laRegione
forte-ripresa-in-vista-se-la-vaccinazione-accelerera
Archivio Ti-Press
Marc Bros de Puechredon, della direzione del Bak Economics
Economia
30.03.21 - 18:010
Aggiornamento : 18:21

Forte ripresa in vista se la vaccinazione accelererà

È quanto prevede il Bak Economics per il Pil del 2021 che dovrebbe segnare un +3,4%. Performance che dovrebbe salire al 3,7% l’anno prossimo

I ricercatori di Bak Economics prevedono una forte ripresa economica nel corso del 2021. Gli esperti dell’istituto renano, confortati dall’avanzamento della campagna di vaccinazione, ipotizzano per l’anno in corso un aumento del Pil svizzero del 3,4%. Gli specialisti del Bak si sono espressi oggi in questi termini durante una conferenza online. La stessa stima era già stata formulata in una newsletter due settimane fa.

L’ottimismo contagia anche il 2022, per il quale la crescita immaginata del Pil si fissa al 3,7%. Correggendo i valori dagli effetti degli eventi sportivi, che hanno un impatto importante sul prodotto interno lordo elvetico a causa della presenza sul territorio di associazioni internazionali, ci si attende un incremento del 3,1% per quest’anno e del 3,5% per il prossimo.

Anche se la crisi scatenata dalla pandemia sta ancora colpendo il Paese, i ricercatori nutrono grandi speranze relative ai vaccini. Più velocemente le immunizzazioni procedono e più velocemente l’economia ne beneficerà e minori saranno le misure di confinamento, ha affermato Marc Bros de Puechredon della direzione generale del Bak durante un evento in streaming appositamente per la Svizzera italiana. 

Ad aiutare sarà anche il pacchetto di stimoli confezionato negli Usa dall’amministrazione del presidente Joe Biden, sottolineando così l'importanza dell’economia a stelle e strisce per tutto il pianeta, Svizzera compresa.

Malgrado queste prospettive tutto sommato rosee, la situazione del mercato del lavoro andrà monitorata da vicino. Nei prossimi mesi vi è infatti da mettere in preventivo un aumento dei disoccupati, la cui quota potrebbe raggiungere il 3,8%. Il sostegno durante la crisi è stato comunque senza precedenti, ha proseguito Marc Bros de Puechredon, e tuttora la Svizzera è ben al di sopra del suo record pre-Covid per quanto riguarda il ricorso al lavoro ridotto.

Per quanto riguarda il Ticino la disoccupazione sarà più elevata nel corso del 2021 rispetto al resto della Svizzera. «La cosa interessante è che tende ad abbassarsi più velocemente rispetto alla media nazionale con il settore industriale messo meglio di quello dei servizi (mille disoccupati in media contro i cinquemila dei servizi, ndr)», ha ricordato ancora Marc Bros de Puechredon.

Nonostante ciò, è probabile che il fallimento di alcune aziende sia stato solo rimandato. In certi casi vi saranno verosimilmente licenziamenti dopo la scadenza del lavoro ridotto. La situazione dovrebbe distendersi entro la fine del 2022, quando, secondo il Bak, il tasso di disoccupazione scenderà di nuovo al 2,8%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
3 ore
DiaSorin prende Luminex, fusione da 1,8 miliardi di dollari
Diagnostica molecolare, l'azienda italiana acquisisce quella americana leader del mercato e produttrice fra l'altro di test per il Covid
Economia
2 gior
Credit Suisse inasprisce le condizioni per gli hedge fund
In particolare Credit Suisse sta passando da requisiti di margine statici a dinamici, scrive l'agenzia Bloomberg facendo riferimento a Insider
Economia
3 gior
Riserve di divise in crescita per la Banca nazionale
L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 920,55 a 937,40 miliardi. Quinto incremento consecutivo.
Economia
4 gior
Fmi: finora la Svizzera ha gestito bene la pandemia
Il Fondo monetario internazionale per l'anno in corso prospetta una crescita del 3,5% e per il prossimo del 2,8% per la Svizzera
Economia
4 gior
Credit Suisse: le incertezze restano elevate
Dopo l'annuncio delle perdite legate al fallimento dell'hedge fund Archegos e i cambi in direzione la situazione resta incerta
Economia
5 gior
Credit Suisse, prevista perdita di 900 milioni
Il n°1 dell'investment banking Brian Chin e la "Chief Risk and Compliance Officer" Lara Warner lasciano i loro ruoli rispettivamente a fine mese e oggi
Economia
1 sett
Credit Suisse negligente nell’assicurare fondi Greensill
Lo affermano all’agenzia Reuters fonti insider vicine al dossier. La liquidazione ammonterebbe a 10 miliardi di franchi
Economia
1 sett
Il programma di investimenti Usa fa gola alle aziende svizzere
Gran parte degli analisti ritiene che l'economia elvetica trarrà vantaggio dal programma di investimenti americano
Economia
1 sett
Acquisizioni, Firestone Building passa a Lafargeholcim
Il gruppo franco-svizzero rileva ditta statunitense specializzata in coperture per tre miliardi di franchi. Il via libera all'accordo dalle autorità Usa
Economia
1 sett
Autogrill cede le attività autostradali americane
Le ha rilevate un consorzio guidato da Blackstone Infrastructure Partners per 375 milioni di dollari
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile