delle imposte per le imprese svizzere dal 2019

Da una ricerca del Bak Economics risulta che Nidvaldo ha sostituito Hong Kong al primo posto della graduatoria delle regioni fiscalmente più attrattive

Berna – Negli ultimi due anni le imposte sono fortemente calate per le imprese svizzere. Lo sostiene una ricerca del Bak Economics che indica come Nidvaldo abbia sostituito Hong Kong al primo posto della graduatoria delle regioni fiscalmente più attrattive.

L’onere fiscale, spiega Bak Economics in una nota, è diminuito significativamente in seguito al progetto Riforma fiscale e finanziamento dell’Avs (Rffa), approvato dal popolo in votazione il 19 maggio 2019. La fiscalità dei territori concorrenti esteri è invece rimasta relativamente stabile.

Calo del 3% in media dal 2017

In seguito all’adozione della Rffa, la maggior parte dei cantoni ha abbassato le imposte sugli utili e sul capitale. Ciò ha portato a una chiara riduzione dell’onere fiscale effettivo (Eatr) per le imprese, indica il Bak. La media dell’Eatr, ponderata in base al Pil di tutti i 26 cantoni, è scesa di -1,9 punti percentuali, ossia dal 15,8% al 13,9% tra il 2019 e il 2021. Il calo è di 3,0 punti se si considera il 2017 come anno di riferimento pre-Rffa (Basilea Città e Vaud avevano anticipato la riforma).

A livello cantonale, l’andamento è variabile da 0 (nessun cambiamento) a circa -10 punti percentuali. Il calo è particolarmente significativo nei cantoni in cui la pressione fiscale era precedentemente alta per gli standard svizzeri. Conseguenza: le differenze fra i cantoni sono diminuite. A livello regionale, la Svizzera centrale continua ad avere una pressione fiscale bassa rispetto alle altre regioni, quella orientale media e le altre grandi regioni piuttosto alta.

Trend internazionale

A livello internazionale, la tendenza verso la riduzione dell’onere fiscale per le imprese è osservata dal 2003. Tale trend è seguito anche dalla Svizzera che ha sempre mostrato dei livelli di tassazione inferiori alla media internazionale.

Negli ultimi due anni, le località concorrenti internazionali hanno tuttavia mantenuto l’onere fiscale relativamente stabile. La media internazionale ponderata in base al Pil dell’indice di tassazione calcolato dal Bak – il Bak Taxation Index – è scesa di soli -0,2 punti percentuali dal 2019 (26,4%) al 2021 (26,2%). In Europa, sono in particolare la Francia (-5,2 punti) e il Belgio (-2,0) ad aver registrato le riduzioni maggiori.

Nidvaldo in testa al ranking mondiale

Nel confronto internazionale, l’attrattiva fiscale dei cantoni svizzeri è quindi migliorata. Nel 2021 Nidvaldo ha sostituito il precedente leader Hong Kong (9,9%) in cima alla classifica internazionale.

La media dell’Eatr ponderata in base al Pil svizzero – 13,9% – è ora inferiore alla pressione fiscale di Singapore. Allo stesso modo, la Svizzera mostra dei livelli di tassazione inferiori rispetto ai Paesi vicini: l’Austria è al 22,5%, l’Italia al 23,2%, la Francia al 27,1% e la Germania al 29,3%.

Il Bak Taxation Index misura l’attrattiva fiscale di tutti i 26 cantoni svizzeri e delle loro più importanti località concorrenti a livello internazionale, calcolando l’onere fiscale per le imprese e per i dipendenti altamente qualificati.

L’indice è misurato per una società di capitali che è composta da parti uguali di diverse attività (attività immateriali, edifici industriali, macchinari, attività finanziarie, inventari), che è finanziata attraverso diverse fonti (utili non distribuiti, debito, nuovo capitale) e che ha un rendimento ante imposte del 20%.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bak cantoni imprese nidvaldo onere fiscale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
21 ore
Il franco praticamente ai massimi di sempre sull’euro
Nel pomeriggio la moneta europea valeva 0,9875 franchi: minimo storico astraendo dal 15 gennaio 2015, giorno dello stop al cambio minimo fissato dalla Bns
Economia
2 gior
Euro ai minimi storici nelle quotazioni con il dollaro
Il rallentamento dell’economia e la politica meno aggressiva sui tassi da parte della Banca centrale europea zavorrano la moneta unica
Economia
1 sett
Per la Bns 5,74 miliardi di franchi in valuta estera
È l’ammontare dei riacquisti operati dalla Banca nazionale svizzera nel primo trimestre dell’anno
Economia
1 sett
Prospettive fosche per l’economia svizzera
Lo indica l’Istituto di ricerche congiunturali (Kof) del Politecnico di Zurigo. Difficoltà in particolare per le esportazioni e la produzione industriale.
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, vendite stabili in maggio
Rispetto all’anno scorso, tenendo conto di rincaro e giorni lavorativi, in termini reali il giro d’affari è diminuito dell’1,6%
Economia
1 sett
La Fed ha perso 6-7 mesi e ora deve inseguire gli eventi
La conseguenza: una pericolosa accelerazione della stretta monetaria. Quadro economico assai incerto, soprattutto in Europa
Economia
2 sett
Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni
Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita
Economia
2 sett
Raiffeisen riconferma il CdA per i prossimi due anni
Assemblea generale ieri a Locarno. Il presidente Thomas A. Müller è stato confermato alla carica con il 96% dei voti
Economia
2 sett
Altri guai giudiziari per la filiale francese di Ubs
L’istituto bancario elvetico verrà processato per presunte molestie sui due ex dipendenti all’origine delle rivelazioni di frode fiscale
Economia
2 sett
Ubs e Credit Suisse rafforzano le loro basi patrimoniali
Entrambe le banche hanno superato i requisiti della regolamentazione ‘too big to fail’. Lo indica un rapporto sulla stabilità della Bns
© Regiopress, All rights reserved